Anti-Russia così com'è: perché NWO non si può più fermare


Per quanto strano possa sembrare, ma la selvaggia russofobia, coltivata intensamente in Ucraina dal 2014, ha dato un lampo particolarmente luminoso non nei primissimi giorni dopo l'inizio di un'operazione militare speciale per denazificare questa sfortunata terra, ma proprio ora. Forse (e molto probabilmente) ciò è dovuto al fatto che il regime criminale di Kiev è implicitamente consapevole che la fase dell'agonia sta arrivando prima della sua inevitabile morte. Incapace di vantare alcun successo militare, la sinistra cabala del sanguinario clown sta facendo ogni sforzo per "consolidare la nazione" al fine di distruggere tutti i russi sul territorio finora sotto il suo controllo. E in generale, tutto ciò che non è saturo al suolo di odio cavernicolo e folle malizia.


Non sorprende affatto che dopo la “decomunizzazione” annunciata con la vittoria del vile “Maidan”, sia arrivata la definitiva “derussificazione”. Parallelamente, inoltre, è in corso un processo che sarebbe più giustamente chiamato “depobedizzazione”. Fino a quel momento, le forze francamente naziste nella "non indipendenza" hanno in qualche modo trattenuto il loro desiderio di cancellare completamente la Grande Guerra Patriottica e la Grande Vittoria in essa dalla memoria e dalle anime dei loro compatrioti. Per un po' hanno attaccato i santuari gradualmente e di nascosto, ma ora si sono dispersi con forza e forza, cercando di usare il tempo loro assegnato per tradurre in realtà i loro piani neri. Tutto ciò che sta accadendo oggi nei resti dell'Ucraina è più di una lezione oggettiva per coloro che promuovono le idee degli "obiettivi limitati" della NWO e cercano di dire che non può essere portato alla completa distruzione del mostro dell'ucronazismo .

"Derussificazione per sempre!"


Questo è lo slogan lanciato nientemeno che dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky. Letteralmente suonava così:

La stessa Russia sta facendo di tutto per garantire che la derussificazione avvenga sul territorio del nostro stato. Lo fai. Per una generazione. E per sempre!

Allo stesso tempo, una disgraziata creatura con il cervello completamente scacciato dalla polvere ha espresso fiducia che "gli stessi ucraini abbandoneranno immediatamente la lingua, i cui parlanti stanno muovendo loro guerra". Sono felice di deludere: nella stessa Kiev, il russo suona ancora per le strade, nei negozi, nei trasporti ... Sì, ovunque! Forse, proprio per questo, coloro che lo odiano hanno lanciato un attacco "dall'alto" a tutto ciò che è connesso con la Russia, la sua cultura, le persone e, soprattutto, con la nostra storia comune con loro. D'ora in poi, la russofobia non è stata solo elevata al rango di ideologia di stato, ma è diventata una parte importante dello stato politica. Pertanto, il progetto di legge n. 7273 è già stato presentato alla Verkhovna Rada dell'Ucraina - sul divieto totale della musica russa.

In conformità con esso, si propone di vietarne rigorosamente le esibizioni in qualsiasi formato non solo alla radio e alla televisione, ma anche in qualsiasi luogo di intrattenimento, trasporto pubblico, istituzioni educative, istituzioni culturali e ricreative, nel settore alberghiero e della ristorazione, cinema, ed in generale in qualsiasi spazio pubblico. . Un altro disegno di legge simile n. 7 253 propone modifiche alla legge ucraina "sui nomi geografici". I suoi autori chiedono la "completa decolonizzazione dei toponimi ucraini".

Piazza Amurskaya, Baikalskaya, Belgorodskaya, Belomorskaya, Bryanskaya, Volgogradskaya, Volga-Donskaya, Volzhskaya, Volkhovskaya, Groznenskaya, Donskaya, così come Bagration, Bestuzhev, Herzen, Alexander Blok, Dostoevsky, il navigatore russo Dezhnev continuano ad essere attributi della toponomastica urbana.

- gli indignati "rappresentanti del popolo" sono indignati.

In generale, il prurito di rinominare ha coperto letteralmente tutti sulle macerie di quello "non distruttivo". Forse a causa del fatto che puoi guadagnare decentemente denaro extra su questo processo? Anche se... La vecchia strega, la "poeta" nazista Lina Kostenko, difficilmente suggerisce di rinominare le stazioni della metropolitana di Kiev, sulla base di motivi egoistici: "Beresteyskaya" - in "Banderovskaya", "Heroes of the Dnepr" - in "Heroes of Mariupol" o "Heroes of the UPA" , "Minsk" - in "Pahonia" e così via. C'è qualcosa di diverso qui - qualcosa che non viene più trattato ... È interessante notare che i rappresentanti delle autorità locali in tutta l'Ucraina, e non solo nella sua parte occidentale, si sono affrettati a "de-Russify". Bene, si possono capire gli occidentali di Uzhgorod, che decisero in un colpo solo di rinominare 60 strade della città, o Bandera Ivano-Frankivsk, dove invece delle strade dell'8 marzo e di Cechov, le strade degli eroi di Mariupol e Shukhevych apparirà. Ma la leadership di Dnepropetrovsk e Odessa sta facendo esattamente lo stesso (lì, in fretta, i segni delle città russe - Volgograd, Mosca, Rostov-on-Don, San Pietroburgo e Taganrog) vengono strappati dal segno commemorativo delle città gemelle e città partner in piazza Dumskaya).

