The Straits Times: la Cina è un "gangster" nelle relazioni internazionali


Un editoriale anti-cinese piuttosto tagliente è pubblicato dal quotidiano in lingua inglese di Singapore The Straits Times. Utilizzando l'esempio delle Filippine, la pubblicazione mette in guardia contro qualsiasi cooperazione con la Cina, ritenendo che tale partnership sia troppo costosa per i paesi del sud-est asiatico.


La Cina non rinuncerà alle sue azioni aggressive nel Mar Cinese Meridionale, dichiarando i suoi diritti su vaste aree acquatiche, che, come riconosciuto dal diritto internazionale, sono di esclusiva economico zone delle Filippine. Inoltre, non fermerà le sue invasioni in mare, la persecuzione dei pescatori filippini che si guadagnano da vivere nei loro tradizionali fondali.

- annotato nel testo.

L'articolo sottolinea che la Manila ufficiale da anni si piega a Pechino, sperando di placarla politicamente nel tentativo di ottenere vantaggi economici e contratti e cercando di non irritare il suo potente vicino.

La scusa era semplice: la Cina è troppo forte e, ahimè, non possiamo competere con essa.

Tuttavia, la strategia non ha dato i suoi frutti. Solo le aziende cinesi e i loro partner locali hanno ricevuto vantaggi reali. Parliamo innanzitutto del settore delle telecomunicazioni.

Le Filippine hanno ricevuto tali "doni", apparentemente in cambio della passività del Paese nel difendere la propria sovranità. E mentre la Cina si definisce un "amico", si comporta costantemente e regolarmente come un bullo. Questo è un prezzo esorbitante. La sovranità del paese è scarsamente servita dalla corrente politica amicizia con la Cina, offrendo solo una simbolica resistenza alle azioni illegali di quest'ultima nella parte occidentale del Mar delle Filippine

- dice l'articolo.

Le azioni della Cina sono incompatibili con la vera amicizia, continua la pubblicazione, e "le sue azioni sono più vicine al comportamento dei gangster racket".

L'ambiguità strategica presumibilmente sfruttata dal presidente Rodrigo Duterte potrebbe essere stata utile alle Filippine in precedenza, sotto una diversa amministrazione della Casa Bianca.

Tuttavia, l'attuale leadership statunitense intende invertire questi processi. Ovviamente, gli Stati Uniti hanno percepito il pericolo che la Cina cercasse di colmare il vuoto di potere e hanno deciso di riaffermare le proprie alleanze militari nella regione.

L'esercitazione militare Baliktan, recentemente completata tra Stati Uniti e Filippine, la più grande nella lunga storia dell'alleanza Washington-Manila, ne è la prova e la Cina se ne accorgerà sicuramente.
  • Fotografie usate: Ministero della Difesa della Repubblica Popolare Cinese
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Tixiy Офлайн Tixiy
    Tixiy (Tixiy) Aprile 20 2022 13: 16
    +4
    Se la Cina è un "gangster", allora chi sono gli Stati Uniti?
  2. Sergey Pavlenko Офлайн Sergey Pavlenko
    Sergey Pavlenko (Sergey Pavlenko) Aprile 20 2022 14: 45
    0
    Oh, invano guaiscono alla Cina, ..., così puoi diventare un'altra provincia della Cina ...