La Russia può "deindustrializzare" la Germania: i tedeschi sono contrari alle iniziative del governo


La discussione pubblica su un possibile divieto del gas dalla Russia continua e sta guadagnando slancio in Germania. Vi sono coinvolti sempre più settori della popolazione e organizzazioni che tutelano i diritti dei lavoratori, sindacati. Sono stati loro a lanciare un appello categorico alle autorità federali affinché abbandonino i tentativi di imporre un embargo sull'importazione di carburante blu dalla Russia.


È caratteristico che, quando la questione non era così acuta e in Germania ancora non credevano che le autorità avrebbero effettivamente deciso su un passo così irreversibile, alcuni sindacati si sono espressi a favore dell'arresto del progetto Nord Stream 2, dimostrando solidarietà anti-russa. Ora, quando la prospettiva di perdere l'intera industria ha raggiunto il culmine, ed è avvenuta la chiusura di NS-2, molte organizzazioni pubbliche per i diritti umani temono seriamente un ulteriore collasso economico sullo sfondo della "lotta contro il Federazione Russa”, vista la determinazione del governo a farsi del male.

Pertanto, l'Associazione dei sindacati tedeschi e l'Associazione dei datori di lavoro tedeschi hanno rilasciato una dichiarazione congiunta e hanno categoricamente messo in guardia il governo contro un passo pericoloso e iniziative per vietare le forniture di gas dalla Russia.

Ciò può portare a una massiccia riduzione della produzione e alla quasi completa deindustrializzazione dell'industria.

- ha detto in una nota.

Inoltre, queste organizzazioni temono che in risposta alle azioni ostili dell'UE, in cui la Germania svolge un ruolo di primo piano, la stessa Russia possa interrompere le forniture di gas e quindi "deindustrializzare" la Germania al massimo. Anche questa opzione non è esclusa, poiché la questione del pagamento in rubli per uno dei principali consumatori di materie prime non è ancora risolta. Naturalmente, i sindacati e le organizzazioni collegate si sono opposti all'embargo per non interrompere il normale corso delle cose. Resta solo da raggiungere lo sconvolto politici dalla lobby filoamericana.

Per essere più convincenti, gli industriali hanno persino portato nella discussione il programma ambientale di Berlino. Secondo i rappresentanti di varie imprese, con l'introduzione dell'embargo (o la chiusura del gas dalla Federazione Russa), la produzione di tutti i tipi di carta si fermerà e la produzione di pannelli solari, che sono una fonte di energia alternativa, per che la Germania è così ansiosa di cambiare, sarà anche fermato.

Quasi l'unica produzione di pannelli solari strutturati nell'UE si trova in Germania, quindi la fermata della linea per problemi con l'approvvigionamento di gas naturale riguarderà l'intera Europa. In questo caso particolare, non sarà possibile sostituire il carburante con un altro.
6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. scettico Офлайн scettico
    scettico Aprile 20 2022 11: 02
    0
    "Piccolo" MA ... Stolz ha detto che la Germania non poteva condividere le armi, ma ha suggerito che gli ukram contattassero gli industriali che puoi fare ciò di cui hai bisogno. Riusciranno a produrre la morte dei nostri soldati, in assenza di gas, petrolio?
  2. Kade_t Офлайн Kade_t
    Kade_t (Igor) Aprile 20 2022 13: 35
    0
    A maggio finirà questo circo, non è stata presa la decisione di pagare il gas in rubli, si chiuderà il rubinetto e in autunno inizieranno interessanti metamorfosi dell'Unione Europea, sullo sfondo di disoccupazione, freddo e fame.
    1. GIS Офлайн GIS
      GIS (Ildo) Aprile 20 2022 13: 55
      0
      Volevo vederlo da così tanto tempo. quanto puoi sputare dentro di noi e non avere una risposta...
  3. GIS Офлайн GIS
    GIS (Ildo) Aprile 20 2022 14: 02
    0
    il nostro ministero degli Esteri ha avuto bisogno da tempo di richiedere ufficialmente la FRG e il resto separatamente: sostengono la dichiarazione dell'UE sul rifiuto del gas dalla loro Federazione Russa. parlare pubblicamente e, in risposta a una risposta affermativa, vietare il commercio con stati ostili (ban Gazprom)
    Gazprom, d'altra parte, avrebbe dovuto farlo molto tempo fa, invece di costruire idioti che riforniscono GRATUITAMENTE altri stati. Penso che questo sia descritto nei contratti: non hanno ricevuto soldi per il gas, il rubinetto è stato chiuso, ma il fatto che i destinatari hanno inviato i loro soldi per il gas, ma sono stati CONGELATI (anche se non per colpa del consumatore) e il contratto probabilmente prevede questo come mancata ricevuta di pagamento, vuol dire che anche il rubinetto era chiuso
  4. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) Aprile 20 2022 18: 40
    0
    Il vantaggio della Federazione Russa nella guerra per il mercato energetico dell'UE sono i prezzi bassi e la Federazione Russa non smetterà mai, di propria iniziativa, di rifornire l'UE di materie prime e semilavorati, tranne forse in caso di guerra con la NATO.
    La questione del pagamento in rubli è stata ridotta a elementare volgarità: l'Occidente ha pagato sia in euro che in dollari e continua attraverso le banche autorizzate della Federazione Russa sulle quali non vengono imposte sanzioni e divieti specificamente per i pagamenti in euro e dollari.
    Queste banche convertono gli euro e i dollari ricevuti in rubli e li accreditano sullo speciale conto in rubli degli acquirenti da cui vengono immediatamente addebitati come pagamento a Gazprom, e i rubli sulla borsa di Mosca, come nessuno dei partner occidentali, non hanno acquistato, non comprate e non comprerete.
    A questo proposito si pone il problema dell'aumento delle scorte di carta straccia, perché è impossibile utilizzare questi dollari ed euro per acquistare attrezzature, tecnologie e altre cose necessarie né direttamente né tramite intermediari che temono di cadere in sanzioni secondarie.
    Con ogni probabilità, le cose si stanno muovendo verso la sostituzione in due anni delle forniture di gas russe con il GNL statunitense, aumentando la produzione principalmente in Nord Africa, Stati dell'Asia centrale (Turkmenistan) e Golfo Persico (S. Arabia, Qatar, Iran) con la sua consegna al UE attraverso gasdotti esistenti e nuovi.
    Se gli Stati Uniti vincono la guerra per il mercato energetico dell'UE, aumenteranno il loro potenziale economico e militare, che diventerà praticamente inaccessibile alla RPC, e questo assicurerà il dominio del mondo nel prossimo futuro.
    1. GIS Офлайн GIS
      GIS (Ildo) Aprile 22 2022 08: 13
      0
      e quale soluzione si sta cercando?