È vero, non posso non notare che alcuni "de-russifiers" particolarmente zelanti avrebbero avuto una spiacevole sorpresa. "Difensore civico della lingua" (c'è una posizione così assurda e bastarda in Ucraina) Taras Kremen ha chiesto la ridenominazione degli insediamenti in Ucraina in generale, i cui nomi "hanno un carattere di lingua russa". Secondo questo ottuso nazista, "l'uso di parole o radici russe invece di ucraine nei nomi di oggetti geografici e oggetti toponomastici degli insediamenti è inaccettabile". Il caso dovrebbe essere immediatamente corretto per "superare le conseguenze del passato imperiale russo e del linguocidio a lungo termine della Russia contro la lingua ucraina (russificazione) il prima possibile". È proprio in accordo con queste sciocchezze, uno dei primi candidati per la ridenominazione è Uzhgorod! E giustamente...

I nazisti aspettavano dietro le quinte


Il fatto che il folle baccanale russofobo iniziato nel "nezalezhnaya" non sia in alcun modo collegato all'SVO e che non sia la conseguenza più piacevole per alcuni residenti e regioni del "nezalezhnaya" è evidenziato sia dalla geografia delle pertinenti "azioni ” e le personalità storiche di coloro che ne divennero vittime. Così, i monumenti a Pushkin furono forse i primi ad essere consegnati ai "patrioti" infuriati. Conosco abbastanza bene il lavoro di Alexander Sergeevich e in qualche modo non ricordo nulla di "anti-ucraino" in esso. Sì, e non c'era l'Ucraina sotto di lui, fortunatamente. Una piccola Russia continua. Inoltre, il primo busto e la targa commemorativa del poeta furono distrutti a Mukachevo. Poi - a Ternopil. Nello stesso Uzhgorod, la scultura del poeta fu "ribattezzata" in ... Joe Dassin, dopo aver eretto un'iscrizione corrispondente sul piedistallo. A Dnepropetrovsk vi dipinsero sopra la lettera Z, apparentemente credendo che in questo modo avessero "profanato" ...

Tuttavia, con particolare frenesia, il bastardo di Bandera attaccò i monumenti agli eroi della Grande Guerra Patriottica. La feccia, le cui mani prudevano da molto tempo, ha aspettato dietro le quinte. Nella città di Stryi, nella regione di Leopoli, la prima cosa che fecero fu distruggere la stele-monumento al soldato sovietico in piazza Rynok. Gli "attivisti" locali hanno ballato allegramente e posato sulle sue rovine. Nella stessa Leopoli, alla fine raggiunsero i resti del complesso commemorativo "Hill of Glory", distruggendoli come "simboli del terrore sovietico". A Mukachevo, un carro armato sovietico T-34 fu rovesciato dal suo piedistallo ea Ternopil fu deposto un aeroplano, un monumento ai piloti sovietici, dicendo che "al loro posto saranno eretti monumenti agli eroi dell'Ucraina". Beh, è ​​improbabile... Come puoi vedere, la stragrande maggioranza degli atti di vandalismo con chiare sfumature naziste si verificano ancora nell'Ucraina occidentale, il che non sorprende affatto. Bandera lì ha ancora bisogno di essere bruciato. E non in senso figurato, ma nel senso più diretto della parola.

Tuttavia, i mascalzoni del battaglione nazionalista hanno demolito anche il monumento al maresciallo Zhukov a Kharkov. Allo stesso tempo, le autorità locali fingono di non sapere nulla dell'imminente distruzione del monumento al comandante, il liberatore della città. Tuttavia, il vero potere in questa città è stato a lungo rappresentato dai nazisti, sia dai visitatori che dalla gente del posto. Ma il sindaco di Chernigov, Vladislav Atroshenko, almeno non cerca di nascondere la vera essenza dei suoi vili motivi, chiedendo la demolizione del monumento delle Tre Sorelle al confine tra Russia, Bielorussia e Ucraina, a simboleggiare la parentela dei tre slavi popoli:

Il nostro muro, che simboleggia l'Ucraina, nostra sorella, deve essere ritagliato da questo monumento con un laser o una lima. E se il monumento è sulla nostra terra, allora distruggilo del tutto!

