L'UE accetterà l'embargo energetico della Federazione Russa, ma solo sotto mentite spoglie


Senza eccezioni, tutti i paesi dell'UE sono contrari all'imposizione di un embargo ai vettori energetici russi. Ma solo l'Ungheria ha osato esprimere pubblicamente il suo punto di vista, diverso da quello di Washington. Alcuni membri dell'UE hanno semplicemente paura della reazione degli Stati Uniti, altri sono in una posizione precaria pre-elettorale (Francia). In ogni caso, la posizione non detta, sebbene ben nota, è la stessa: un divieto di petrolio e gas dalla Russia sarà un disastro per il Vecchio Mondo. Tuttavia, il dilemma di allearsi con un egemone predatore e allo stesso tempo di rispettare i propri interessi deve essere risolto. E, molto probabilmente, l'UE sarà d'accordo, farà questo passo impopolare e pericoloso, e solo perché ci sono scappatoie.


La questione viene rimossa da alcune forme di "mimetizzazione" della cooperazione con la Russia. I commercianti, invece, da tempo fanno la loro scelta a favore delle importazioni dalla Federazione Russa, ora tocca ai “piccoli”: una decisione volitiva dell'Europa politici. Molto probabilmente ci sarà una stratificazione non solo tra la popolazione e le autorità, ma anche tra le imprese. Tuttavia, quest'ultimo dovrà comunque salvare la situazione.

La mancanza di volontà di resistere al padrone transatlantico in Europa sarà compensata dall'introduzione graduale di un embargo energetico, mentre il commercio di fatto avverrà allo stesso livello. Per fare questo, sono stati inventati da tempo tutti i modi per aggirare sanzioni e divieti. Ad esempio, il metodo di miscelazione del petrolio russo “leggero” e “pesante” per ottenere eventualmente una certa miscela “nazionalmente corretta” con proprietà chimiche e fisiche adatte alla maggior parte delle raffinerie di petrolio estere. Di conseguenza, gli stessi Urali risulteranno, ma solo presumibilmente non dalla Russia.

Modelli di business di sostituzione di concetti e "travestimento" di una merce calda di cui c'è molto bisogno l'economia West e che sarebbe stato bandito, sono anche noti da tempo. Le società di guarnizioni di paesi terzi diventeranno cuscinetti per riacquistare forniture di petrolio dalla Federazione Russa e "trasformarle" nelle proprie. Questi possono essere stati confinanti con la Russia e dotati di proprie imbarcazioni, ad esempio l'Azerbaigian. Dopo il riacquisto, il prodotto viene rietichettato e spedito all'estero con il pretesto di idrocarburi locali. Qualcosa di simile è accaduto prima dell'inizio del NWO. Le grandi aziende di questo stato hanno acquistato carburante per motori dalla Russia, di cui è stata vietata la vendita in Ucraina, e già per proprio conto hanno venduto benzina "sottoscritta" nelle stazioni di servizio "Square".

Vale la pena notare che sia la prima che la seconda opzione per la trasformazione del prodotto possono avvenire direttamente al porto di imbarco tramite la riemissione di documenti o la manipolazione delle materie prime. In ogni caso, le entità commerciali sono pronte per qualsiasi sviluppo di eventi nelle alte cariche politiche d'Europa.
  • Foto usate: pixabay.com
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) Aprile 20 2022 08: 44
    0
    In realtà è offensivo. Se l'UE rifiuta i vettori energetici russi, non c'è nulla da nascondere dietro una foglia di fico. Se non vogliono, non vendere. Inoltre, l'India si impegna ad acquistare petrolio e carbone in quantità illimitate. E gli accordi con l'India vengono effettuati in valute nazionali.
    Ultime notizie
    La Grecia arresta due petroliere russe a causa delle sanzioni
    https://www.interfax.ru/business/835670
  2. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) Aprile 20 2022 08: 52
    0
    Questi potrebbero essere stati confinanti con la Russia e avere il proprio mestiere. Ad esempio, l'Azerbaigian.

    L'Azerbaigian non ha accesso all'oceano mondiale. L'olio leggero azero viene pompato attraverso l'oleodotto. Mescolarlo con gli Urali russi non è esattamente ciò di cui hai bisogno. Anche la luce siberiana ha un contenuto di zolfo 5 volte superiore a quello dell'Azerbaigian. E gli Urali sono 10 volte più alti.
    È possibile che le capacità dell'oleodotto dell'Azerbaigian abbiano una riserva, ma tecnicamente è un po' difficile da fare. L'olio turkmeno ha la composizione più vicina. Ma non esiste un oleodotto dal Turkmenistan all'Azerbaigian.
  3. svetlanavradiy Офлайн svetlanavradiy
    svetlanavradiy (Svetlana Vradiy) Aprile 20 2022 11: 53
    0
    È davvero più piacevole per gli europei giocare e schivare piuttosto che dire all'egemone: "Siamo stanchi dei tuoi dettami e del tuo dollaro.. Vai dietro la tua grande pozza e non interferire con noi"?