Dream Chaser: gli americani hanno rubato l'idea sovietica?

Lo shuttle riutilizzabile Dream Chaser potrebbe essere una nuova rivoluzione spaziale: non sarà solo riutilizzabile, ma anche economico. Ma questo è in teoria.



Navette come premonizione

L'idea stessa di componenti spaziali riutilizzabili è molto ricca: il razzo pesante Falcon 9 di SpaceX lo dimostra. Purtroppo, i veicoli spaziali riutilizzabili sono sfortunati. In breve, il concetto stesso è apparso nel momento sbagliato nel posto sbagliato. Sia lo Space Shuttle americano che il Buran sovietico non erano cattive navi. Si sono semplicemente rivelati costosi e complicati. Il fatto è che entrambi i dispositivi sono stati creati con un occhio di riguardo all'uso militare. In teoria, potrebbero essere utilizzati per lanciare in orbita sistemi di combattimento laser o per rubare satelliti nemici. Nessuno contava i soldi per la corsa agli armamenti durante la Guerra Fredda, quindi l'economia era in gran parte condizionata.

Alla fine, gli esperti sono giunti alla conclusione che le navette riutilizzabili non hanno vantaggi in campo civile. La loro reputazione è stata gravemente danneggiata, perché anche i vecchi "Soyuz" erano molto più economici. Il programma Buran è stato chiuso negli anni '90 e lo Space Shuttle ha completato il suo ultimo lancio nel 2011. Tuttavia, secondo una sana logica, prima o poi l'umanità doveva tornare a veicoli spaziali riutilizzabili. Solo loro saranno realizzati tenendo conto delle nuove esigenze dell'economia.


Dream Chaser: economico, riutilizzabile, alieno

Dream Chaser è sviluppato da SpaceDev, una divisione di Sierra Nevada Corporation. Davanti a noi c'è uno "Space Shuttle" notevolmente ridotto: la nave ha una massa di undici tonnellate e la sua lunghezza è di nove metri. Si afferma che la nave trasporterà fino a 5,5 tonnellate alla stazione e tornerà fino a 2 tonnellate sulla Terra. Nella versione con equipaggio, Dream Chaser sarà in grado di trasportare fino a sette persone in orbita: per confronto, solo tre persone possono entrare nella Soyuz.

La stessa navicella è diventata parte dell'ambizioso programma di servizi di trasporto orbitali commerciali della NASA per rifornire la ISS. Dream Chaser aveva concorrenti. Ad un certo punto, i veicoli promettenti parzialmente riutilizzabili sembravano così sicuri che molti si sono precipitati a "seppellire" la nave riutilizzabile. Ma non c'era. All'inizio dell'anno, si è saputo che Sierra Nevada Corporation ha ricevuto il permesso di lanciare Dream Chaser sulla ISS nel 2020. Il dispositivo dovrebbe essere lanciato utilizzando il veicolo di lancio Atlas V. Nell'aprile 2018, è stato riferito che Sierra Nevada aveva assemblato parte dello scafo dello spazioplano e da allora la società ha solo fatto progressi. Roscosmos non può che invidiare il ritmo dei "commercianti privati". Tuttavia, non parliamo di cose tristi, proviamo a capire meglio da dove viene il concetto di Dream Chaser.


"Prima che tutto fosse ..."

Prima che gli americani avessero il tempo di presentare il concetto di Dream Chaser, iniziarono a discutere attivamente di "plagio" negli spazi aperti della Runet. Dicono che la nave non sia nata da sola, ma sulla base del vecchio progetto HL-20, che a sua volta è stato creato sulla base dello spaceplane della serie BOR (aereo razzo orbitale senza pilota), sviluppato come supporto al programma Spiral. C'è del vero in questo punto di vista, ma la questione richiede una considerazione più dettagliata. Il sistema Spiral è stato creato attivamente durante gli anni sovietici. Consisteva in un aereo orbitale e un aereo da trasporto ipersonico. Volevano lanciare lo spazioplano nello spazio usando tecnologia lancio aereo: in questo caso, il lancio di un veicolo spaziale da un'altezza di diverse decine di chilometri.

La Spirale è stata rifiutata negli anni '60, anche se in seguito è stata parzialmente restaurata. Il velivolo orbitale realizzato nell'ambito di esso ha dato vita a un'intera famiglia di curiosi spaziplani, che sono stati lanciati già nell'ambito del programma Buran. Così, nel 1980, fu lanciato il satellite BOR-4S e l'ultimo lancio di un apparato di questa serie fu effettuato nel 1984. È importante notare che questi razzi orbitali senza pilota sono stati lanciati non con il metodo del lancio aereo, ma con l'aiuto del veicolo di lancio Kosmos-3M. Questa circostanza li rende legati al Dream Chaser, che, come già notato, viene lanciato anche utilizzando un lanciatore. Inoltre, l'apparato americano e BOR-4 sono simili puramente visivamente. Ma è qui che finiscono le somiglianze.


Innanzitutto va detto che la genealogia di Dream Chaser, HL-20 e degli spaziplani della serie BOR è condotta più correttamente dal sistema aerospaziale americano X-20 Dyna Soar: "Spiral" è stata creata proprio come misura di risposta, proprio come "Buran" era la risposta sullo Space Shuttle d'oltremare.

Nei lontani anni '50, gli Stati Uniti vedevano l'X-20 come un intercettore / ricognizione / bombardiere spaziale con equipaggio. Gli americani hanno considerato diverse versioni del sistema, ma nessuna di queste è stata implementata e il progetto è stato chiuso immediatamente dopo l'inizio della costruzione. È importante notare qui un aspetto in più, forse anche più significativo. Se l'X-20 Dyna Soar e "Spiral" fossero visti come sistemi di combattimento, allora il Dream Chaser, molto probabilmente, dovrebbe diventare un'astronave esclusivamente pacifica. Questo di per sé lo rende fondamentalmente diverso dagli spaziplani della Guerra Fredda, perché un tale apparato non dovrebbe essere solo affidabile, ma anche economico e confortevole (se parliamo di una versione con equipaggio).

In generale, Dream Chaser e dispositivi della serie BOR hanno capacità diverse, scopi diversi e dimensioni diverse. Questo vale anche per Dyna Soar, il che significa che non è corretto dire che la Sierra Nevada Corporation ha "rubato" uno dei vecchi sviluppi. Dream Chaser può essere definito un veicolo spaziale completamente originale, sebbene sia stato creato tenendo d'occhio i precedenti veicoli spaziali, compresi quelli sovietici.


Separatamente, va detto sulle prospettive dello stesso Dream Chaser. Sembrano molto vaghi a causa della forte concorrenza di nuovi prodotti come Dragon V2. Non c'è dubbio che quest'ultimo apparirà prima. Al momento della messa in servizio del mini-shuttle, "Dragon" sarà in grado di risolvere efficacemente i compiti che lo precedono. SpaceDev sarà in grado di rendere la sua creazione più economica dei suoi concorrenti? Lo impareremo solo con il tempo: qui nessuno dà garanzie.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: https://defence.ru
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 25 September 2018 10: 33
    -1
    la cosa principale è l'attuazione dell'idea.