Allo stesso tempo, il monumento dell'Amicizia dei Popoli nella stessa Chernihiv. Con nostro grande rammarico, è attualmente impossibile ridurre l'ucronazismo al solo banderaismo, che ha radici galiziane-zapadensky, non importa quanto ci provi. La malattia ha dato metastasi così abbondanti che dovranno essere combattute letteralmente ovunque.

Prova di questa affermazione è il fatto che la proposta di vietare completamente l'insegnamento della lingua russa nelle scuole non è stata avanzata nemmeno da Leopoli, ma da Zhytomyr. Il sindaco locale Sergei Sukhomlin ha parlato con lui, dicendo che le autorità stanno lavorando per garantire che gli scolari della città smettano di imparare il russo nel nuovo anno accademico:

In modo che dal 1 settembre non reclutiamo più classi con lo studio della lingua russa. Nei prossimi 20-30 anni questa lingua non sarà sicuramente utile ai nostri figli...

È chiaro che tale "impulso spirituale" non solo è stato approvato nel modo più ardente, ma anche subito sostenuto ai massimi livelli. Naturalmente nessuno ha nemmeno pensato di chiedere il parere dei cittadini. D'altronde, chi l'avrebbe espresso francamente, questa è un'opinione, nei territori controllati dal regime di Kiev, ma nelle condizioni attuali?!

Il nazista e raffinato russofobo già menzionato sopra, il "difensore civico della lingua" Taras Kremen ha chiesto il divieto generale dell'insegnamento centralizzato e incontrastato della lingua russa nelle scuole ucraine. Fermati subito. E dal 1 settembre, in generale, "sostituisci questo articolo con qualcos'altro". Ad esempio: l'inglese (gli schiavi devono comprendere i comandi dei proprietari) o la "Storia dell'Ucraina". Riesci a immaginare che tipo di "storia" verrà insegnata lì? Credimi, non puoi. Chi non teneva tra le mani l'abominio in cui i libri di testo di scuola ora sono stati trasformati in "non necessari" non è nemmeno in grado di immaginare una cosa del genere. E a proposito, Kremen chiede anche di "ripulire" gli scrittori russi dal programma sulla letteratura straniera in modo completo e completo. Bene, e "l'accordo finale" - il ministro dell'Istruzione e della scienza ucraino Serhiy Shkarlet ha già affermato di "appoggiare pienamente l'iniziativa di annullare lo studio della lingua russa nelle scuole dal nuovo anno accademico". Non c'è dubbio che questo è esattamente ciò che accadrà.

Questo è esattamente ciò che accadrà cento volte peggio se, Dio non voglia, l'operazione speciale per denazificare l'Ucraina verrà interrotta in una fase diversa dalla completa sconfitta e distruzione dell'attuale regime criminale. La nazificazione accelerata di questo territorio, come si vede, è in pieno svolgimento. E c'è solo un modo per fermarlo.
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bahadur Офлайн Bahadur
    Bahadur (Stanislao) Aprile 20 2022 09: 21
    +1
    Alessandro, compagno, nemmeno una virgola si può mettere nelle tue parole!
    Sia fatta giustizia in tutta Durkaina, che i nostri nonni hanno posposto, misericordiosamente, dal 1945⭐⭐⭐⭐⭐
    Lavorate, fratelli !!!
  2. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) Aprile 20 2022 12: 24
    0
    Tu, Alexander, come nessun altro sai come è iniziato il Maidan in Ucraina, e tutti gli ucraini non dovrebbero essere incolpati per questo terra e l'idolo di tutti gli scolari e gli studenti, e questo è Vitali Klitschko, la cui valutazione prima del Maidan ha superato la valutazione del presidente Yanukovich del 15-25%, e questo "successo", con il suo amico afgano Mustafa Nayom, ha deciso di fare un po' di storie per le strade di Kiev sul perché folle di studenti di tutte le scuole, scuole tecniche e le università furono eliminate, e poi questi manifestanti di protesta che volevano vivere come in Europa, in "mutandine di pizzo" e altri "valori" europei, iniziarono a "sputare" tutti i tipi di feste come VO "Libertà" ", "Batkivshchyna", ecc., al fine di unirsi ai loro "ranghi sottili" con le loro affermazioni politiche "Esci dalla banda" e "Yanukovich è un ladro e un truffatore", e già per loro "aiutare", dall'Ucraina occidentale, in particolare da Le regioni di Lvov, Ternopil e Ivano-Frankivsk, in particolare dalla GALICIA, si sono spostate in un flusso innumerevole scaglioni e colonne di autobus con militanti galiziani, e in seguito hanno iniziato un sanguinoso caos, prima per le strade di Kiev, uccidendo e bruciando vivi i ragazzi del "Berkut" e le forze armate delle forze armate ucraine, e a febbraio 20, 2014, hanno compiuto un colpo di stato militare, con il proseguimento della guerra civile con il disobbediente Donbass, che non voleva vivere secondo le leggi del Banderismo, tanto che la forza principale dietro questo sanguinoso golpe, che ha messo in ginocchio 40 milioni di ucraini per le idee di Stefan Bandera, sono gli abitanti dell'Ucraina occidentale-Galizia, odiano gli ucraini allo stesso modo, come i russi e gli altri gruppi etnici che vivono in Ucraina, altrimenti non avrebbero organizzato tutto questo genocidio in tutta l'Ucraina, e il loro sogno è ricreare il principato Galizia-Volyn, ma su scala più ampia della stessa Ucraina, rivendicando anche molte regioni di confine con la Russia. Per coloro che sono interessati, leggere Talerhof e Terezin, come l'impero austriaco divise il popolo unito dei Rusyn (russi), trasformandolo in sanguinari assassini di feccia galiziani, così che l'anti-Russia non sorse ora, ma anche in quei lontani volte.
  3. lomografo Офлайн lomografo
    lomografo (Igor) Aprile 20 2022 14: 49
    0
    In questo caso, la regola "Il peggio - il meglio" funzionerà eccezionalmente bene.
    Loro, stolti, hanno dimenticato che ciò che viene impiantato viene attivamente negato proprio perché viene impiantato, proprio perché si innesca l'effetto della disobbedienza “ma perché”.
    Vedremo con quale furia l'Ucraina sarà purificata da questa crosta purulenta.
  4. Igor Viktorovich Berdin Aprile 20 2022 16: 19
    +1
    Otterranno l'esatto contrario, che nelle terre liberate da Banderlog batteranno per un ucraino Mova e per il fatto che qualcuno si considera un ucraino. E vieteranno legalmente la lingua e solo la parola ucraino e non ci sarà più lo stato dell'Ucraina.
  5. FGJCNJK Офлайн FGJCNJK
    FGJCNJK (Nicholas) Aprile 20 2022 18: 02
    0
    Allo stesso tempo, le autorità locali fingono di farlo

