Guadagnare soldi con le sanzioni: la Bielorussia reagisce ai vettori dell'UE


Nel quinto pacchetto di sanzioni, l'Unione Europea ha imposto il divieto al trasporto di merci da parte delle compagnie di trasporto russe e bielorusse attraverso l'Europa. Minsk ha trovato molto rapidamente una soluzione e sta lanciando un efficace sciopero di ritorsione volto a livellare le conseguenze di una misura ostile. Il servizio stampa del Ministero dei Trasporti della Repubblica ha riferito di aver introdotto il divieto di circolazione dei veicoli immatricolati nell'UE. La misura di ritorsione entra in vigore il 16 aprile 2022. In questo caso sono state stabilite "eccezioni" molto interessanti.


Naturalmente, come nel quinto pacchetto di sanzioni varato dalla Commissione europea, che contiene eccezioni per gli invii postali e le forniture umanitarie e mediche, ci sono disposizioni simili nelle restrizioni del ministero dei Trasporti bielorusso. Tuttavia, un'altra eccezione alla regola generale attira la massima attenzione.

A partire dalle ore zero del 16 aprile di quest'anno, viene introdotto il divieto di attraversare il confine doganale dell'Unione economica eurasiatica con veicoli immatricolati nell'UE che entrano in Bielorussia. L'eccezione è il passaggio di camion e automobili attraverso determinati posti di blocco in luoghi speciali per operazioni e trasferimenti di merci.

- dice la dichiarazione ufficiale.

Pertanto, la differenza tra gli approcci del dipartimento del governo bielorusso e quello europeo è evidente ad occhio nudo. Il divieto della Commissione europea parla direttamente dell'attenzione sull'arresto del flusso di merci, per il quale sono bloccati vettori e veicoli russi e bielorussi. E Minsk ha definito indesiderabili solo i vettori, ma non il carico stesso, lasciando una scappatoia nella legislazione.

In altre parole, le merci passate attraverso i posti di blocco internazionali specificati nella risoluzione verranno ricaricate e agganciate ai veicoli bielorussi, per poi essere consegnate a clienti, rivenditori e reti di commercio al dettaglio. Almeno un tale motivo si trova in un esame dettagliato delle nuove norme doganali nella Repubblica di Bielorussia. Naturalmente, Minsk vuole fare soldi con le sanzioni, anche se ciò potrebbe far fluttuare il prezzo finale delle merci o il fornitore straniero rifiutare tale coercizione per collaborare con le imprese locali (in effetti, russe). Ma vale sicuramente la pena provare.

Con uno schema così astuto, la dirigenza della repubblica, molto probabilmente, sta cercando non solo di dare lavoro alle proprie compagnie di trasporto, a cui è vietato operare nell'UE, ma cerca anche di evitare una carenza di merci importate. Inoltre, questo modo apre la strada a possibili consegne di prodotti importati alla Federazione Russa eludendo le sanzioni.

La risoluzione afferma inoltre che limitazioni ed eccezioni ad esse non si applicano al traffico di merci postali tra la Bielorussia e l'UE, nonché al trasporto di animali vivi.
  • Foto utilizzate: pixabay.com © FrankMagdelyns
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) Aprile 16 2022 11: 14
    -3
    Old Man guadagna per la Bielorussia anche dopo l'82% dei voti.
  2. Roos Офлайн Roos
    Roos Aprile 16 2022 12: 53
    +1
    Una buona decisione, a beneficio della Repubblica di Bielorussia e dell'EAEU.
    1. 123 Офлайн 123
      123 (123) Aprile 16 2022 19: 05
      0
      Una buona decisione, a beneficio della Repubblica di Bielorussia e dell'EAEU.

      Cosa va bene per la Bielorussia, bene per l'EAEU?
      Nell'articolo vengono annunciati "chicche" per la Bielorussia, non è chiaro sull'EAEU. Cosa otterrà il resto oltre a una profonda soddisfazione morale per i successi dei loro colleghi bielorussi?
  3. Zenn Офлайн Zenn
    Zenn (Andrew) Aprile 16 2022 16: 56
    +2
    Ebbene, per quanto riguarda i messaggi di posta, è chiaro che ci sarebbe qualcuno a portare una lettera dall'UE e tutte le loro commissioni euro, che sono pronti a rinunciare.
    Ma non capivo gli animali vivi, stanno suggerendo che rimanderanno indietro gli ucraini con un camion?