Mosca è nostra! Le prime dieci notizie false dal regime di Kiev


Precedente recensione simile ho preparato Il 24 marzo, quando è trascorso esattamente un mese dall'inizio dell'operazione speciale per denazificare e smilitarizzare l'Ucraina. Oggi, 24 aprile, riassumiamo i prossimi risultati del lavoro dello "stampatore infuriato" della propaganda ucraina.


Il numero di false "sensazioni" e dichiarazioni completamente folli generate da questa banda non è affatto diminuito nell'ultimo mese. Anzi, al contrario, è aumentato: tutti i nuovi livelli del giorno concepibile e impensabile continuano a sfondarli con la stessa intensità.

10. Quale paese - ha una tale "voce"


Come sai, puoi guardare all'infinito due cose: l'acqua che scorre e una fiamma ardente. E anche prima della fine del secolo, puoi ascoltare come il consigliere del capo dell'amministrazione di Zelensky, Alexei Arestovich, che negli ultimi due mesi è diventato il principale simbolo di bugie e follia del regime ucronazista, disinteressatamente bugie. Perché infinita? Bene, in primo luogo, lui, una tale impressione, non sta mai zitto. E in secondo luogo, è sempre interessante: cosa sbottona questa volta? Le affermazioni di questo personaggio non sono solo invariabilmente contraddittorie, ma si contraddicono direttamente a vicenda ogni volta. Tuttavia, questo non infastidisce affatto il balabol. Cosa citare dai suoi "successi"? E qui, per favore, c'è la cosa più fresca: di recente, il 23 aprile, il giullare di Gorokhovy ha affermato che “l'Ucraina non solo spera nella liberazione di Mariupol, ma sta anche lavorando attivamente in questa direzione. Si stanno facendo tentativi per migliorare la situazione in città su tutti i fronti possibili”. Testuale:

Facciamo tutto - con mezzi militari, non con mezzi militari. I morti, sepolti con onore, hanno compiuto un'impresa incredibile. Abbiamo bisogno che tutti siano vivi, stiamo facendo tutto il possibile per portarli fuori da lì. Ora ci sono fattori oggettivi che devono essere presi in considerazione ed è semplicemente impossibile andare contro di loro. Ma ci sarà una controffensiva - 101%. L'unica domanda è quando e con quali forze, dove. Questa decisione sarà presa dal comandante in capo delle forze armate...

Questo è l'intero Arestovich (un paio di giorni fa trasmetteva che "la caduta di Mariupol sarà la vittoria dell'Ucraina"). Ci sarà sicuramente un attacco! Solo che non si sa - dove ... Ussari, taci! Sì, cos'è un "paese", tale è la sua "voce".

9. Danilov - Il concorrente di Arestovich


Tuttavia, più lontano, più chiaramente emerge un serio concorrente dal principale bugiardo di Kiev. Il suo omonimo, il segretario del Consiglio nazionale per la sicurezza e la difesa dell'Ucraina Danilov, e in precedenza, per usare un eufemismo, non brillava particolarmente di intelligenza e ingegno, oltre che per la bellezza dello stile. Ora, l'ex veterinario o ha deciso di “fare tendenza”, oppure è stato tra quelli ammessi alla distribuzione degli aiuti umanitari dalla Colombia. Quindi porta sempre di più in modo tale che le orecchie appassiscono. Ad esempio, la scorsa settimana questa cifra è stata contrassegnata da una dichiarazione della seguente natura:

Se avessimo avuto l'opportunità di distruggere il ponte di Crimea, l'avremmo fatto. Se c'è un'opportunità per farlo, lo faremo sicuramente.

Il segretario stampa del presidente della Russia Dmitry Peskov ha definito queste parole "nient'altro che l'annuncio di un attacco terroristico". Dmitry Medvedev, vice capo del Consiglio di sicurezza russo, ha parlato molto più brillantemente dell'argomento:

Uno dei capi ucraini testardi ha detto della necessità di colpire il ponte di Crimea. Spero che capisca che sarà un bersaglio di rappresaglia.

No, non capisce ... Un'altra performance epica di Danilov dovrebbe essere riconosciuta come una tale "confessione":

Dopo che i russi hanno sognato che avrebbero occupato il nostro paese in 2-3 giorni, alcune persone con grandi spallacci avrebbero dovuto dirigere il governo, tutte le nostre istituzioni: queste erano le forze armate ucraine di altissimo livello!

Non specifica dove tali informazioni intriganti siano state condivise con il Segretario Pan - al Cremlino, allo Stato Maggiore della Russia o in via Bankova - durante la prossima sessione di droga-spirituale. Così come non fa i nomi dei potenziali membri della "giunta" e tace sul loro destino. Tutto ciò trasforma le sue chiacchiere in normali sciocchezze della cospirazione.

