La ricostruzione dell'ordine internazionale richiederà anni


Molte persone credono che l'operazione speciale militare russa in Ucraina, un tentativo economico l'isolamento dall'Occidente e l'aggravamento generale della situazione internazionale sono fenomeni locali temporanei che sopravvivranno a se stessi nel prossimo anno o due. Dopo l'aggravamento, arriverà un "disgelo", i più grandi partecipanti alla lite internazionale "si fisseranno" in alcuni confini, risultati, compromessi, la configurazione delle forze cambierà in qualche modo e inizierà l'instaurazione di una vita normale. Queste persone vivono con la sensazione di aver bisogno di pazientare un po', di aspettare l'"aggravamento primaverile" politici e tutto tornerà alla normalità.


Si tratta di un profondo malinteso basato su una valutazione errata della portata degli eventi in corso e delle tendenze globali nell'ordine mondiale. Questa è un'illusione pericolosa perché porterà alla delusione e alla disperazione delle previsioni fallite. Già ora dobbiamo prepararci a vivere in modo nuovo, in un'era di grandi cambiamenti.

Nuova era - nuova realtà


Molte persone hanno paura persino di ammettere a se stesse che il mondo è entrato in una nuova era. Nelle discussioni, si può spesso sentire da loro la presunta saggezza cinese "Dio ti proibisca di vivere in un'era di cambiamento". Naturalmente, questo detto non è né un proverbio cinese né alcun tipo di saggezza, e la sua ampia circolazione tra noi mostra solo la paura della coscienza ordinaria prima di grandi cambiamenti. Nei paesi dell'ex Unione Sovietica è particolarmente forte dopo le tragiche conseguenze del crollo del campo, appena compiuto all'insegna della necessità di cambiamenti fondamentali.

Purtroppo, la nostra società non ha imparato appieno le lezioni della storia, non ha apprezzato tutte le conseguenze della "perestrojka", della "glasnost", della "democratizzazione", della "sovranizzazione", della "decomunizzazione". L'unica cosa a cui tutti i politici, gli economisti, i filosofi, i lavoratori, i dipendenti e le casalinghe sono giunti quasi all'unanimità è che il crollo dell'URSS è stata una catastrofe e gli anni '1990 sono stati un periodo difficile per la nostra storia. Tuttavia, non è stata ancora trovata una sola nazione sul pianeta che sarebbe in grado, come un'unica squadra affiatata, di trarre scientificamente e pienamente lezioni dalla propria storia. Pertanto, la valutazione da parte del nostro popolo del crollo dell'URSS e delle sue conseguenze è piuttosto un risultato sullo sfondo degli altri.

Il fatto è che la caratteristica principale del movimento storico è l'inesorabilità del suo corso oggettivo. È possibile ritardare l'inevitabile con ogni mezzo, è possibile avvicinarlo, ma è impossibile fermare il corso della storia, annullare il funzionamento delle leggi oggettive dello sviluppo economico e politico. L'inizio della fase attiva di confronto con l'Occidente nel 2022, le sue forme esterne e la sua intensità sono associate a decisioni specifiche di politici specifici, ma la sua inevitabilità è al di fuori del loro controllo. Puoi incolpare la leadership della Federazione Russa per l'inizio dell'operazione speciale e la leadership dei paesi occidentali per aver gonfiato il conflitto militare, ma questo non cambierà l'essenza della questione. Sarà un battibecco speculativo. Anche un fatto così semplice come l'accumulo di una serie di armi da parte di tutti i principali paesi, che chiaramente non hanno lo scopo di proteggere i propri confini, suggerisce che i preparativi per la risoluzione militare di tutte le contraddizioni non si sono fermati per un minuto, neanche prima o dopo la fine della Guerra Fredda.

A molti sembra che se la leadership statunitense non avesse dichiarato una nuova Guerra Fredda alla Cina, se la leadership cinese non avesse cercato di distruggere l'egemonia mondiale degli Stati Uniti, se la leadership russa non avesse cercato di spremere gli Stati Uniti dall'Europa orientale, allora la situazione attuale avrebbe potuto essere evitata. Infatti, potrebbe essere evitato per un breve periodo, mentre cambierebbero gli equilibri di potenziale delle parti in conflitto, crescerebbero le contraddizioni interne ai diversi paesi ed esterne tra loro, ma il suo esito sarebbe comunque una conclusione scontata. Inoltre, il comportamento proattivo di Russia e Cina, per ragioni oggettive e soggettive, è molto tardivo, perché più lungo è il ritardo con la malattia, più tristi saranno le conseguenze.

