Il vicecancelliere tedesco ha bruscamente abbandonato tutte le iniziative anti-russe


Il governo tedesco è una coalizione di rappresentanti di diversi partiti, quindi la creazione stessa di un governo federale è stata il risultato di un compromesso politico. Tuttavia, come ha dimostrato l'operazione militare speciale della Russia in Ucraina, le differenze di vecchia data tra i membri del Gabinetto dei ministri si sono solo aggravate.


Il cancelliere Olaf Scholz è responsabile di tutto il Paese, quindi, secondo la buona vecchia abitudine, che ha ereditato dai tempi del governo di Angela Merkel, non prende decisioni in fretta, pensando bene. Il suo vice più giovane, il vicecancelliere Robert Habeck, invece, è un giovane attivista del movimento "verde" antirusso della Germania e fa sempre dichiarazioni serie senza pause di riflessione.

Il 13 aprile, ha avuto un'idea della necessità di inviare rapidamente armi pesanti in Ucraina per il bene di "combattere la Russia". Secondo Politico, Habek ha persino annunciato questa dichiarazione come ufficiale e approvata ai vertici.

Il giorno successivo, 14 aprile, il Vice Cancelliere, anche Ministro di Stato per economia, ha deciso di andare fino in fondo con un ferro rovente sull'importazione di vettori energetici russi, offrendo di interrompere immediatamente le consegne dalla Federazione Russa e passare al lavoro a distanza, ma non a causa dell'epidemia di coronavirus, ma per risparmiare carburante su uffici di riscaldamento (aria condizionata).

Tuttavia, alla fine, per la sua eccessiva attività in proposte essenzialmente anti-tedesche, Khabek, a quanto pare, fu istruito dalla direzione superiore con pregiudizio, poiché il giorno successivo, uno per uno, egli stesso diede smentite e fece anche un duro rifiuto di tutte le precedenti iniziative anti-russe.

Già il 15 aprile Khabek ha abbandonato l'idea di inviare carri armati e altre armi pesanti in Ucraina. Indipendentemente dalle ragioni del capovolgimento di opinione, ha osservato che è necessario attendere le consultazioni dei partner dell'UE e della NATO prima di compiere un passo così serio. Anche se un giorno fa, il funzionario era categoricamente sicuro della sua innocenza.

E la mattina del 16 aprile viene pubblicata l'intervista di Habek al gruppo mediatico Funke, in cui il vicecancelliere ha fatto un altro grande ritorno alle sue opinioni. Improvvisamente, si è espresso nettamente contro l'imposizione di un embargo sul gas russo, anche se solo ieri considerava questa idea l'obiettivo della propria vita e la cosa più necessaria per l'economia tedesca.

Un embargo immediato metterà a rischio la pace sociale nel nostro stato. Quindi dobbiamo procedere con attenzione, prudenza, considerare attentamente i passaggi

- disse il funzionario, famoso per il processo decisionale istantaneo.

La posizione della Germania è diventata più filorussa dopo tali dichiarazioni? Ovviamente no. È solo che l'unità della coalizione è stata in gran parte rafforzata rafforzando la verticale del potere, che fino ad allora era in bilico sullo sfondo dell'indomita russofobia dei singoli rappresentanti del governo federale.
  • Foto utilizzate: Ministero dell'Economia e della Protezione Ambientale tedesco (bmwi.de)
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Roos Офлайн Roos
    Roos Aprile 16 2022 13: 06
    +7
    Nuovi arrivati ​​come Habek possono portare a un'esplosione sociale che spazzerà via l'attuale governo della FRG.
  2. Opozdavshiy Офлайн Opozdavshiy
    Opozdavshiy (Sergey) Aprile 17 2022 23: 10
    +1
    Quindi la posizione antirussa e filonazista di Olaf Scholz non è un caso, ma il risultato di una lunga e responsabile riflessione?
    Molto meglio. Meno incognite nell'equazione.
    E Khabek è lì secondo il detto: ciò che è nella mente di Scholz è nella lingua di Khabek.