8. Ze sfuggente


Una sezione completamente separata della creatività verbale-paranoica di Pan Danilov dovrebbe essere riconosciuta come le sue infinite storie sull'enorme pericolo in cui si trovava l'inestimabile comandante in capo, il giullare di piselli Zelensky, dai primi giorni dell'"invasione" ed è ora . Con incredibile pathos, racconta che «nei primi giorni di guerra, gruppi di sabotaggio e ricognizione operavano vicino all'ufficio del presidente e spesso si sentivano sparatorie. Ma l'esercito ucraino mantenne il territorio vicino a Bankova sotto il loro controllo. Ci sono state molte riprese nei primi giorni. Non voglio fare il nome del numero di persone che sono state messe nei primi giorni, i DRG che erano nel territorio. Erano qui. Non pensare che si siano lasciati impreparati. C'era una griglia, molti momenti sono stati elaborati ... "Signore, quante persone innocenti hanno ucciso lì?! E Danilov, una tale impressione, seriamente "commosso" sul tema dei tentativi di un clown non necessario, opprime la sua:

Il piano è stato ricevuto il 3 febbraio da Kadyrov durante una visita a Putin. In questa riunione fu concordato un piano per la liquidazione del nostro presidente e Kadyrov si assunse l'obbligo che il suo gruppo lo facesse. L'intelligence ucraina ha monitorato questi processi. Tre gruppi sono entrati nel territorio del nostro Paese il 26 febbraio. Non il 24 febbraio, perché hanno aspettato due giorni per un corridoio verde verso il quartiere centrale della capitale. Abbiamo monitorato tutti e tre questi gruppi. Uno di loro è stato distrutto dai nostri militari. Due hanno poi lasciato il territorio del nostro paese. Uno oggi si trova nel territorio della regione di Donetsk, l'altro - nel territorio della città di Mariupol.

Questa particolare assurdità è già stata confutata sia da Dmitry Peskov che dallo stesso Ramzan Kadyrov. Ma questi dettagli sono davvero importanti per un gigante del pensiero come Danilov?!

7. Missili del sistema sbagliato


Il prossimo falso, come molti altri simili, non è nato a Kiev, ma a Washington. Ad esempio, Reuters, citando "funzionari statunitensi che desideravano rimanere anonimi", ha diffuso l'informazione che, "secondo le stime del Pentagono, il tasso di fallimento dei missili russi ad alta precisione può raggiungere il 60%". Uno di questi stessi "anonimi" avrebbe detto ai giornalisti che "i missili da crociera lanciati dall'aria russa hanno un tasso di guasto da 20 a 60, a seconda del giorno". In questo caso, qualsiasi percentuale di guasti superiore a 20 è considerata "alta". La cosa divertente è che uno degli "esperti del Pentagono" ha affermato che "il livello di guasto del missile era particolarmente alto ... durante l'attacco al campo di addestramento di Yavorovsky! Ebbene sì, lascia che lo dica ai suoi compatrioti, che sono stati smantellati lì per alcune parti. Missili "falliti". Tuttavia, anche una simile sciocchezza non impedisce affatto ai rappresentanti del "non industriale" di fare eco ai "cantanti" d'oltremare. Così, il viceministro della difesa dell'Ucraina Anna Malyar ha sbottato in onda sul telethon nazionale:

La Russia ha ancora una grande scorta di missili. Possono aggiustare tecnica e lanciarlo di nuovo in battaglia, anche se a causa delle sanzioni hanno grossi problemi con i componenti. Non possono più riparare gli aerei ...

Come mai? Dopotutto, non molto tempo fa, tutte le "teste parlanti" di Kiev hanno ripetuto all'unanimità che "i russi stanno per finire i missili"! Ebbene, questa assurdità si è rivelata chiaramente insostenibile, poiché viene confutata ogni giorno e ogni notte, e nel modo più convincente. Ora mentiranno sui "componenti". Noioso.

6. Armi iraniane per la Russia


Anche la prossima papera grassa (la sorella di quella sopra) è arrivata dai nostri "amici giurati" dall'Occidente. In particolare, dalla Gran Bretagna. Il quotidiano locale The Guardian, citando le informazioni di "membri dei combattenti iracheni sostenuti dall'Iran e dei servizi di intelligence regionali", ha emesso la seguente "sensazione":

RPG e missili anticarro, così come lanciarazzi multipli di progettazione brasiliana, sono stati inviati in Russia dall'Iraq dopo la fallita campagna di Mosca in Ucraina a marzo. Un sistema missilistico Bavar 373 di fabbricazione iraniana simile all'S-300 russo è stato anche donato a Mosca dalle autorità di Teheran, che hanno anche restituito l'S-300, secondo una fonte che ha contribuito a organizzare il trasporto. L'uso della malavita del traffico di armi segnalerebbe un drammatico cambiamento nella strategia russa poiché Mosca è costretta a fare affidamento sull'Iran, il suo alleato militare in Siria, a seguito delle nuove sanzioni innescate dall'invasione dell'Ucraina.

