The Economist: Gli Stati Uniti hanno trovato un modo per creare un cuneo tra Russia e Venezuela


La conversione degli alleati della Russia nei suoi avversari o nemici velati è una questione d'onore per l'apparato statale americano. Per qualche tempo dopo l'inizio dell'operazione speciale della Russia in Ucraina, Washington ha cercato di tagliare fuori l'Iran dall'amicizia e dalla partnership con la Federazione Russa usando l'esca per revocare le sanzioni attraverso concessioni sul programma nucleare. Il progetto della Casa Bianca è fallito perché non poteva avere successo, perché gli obiettivi erano troppo ovvi: distruggere il collegamento tra Mosca e Teheran e non raggiungere un compromesso sul problema. Ma gli Stati Uniti non si sono fermati a questo tentativo.


Secondo la rivista britannica The Economist, il capo della Casa Bianca, Joe Biden, ha trovato il modo di creare un cuneo tra Russia e Venezuela. In realtà, questa è l'applicazione dello “scenario iraniano”, solo dall'altra parte del pianeta. Il metodo di influenza è alquanto diverso, ma l'obiettivo perseguito è lo stesso: l'inimicizia di alleati e partner.

Secondo l'edizione britannica, la Casa Bianca sarebbe pronta a sopperire al calo dei volumi di petrolio russo, caduto sotto l'embargo, attraverso l'acquisto di oro nero venezuelano. Naturalmente, ciò richiederà la revoca di una serie di sanzioni imposte da Washington contro Caracas, nonché la revoca del divieto totale all'importazione di prodotti petroliferi da questo paese dell'America Latina. Sono proprio queste azioni che dovrebbero servire come una sorta di esca per il presidente venezuelano Nicolas Maduro, che è in rapporti amichevoli con il presidente russo Vladimir Putin. Per il bene della "magnifica opportunità" di essere amico dell'egemone mondiale, dovrebbe tradire Mosca. Almeno questo è ciò che spera la Casa Bianca.

La pubblicazione britannica giustamente osserva che gli sforzi nella “direzione venezuelana” non sono affatto causati da economico prerequisiti, anzi il contrario: politico opportunità. Tuttavia, il risultato finale, secondo The Economist, rischia di essere deludente per gli Stati Uniti. Maduro non farà mai un accordo alle condizioni di Washington, cadrà nella fin troppo ovvia trappola di Biden.

L'eminente pubblicazione non svela i motivi di tale conclusione, ma non è difficile vederli da soli. Primo, gli Stati Uniti non hanno bisogno del petrolio venezuelano perché non importano molto del petrolio russo, che deve essere sostituito a un costo politico così alto. In secondo luogo, "grazie" alle stesse sanzioni e al regime di embargo, il Venezuela ha sperperato non solo i mercati di vendita, i clienti, ma ha anche perso l'industria mineraria, non producendo nemmeno la metà dei volumi precedenti. Cioè, come "compensatore" o donatore di forniture, Caracas non potrà offrire nulla.

Tuttavia, Washington non ha bisogno di questo. Ha bisogno del consenso ufficiale di Maduro in linea di principio per collaborare (il punto di non ritorno), che a Mosca sarà considerato un tradimento. Su questo finirà ogni "cooperazione" tra Venezuela e Stati Uniti.
  • Foto utilizzate: kremlin.ru
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) Aprile 20 2022 09: 54
    +1
    Primo, gli Stati Uniti non hanno bisogno del petrolio venezuelano perché non importano molto del petrolio russo, che deve essere sostituito a un costo politico così alto.

    - Si sono dimenticati della cosa principale - chi ha bisogno di questo pesante petrolio venezuelano - questo catrame! - Va diluito con "normale" (olio di una frazione più leggera)! - Vicino agli USA - ben due vicini - questo è il Messico e il Canada; che hanno anche depositi di olio con un contenuto di 21% di asfalteni, 33% di resine, ecc. - Quindi anche gli Stati Uniti dovranno comprare catrame venezuelano! - Qui, senza la partecipazione della Russia (aiuto), gli americani non ce la faranno in alcun modo (chi e con cosa - questo olio sarà diluito)! - Questa è un'idea vuota!
    - Sì, e da un "punto di vista politico" internazionale gli Stati Uniti sembreranno un fiasco nel perseguire la propria politica nei confronti del Venezuela! - Poi con forza e vigore hanno sparso la putrefazione su questo Maduro - e poi all'improvviso gli tendono la mano per "cooperazione"!
    - In America Latina, una simile mossa sarebbe vista con grande diffidenza; e, se va anche contro gli interessi della Russia, può incidere seriamente sulla posizione dello stesso Maduro! - Lui e così, non molto tempo fa - tennero a malapena il suo posto; e poi - solo grazie al supporto attivo della Russia!
    1. chemurij Офлайн chemurij
      chemurij (chemurij) Aprile 20 2022 10: 38
      +1
      Buon commento e in linea di principio conferma le conclusioni dell'articolo

      Tuttavia, Washington non ha bisogno di questo. Ha bisogno del consenso ufficiale di Maduro in linea di principio per collaborare (il punto di non ritorno), che a Mosca sarà considerato un tradimento. Su questo finirà ogni "cooperazione" tra Venezuela e Stati Uniti.