La base del conflitto è economica


Il confronto internazionale non si basa sulle decisioni volontaristiche dei politici, non sulla brama genetica di aggressione e violazione del diritto internazionale di alcuni soggetti, ma sulle leggi economiche del mercato. Il modello ideale dell'ordine mondiale, a cui aspirano gli Stati Uniti, è il completo dominio economico su tutti i popoli del pianeta. Tutti commerciano solo in dollari, l'intera massa delle merci appartiene agli oligarchi (corporazioni) americani, tutti i beni redditizi sono nelle loro mani, tutto il reddito viene distribuito da loro e la sovranità degli stati è spinta nella struttura dell'autogoverno locale. Questo modello è dettato dagli interessi economici dei grandi proprietari privati ​​che controllano lo stato americano.

Tuttavia, un tale modello dell'ordine mondiale nella vita reale è impossibile, perché, in primo luogo, la sfera economica non esaurisce tutta la straordinaria ricchezza della vita della società e, in secondo luogo, è impossibile sopprimere completamente altre entità economiche che resistono, competere, lottare per la sopravvivenza e, in terzo luogo, gli stessi Stati Uniti sono relativamente monolitici nella loro linea politica, all'interno dell'America c'è anche una competizione di forze economiche e politiche che non sono contrarie non solo a distruggere i "nemici" esterni, ma anche ad assorbire quelli interni.

Molte nazioni, a livello puramente spirituale, non vogliono vivere sotto il tallone dell'America, vogliono controllare il proprio destino. Molte persone sono disgustate dalla primitiva cultura mercantile americana che accompagna i beni e i capitali americani. Molti popoli stessi non sono contrari a candidarsi per il dominio del mondo.

Nella maggior parte dei paesi del mondo, i loro stessi oligarchi, i loro centri di potere e la concorrenza globale stanno maturando. Vogliono gestire almeno il proprio paese, trarne vantaggio senza l'approvazione e il coordinamento di Washington.

Pertanto, l'era fugace della globalizzazione filoamericana "pacifica", "stabile", iniziata con la distruzione dell'URSS e terminata con la dichiarazione da parte degli Stati Uniti di una nuova Guerra Fredda alla Cina, sta giungendo alla sua logica conclusione. È stato solo un breve periodo di tempo sulla scala della storia, quando il "vincitore dell'impero del male" è stato in grado di imporre le proprie regole e ordini al mondo.

Pertanto, al centro del confronto politico globale ci sono verità molto semplici che sono comprensibili a tutti. Se possiedi un piccolo bar vicino a casa tua, il tuo sogno è "conquistare il mercato" e aprire una catena di caffè in tutta la città, poi in tutto il paese e poi in tutto il mondo. Questa brama è dettata dal desiderio di aumentare i profitti. Quando una tale brama si manifesta non nella sfera della vendita innocua di caffè e panini, ma nella sfera della produzione di denaro, metallo, automobili, energia, portaerei, caccia, bombe e missili, la questione va al livello di relazioni interstatali, grande politica, guerra e pace.

Chi è la verità?


In connessione con quanto detto, sorge una sola domanda: quale lato del conflitto è più giusto in questo caso. Naturalmente, qualsiasi brama di dominio del mondo con il prosciugamento delle risorse e la creazione di condizioni per uno sviluppo diseguale è intrinsecamente criminale e antisociale. Il dominio del mondo dovrebbe essere riconosciuto solo per la scienza e le più alte conquiste della cultura.

Pertanto, tutte le forze che si oppongono al cosiddetto Occidente collettivo, e di fatto all'egemonia statunitense, sono a priori più giuste da un punto di vista storico generale. Inoltre, né la Russia né la Cina, tanto meno i piccoli paesi dai quali l'Occidente sta plasmando frettolosamente oggi un altro "asse del male", mostrano una tendenza al dominio del mondo, imponendo le proprie regole e interferendo negli affari interni di altri popoli. Cioè, il desiderio stesso economico di catturare l'intero mercato mondiale dall'attuale "asse del male" è significativamente soppresso da fattori non economici. E nessuno di loro, fatta eccezione per la Cina, è in grado di rivendicare il ruolo di egemone mondiale solo in termini di potenziale economico.