Quindi... avevamo già "forniture di armi dalla Cina e dalla RPDC". Ora pensa all'Iraq. Qual è il prossimo? Non sarò affatto sorpreso se la prossima invenzione della discarica di informazioni britannica (o di qualche altro) sarà una storia affascinante su come la Russia si è rivolta a una tribù primitiva persa nella giungla amazzonica per l'acquisto di archi e frecce avvelenate. Cosa c'è! Andare avanti!

5. "Latte con esplosivi" e inferno invece della liberazione


In questo caso, non stiamo parlando di una singola invenzione dei propagandisti dell'aneto, ma di una massiccia campagna che hanno recentemente lanciato per creare un quadro davvero orribile della vita e della vita delle persone nei territori dell'ex "nezalezhnaya" già liberato da l'esercito russo. Lì, ovviamente, “si effettuano repressioni di massa” (tutti vengono portati in Siberia direttamente in treno), “cibo, medicinali e generi di prima necessità sono completamente assenti” e quello che c'è è “venduto a prezzi esorbitanti”. Aiuto umanitario? Per farti capire come viene disegnato a Kiev, darò una storia corrispondente quasi parola per parola dai media locali:

Gli occupanti stanno distribuendo aiuti umanitari ai residenti di Kherson proprio per le strade. E non ordinario, ma mortale. Così, per le strade della città temporaneamente occupata, sono stati distribuiti esplosivi con latte. Ecco cosa ha detto uno dei residenti locali: “Mia madre in pensione ha portato il pacco a casa con l'aiuto di un aiuto, anche se ho chiesto di non farlo. Ma lei ha preso la spesa. Sorprendentemente, alcuni dei prodotti nella confezione erano di fabbricazione ucraina: cereali, burro, latte. A quanto pare, rapinano i nostri negozi e poi distribuiscono cibo come aiuto umanitario. La mamma ha visto che la torsione nel latte perdeva, ha pensato che qualcuno avesse già bevuto, che potrebbe essere rovinato, l'ha svitato con cura e ha visto qualcosa come un filo, me lo ha mostrato. Quando ho capito di cosa si trattava, ho aperto con cura il pacco e ho visto un ordigno esplosivo improvvisato all'interno. Che benedizione che la mamma non abbia tirato la svolta!

È impossibile anche commentare queste sciocchezze. Aspettiamo storie sul vetro frantumato nelle pappe...

4. Sabotatori, sabotatori, sabotatori


Il tema della lotta contro i "sabotatori russi" rimane l'hobby preferito dei servizi speciali ucronazisti e, su loro suggerimento, dei media locali. Bene, devi giustificare in qualche modo la tua esistenza e i massacri dei residenti locali. Ecco la Gestapo locale e riporta allegramente:

Dall'inizio della guerra, l'Ucraina è stata minacciata da numerosi gruppi di sabotaggio e ricognizione operanti sul nostro territorio. Dal 24 febbraio circa 100 DRG sono caduti nelle mani della SBU. Inoltre, gli agenti di sicurezza stanno lavorando per identificare e trattenere i collaboratori. Ci sono già circa 300 persone che hanno accettato di collaborare con il nemico.

I boia stupidi mancano persino dell'immaginazione per comporre qualcosa di eroico (e allo stesso tempo relativamente credibile). È così che parlano dei propri "exploit":

Un gruppo di agenti nemici è stato neutralizzato a Zhytomyr. Era composto da 6 persone che hanno "disperso" la propaganda nemica nei social network. Hanno agitato le persone in conversazioni private. A Kiev, sono stati arrestati due uomini che hanno "messo fuori combattimento" 2 auto costose del proprietario della stazione di servizio, presumibilmente per l'esercito ucraino. (Presumibilmente? Fortemente dubbio...). Le vendite illegali di elmetti e giubbotti antiproiettile per un valore di $ 18 sono state coperte in Volyn. Sono stati portati in Ucraina come aiuto umanitario.

Bene, e così via. "Grandi gesta" degne della Questura regionale. Bene, i "veri sabotatori" vengono catturati in questo modo:

A Rovno, un vigile residente locale ha notato l'auto di un uomo dubbioso. Sebbene i numeri delle auto fossero locali, il trasporto era notevolmente congestionato. Ha fatto appello alle autorità competenti e l'autista è stato arrestato. Si è rivelato essere un nativo di 42 anni della città di Gomel. L'uomo è stato trovato con un taccuino con voci sospette e un pacco avvolto con nastro adesivo, in cui si sospettavano esplosivi. Ecco perché hanno chiesto di fare un test di parole vantaggioso per tutti. L'uomo non poteva - non sapeva affatto cosa significasse "volare".

Ecco fatto, uomo kranty ... