Il gigante petrolifero cinese si ritira da Stati Uniti e Regno Unito


Alla luce degli eventi che hanno avuto luogo con le attività di società e privati ​​russi nell'Europa occidentale e negli Stati Uniti, gli uomini d'affari cinesi hanno iniziato a ridurre i grandi progetti in diversi paesi. Ad esempio, secondo Reuters, China National Offshore Petroleum Corporation (CNOOC), che produce petrolio, anche nel Golfo del Messico e nel Mare del Nord, e sviluppa sabbie bituminose in Canada, si prepara a vendere i suoi asset situati nel Regno Unito, negli Stati Uniti e Canada.


Secondo le informazioni ricevute da fonti di agenzia, l'azienda ha già difficoltà a fare affari nei paesi occidentali. In caso di uscita da questo mercato, l'azienda cinese prevede di sviluppare risorse in Africa e America Latina.

CNOOC è la terza compagnia energetica cinese. È gestito dal governo attraverso una filiale registrata a Hong Kong. CNOOC entra nei mercati domestici di altri paesi attraverso l'acquisizione di società nazionali, come è avvenuto, ad esempio, con la canadese Nexen. Oltre ai depositi nei paesi occidentali, l'azienda ha attività in Australia, Indonesia, Kenya e Nigeria.

È impossibile dire con certezza come influirà l'uscita dei cinesi dal mercato occidentale l'economia questi paesi, ma il fatto stesso di un simile ritiro potrebbe indurre le società cinesi più piccole ad abbandonare le partnership con gli Stati Uniti e i loro alleati. L'esempio della Russia, che ha perso parte dei suoi beni e riserve auree all'estero, fa sì che altri paesi, inclusa la Cina, cerchino alternative ai mercati e alle banche occidentali.
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 123 Офлайн 123
    123 (123) Aprile 14 2022 13: 36
    +4
    Hai deciso di non aspettare la "nazionalizzazione"? risata Una decisione saggia sì