Il rapido corso della storia, iniziato negli anni '2020, non solo continuerà, ma accelererà anche il suo corso fino a quando non si formerà un nuovo ordine mondiale, più giusto e, spero, più ragionevole. Si poteva contare sul fatto che le "élite" americane avrebbero fatto i conti con la nuova situazione e si sarebbero ritirate dall'ideologia egemonica. Ma la pratica storica mostra che gli imperi in decomposizione non possono essere ragionati, vanno costantemente alla morte, cadendo nell'agonia di folli avventure. Pertanto, la nostra nuova era è particolarmente allarmante per la presenza di armi nucleari, le cui conseguenze sono fatali.

In breve, dovremo vivere in un'era di cambiamento e dobbiamo prepararci non a un “disgelo”, ma a una nuova dura realtà. E dobbiamo lottare non per la revoca delle sanzioni e per un ritorno al passato, ma per la razionalizzazione della nostra economia, per l'industrializzazione e l'autosufficienza. Inoltre, abbiamo un Paese ricco a tutti gli effetti con un potenziale inesauribile di risorse umane.
9 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. goncharov.62 Офлайн goncharov.62
    goncharov.62 (Andrew) Aprile 13 2022 20: 21
    0
    Leggi Ivan Efremov. Fantasia? Non credo... EVR.
  2. svetlanavradiy Офлайн svetlanavradiy
    svetlanavradiy (Svetlana Vradiy) Aprile 13 2022 20: 37
    +5
    Tutto è a posto nell'articolo e l'ultimo paragrafo è particolarmente buono. Spero davvero che il nostro governo segua un percorso verso la completa autosufficienza del Paese, l'alto tenore di vita dei russi e un solido rublo russo. Bene, onestamente, i russi lo meritavano da tempo.
    1. Omas Bioladen Офлайн Omas Bioladen
      Omas Bioladen Aprile 17 2022 23: 13
      0
      Es sei den Russen der Wohlstand gegönnt, doch nicht ohne auf die Gefahren hinzuweisen, daß die Eliten früher oder Später dem billigen Geld verfallen werden und die Geldpresse anzuwerfen weil durch Fehler, Hochmut und Betrug große Löcher entstehen und von fall da ander beginnt Sit , da jeder der laut schreit nun auch Geld bekommen wird: Klimaretter, Umvolker, Banker, Militär, Autoindustrie, Ideologen, Medien. Es entsteht ein Tyrann auf Steroiden ohne klaren Blick für gesunde Verhältnisse. Diese Entwicklung wird zwangsläufig einsetzen und ist kaum zu stoppen wenn man noch Bodenschätze für 100 Jahre hat. Die USA und Europa haben nichts mehr und darum geht es jetzt schnell zuende. Kurz e Schmerzvoll. Darum ist es auch besser wenn Rußland und Europa KEINE Freundschaft haben, da sonst der EURO sich vom kleinen Bruder des Dollar zum kleinen Bruder des Rubels wandeln wird und die Politik des billigen Geldes um 100 Jahre verlängert wird - mit all diesem Wahnsinn.
  3. duha1762 Офлайн duha1762
    duha1762 (Andrew) Aprile 13 2022 21: 04
    0
    "Per chi è la verità?..." - Ho letto di recente la verità con la quale sono completamente d'accordo: "la verità è dietro chi seppellisce i propri figli", ma ora pensa!
  4. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) Aprile 13 2022 23: 46
    +2
    Non sarà la Russia contro l'Occidente. Siamo soli sul palco in questo momento. Il cambiamento inizierà in tutto il mondo. Ecco le elezioni del 2024 negli Stati Uniti, ecco il Medio Oriente, l'Iran, la Corea del Nord e gli eventi più importanti, questa è ovviamente la Cina.

