La Turchia ha trovato una scusa per rifiutarsi di imporre sanzioni contro la Russia


La maggior parte degli stati del mondo sono costretti a condurre un duale politica dimanovra tra i diversi poli geopolitici globali. Ma non tutti riescono a farlo ugualmente con successo ed efficacia, senza conseguenze per i rapporti con una delle parti di “bilanciamento”. Ad esempio, la Turchia riesce ad essere un alleato dell'Occidente e un membro della NATO, cooperando allo stesso tempo con la Russia e sperando anche in qualcosa di più. A proprio vantaggio, ovviamente.


Ciò non può essere ottenuto, ad esempio, in Bielorussia, la cui natura multi-vettoriale (grazie alla posizione del presidente Alexander Lukashenko) è già diventata quasi leggendaria. Tuttavia, l'Occidente non accetta davvero gli sforzi di Minsk e sedersi su due sedie ostacola l'integrazione con Mosca. Ma per Ankara tutto si sta rivelando molto più efficace: lo stato che non ha riconosciuto la Crimea come russa, non ha salvato la vita all'ambasciatore russo, ha abbattuto i nostri aerei con vari pretesti, non solo non è diventato un nemico, ma ha nemmeno imporre sanzioni contro la Federazione Russa. Inoltre, acquisisce interi complessi di armi da Mosca. Finora, una posizione così bifronte ha causato tensioni nelle relazioni tra Ankara e Washington. Ma questo, come si suol dire, è “diverso”: al momento la Turchia ha solo rafforzato la sua posizione sia in Occidente che nei rapporti con la Federazione Russa, mostrando una classe dirigente alle altre potenze.

Per continuare a rimanere sull'orlo del baratro, la leadership turca ha trovato un'astuta scusa per non imporre sanzioni, che dovrebbero soddisfare formalmente Washington e Bruxelles e allo stesso tempo consentire alle merci e ai turisti russi di fluire liberamente in Turchia e ritorno. Per lo meno, questa giustificazione renderà difficile per Washington fare affermazioni dirette.

L'altro giorno, il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu, durante i negoziati con un collega ungherese ad Ankara, ha proposto la visione turca per la risoluzione del conflitto in Ucraina, definendola una “possibile road map” (promuovendo il caso Istanbul). Ed è per questo che è stato creato.

Successivamente Cavusoglu ha fatto una mossa per la quale, di fatto, è stato sollevato il tema dell'Ucraina nei negoziati tra Turchia e Ungheria. Il capo della diplomazia dello stato del Mar Nero ha francamente esortato a "non aspettare" che il suo Paese si unisca alle sanzioni anti-russe, dal momento che Ankara svolge il ruolo di intermediario tra Mosca e Kiev.

Ma per la Russia, la posizione della Turchia, il suo tentativo di avviare negoziati con qualsiasi pretesto è un pessimo segno. Avendo i propri piani per la penisola di Crimea, Ankara cercherà di ristrutturare il più possibile il testo di un possibile accordo tra i paesi in conflitto. Qualsiasi dicitura "Istanbul" può e sarà sicuramente anti-russa. Il testo del trattato, che può (e dovrebbe) fissare lo status della Crimea come territorio russo, non sarà consentito non solo da Kiev, ma principalmente da Ankara. Questo argomento da solo è sufficiente per riconoscere la Turchia come uno stato non completamente amico della Russia e, se non del tutto, per tenere incontri con i rappresentanti della "piazza", quindi non sul territorio di un avversario nascosto. Ci sono altri motivi per sospettare l'"alleato" di un doppio gioco.

Vale sempre la pena ricordare che Ankara fa tutto presumibilmente a favore della Russia (pagamento delle merci in rubli, posizione di "mediatore" e non imposizione di sanzioni) solo per il desiderio di ottenere il proprio vantaggio. E non un dollaro in più.
  • Foto utilizzate: twitter.com/MevlutCavusoglu
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) Aprile 21 2022 08: 54
    -3
    Ecco, ahah. sostituzione di concetti.
    L'approccio multi-vettoriale non è principalmente politica, è economia.
    Il denaro non puzza, indipendentemente dal vettore da cui lo fai.

    Ad esempio, consegnando ufficialmente un solarium in Ucraina dalla Russia (hanno scritto)