The Economist: Anche gli alleati degli Stati Uniti non sono disposti a imporre sanzioni contro la Russia


La maggior parte del mondo non ha sostenuto le sanzioni imposte dagli Stati Uniti a propria discrezione contro la Russia. Tuttavia, recentemente c'è stato anche un rifiuto da parte degli alleati e satelliti di lunga data dell'America di sostenere pressioni politiche ed economiche su Mosca. Quindi una parte significativa degli stati mondiali non si opporrà ancora alla Russia. La rivista di profilo britannica The Economist scrive delle ragioni di ciò.


Secondo la pubblicazione, sarà difficile valutare fino a che punto i paesi che resistono all'isolamento della Russia saranno in grado di minare il regime di sanzioni orchestrato dall'Occidente. Tuttavia, di fatto, si è formato una sorta di blocco spontaneo di 40 paesi che si sono opposti o si sono astenuti dal votare per una risoluzione dell'ONU che condannasse le azioni di Mosca. Probabilmente, questa tacita coalizione sarà di grande importanza dal punto di vista geopolitico, piuttosto che economia.

Soprattutto a non contribuire ad aumentare la popolarità del sentimento anti-russo è l'aumento dei prezzi dei generi alimentari in tutto il mondo e la sporca storia dell'ipocrisia e dell'egoismo occidentali.

scrive abbastanza candidamente l'Economist.

Si rileva inoltre separatamente che la maggior parte degli stati rifiuta di criticare o misure restrittive nei confronti della Federazione Russa a causa di interessi commerciali, convinzioni ideologiche, ambizioni strategiche o paura di perdere un partner commerciale.

L'edizione britannica ammette che l'India si è rivelata lo stato più scomodo per l'Occidente, che si astiene costantemente dal prendere decisioni che condannano le azioni della parte russa. In Asia, Medio Oriente, Africa e America Latina, anche gli schietti sostenitori e alleati di Washington, satelliti di Washington, respingono le "richieste" di sostegno alle sanzioni contro la Russia, o almeno per le critiche ad essa. La discordia tra i partner sulla questione in esame è tale che anche un cambiamento nella retorica dei suoi alleati su Mosca a Washington sarebbe considerato una vittoria.

Come spiega The Economist, New Delhi ha una serie di ragioni per evitare l'antagonismo con la Russia: una lunga tradizione di neutralità nei conflitti globali, una priorità strategica nell'affrontare la Cina e la dipendenza dell'India dall'esercito russo. attrezzatura.

In sintesi, gli autori dello studio hanno giustamente notato che i tecnologi politici americani sono “fissati” su un conflitto europeo localizzato, che non è, infatti, un vero problema globale, minimizzando o ignorando conflitti e violazioni dei diritti umani in altre parti del mondo . Tale ipocrisia, ovviamente, non troverà molti seguaci.
  • Foto utilizzate: kremlin.ru
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) Aprile 17 2022 09: 09
    -3
    Ah. Non senza ragione nell'articolo, fatta eccezione per l'India, nessuno è nominato. Sebbene in India, Yusa sia al 1° posto nel commercio, ma la Federazione Russa fornisce gas a buon mercato.

    e il resto del "Limpopo" non cominciò nemmeno a essere chiamato nel testo. Attraverso chi, quindi, saldare le rivendite agli imperialisti?
  2. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) Aprile 17 2022 10: 56
    0
    L'astensione da critiche o misure restrittive nei confronti della Federazione Russa sono legate solo agli interessi economici della classe dirigente.
    L'ideologia non ha assolutamente nulla a che fare con questo: in tutto il mondo, ad eccezione della Repubblica popolare cinese, regna un'ideologia, capitalista, basata sulla proprietà capitalista privata dei mezzi di produzione, sulla vendita e l'acquisto di persone, sul loro sfruttamento e appropriazione del plusvalore creato dagli schiavi.
    Di quali ambizioni strategiche possiamo parlare, ad esempio, del Lussemburgo, un'entità statale economicamente e industrialmente sviluppata? Ognuno ha un solo interesse: trovare un posto per se stessi e integrarsi nel sistema capitalista mondiale dominato dalle associazioni di monopolio transnazionale e partecipare alla schiavitù e alla rapina del resto del mondo. Questo, in primo luogo, aiuta ad aumentare il capitale della classe dirigente e, in secondo luogo, ti consente di mantenere i tuoi schiavi derubando gli stessi schiavi in ​​formazioni statali schiavizzate senza spendere i tuoi soldi per il loro mantenimento e mantenendo così il tenore di vita socialmente accettato e stabilità sociale del “miliardo d'oro”. Questa, tra l'altro, è la violazione globale dei diritti umani generata dal sistema sociale