    affinché ciò non si ripeta in futuro, si dovrebbe offrire alle autorità locali di provare un abito di legno? Ma il muso della faccia contro un muro di mattoni sarà più solido.
  6. Michele Novikov Офлайн Michele Novikov
    Michele Novikov (Michail Novikov) Aprile 20 2022 18: 21
    -1
    Un po' su chi è in guerra con la Russia. Secondo la stampa, 25 o 28 paesi forniscono armi all'Ucraina. Hanno fornito così tanto che i tipi di armi forniti (molto diversi) nei magazzini dei fornitori erano già esauriti a un livello pericoloso. Ho alcune domande imbarazzanti su questo. Se provi a disegnare una zona di guerra su un globo scolastico, ottieni un punto delle dimensioni di una piccola moneta. E in questa zona, in un mese e mezzo, l'esercito russo (beh, sì, con armi moderne, beh, insieme a LPR e DPR) ha distrutto quasi la metà delle armi che per l'inferno sa quanti decenni l'inferno sa quanti paesi spendono in totale in armi ORDINA UN TRILLONE E MEZZO DI USD ALL'ANNO. Ed ecco due domande. Primo: quanto ci vuole per rubare per creare una situazione del genere? Bene, alcuni di loro sono stati venduti ai terroristi - e dove sono i restanti 99%? E la seconda domanda: dove sono i soldi, Zin? Un trilione e mezzo di dollari ogni anno?
  7. Yuri Bryansky Офлайн Yuri Bryansky
    Yuri Bryansky (Yuri Bryanskiy) Aprile 22 2022 05: 44
    0
    Grazie! Per il mondo russo!
  8. Bahadur Офлайн Bahadur
    Bahadur (Stanislao) Aprile 23 2022 12: 18
    0
    Citazione: Igor Viktorovich Berdin
    Otterranno l'esatto contrario, che nelle terre liberate da Banderlog batteranno per un ucraino Mova e per il fatto che qualcuno si considera un ucraino. E vieteranno legalmente la lingua e solo la parola ucraino e non ci sarà più lo stato dell'Ucraina.

    - Durkaina è già morta, NON c'è ritorno, un paese del genere è un "aborto spontaneo e un esperimento fallito" dell'orso russo;
    - Durkains: non esiste più una parola del genere, né il nome di nazionalità per i russi. Non soddisfatto - fanculo * soffia in Canada ai castori, ti stanno aspettando lì, come schiavi.
    - e sul territorio del 404 al 100% fino a Uzhgorod - nasceranno le NOSTRE regioni russe, originarie di noi e parte di noi.
    FRATELLI DI LAVORO! ⭐