    È improbabile che gli Stati Uniti inizino una guerra fredda contro la Russia e diano alla Cina il tempo di svilupparsi ulteriormente. Dopotutto, è chiaro che i prodotti dell'Occidente che hanno lasciato la Russia saranno sostituiti dalla Cina. In ogni caso, denaro decente dalla Russia affluirà in Cina invece che in Occidente. In un modo o nell'altro, gli Stati Uniti dovranno avviare il "contenimento" della Cina. L'Occidente ha poco tempo per la Russia. Hanno pensato a sanzioni totali per rompere rapidamente la Russia, il sostegno del governo, ma non ha funzionato rapidamente. Come possiamo vedere, l'Occidente ha spremuto il massimo dalle sue capacità, mettendo a rischio anche la sua economia. Sarebbe pericoloso rischiare ancora.

    La Russia può resistere a questo assalto quest'anno, forse meno. Altri processi nel mondo stanno già iniziando lì, e per molti, compresi quelli dell'Unione Europea, la Russia può sembrare una salvezza... il mercato russo, le risorse russe. Il primo a dire "che diavolo è la tua guerra fredda per il bene dei nazisti ucraini o per chi è iniziato tutto questo, la nostra economia sta crollando, le persone stanno diventando più povere. Lavoreremo in Russia, con la Russia e l'abbiamo fatto non me ne frega niente dei decreti di Washington".

    Ma per questo, la Russia deve resistere ora e usare la situazione per il bene. In questo senso, il progetto

    https://ideas.roscongress.org/

    solo una batteria adatta per idee su come sconfiggere rapidamente la corruzione, ad esempio - per cambiare l'atteggiamento nei suoi confronti nella società. E altre idee su come utilizzare il potenziale non rivendicato della Russia, la gestione, l'istruzione, l'ideologia
  5. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) Aprile 14 2022 00: 38
    0
    La legge dello sviluppo sociale scoperta da K. Marx spiega l'obiettivo, indipendente dai desideri delle persone, le cause di determinati fenomeni sociali, e la comprensione materialistica riduce i fenomeni storici alla lotta di classe e alla lotta delle associazioni dominanti per interessi politici ed economici.
  6. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) Aprile 14 2022 09: 15
    0
    Chi è forte ha ragione. Chi è forte economicamente, ha ragione.

    Nel frattempo, la Russia è al 10° posto e sotto negli scambi con i paesi chiave, nonostante la crescita degli approvvigionamenti di risorse neocoloniali. (prima, ovviamente)
    Ma al primo posto ci sono USA e Cina.
    Allora chi sarà ascoltato nell'"ordine internazionale"?
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) Aprile 14 2022 18: 14
      +1
      Chi è forte ha ragione. Chi è forte economicamente, ha ragione.

      Per quanto riguarda l'economia, una tesi piuttosto controversa.
      In primo luogo, non è un dato di fatto, senza la forza militare non ti interessa la tua economia. In una disputa tra due Coree, scommetterei sul nord.
      In secondo luogo, a seconda di come viene misurata l'economia. Se maiuscole e numeri virtuali, allora questo è qualcos'altro. Non puoi alimentare i numeri sul monitor, non puoi cucire vestiti dalle bollette.

      Nel frattempo, la Russia è al 10° posto o meno negli scambi commerciali con i paesi chiave, nonostante la crescita degli approvvigionamenti di risorse neocoloniali. (prima, ovviamente)

      Chi sono i paesi chiave? Se abbiamo zero con gli USA, allora tutto non conta?

      Ma al primo posto ci sono USA e Cina.
      Allora chi sarà ascoltato nell'"ordine internazionale"?

      È strano che tu non abbia ricordato l'Europa o il Giappone. Sembrano avere tutto in ordine con il commercio con i "paesi chiave".
      Nel nuovo ordine mondiale, dovrai spingere i gomiti per un posto sotto il sole e le possibilità della Russia non sono male.
      1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
        Sergey Latyshev (Serge) Aprile 14 2022 23: 42
        0
        1) di solito accompagna. ci sono delle eccezioni.
        2) non piccoli .... Tutti i tipi di Honduras o mnyamas - starnuti, chi è a loro favore.
        3) Beh, non mi ricordavo, e cosa... a cosa serve elencare tutti, quindi è chiaro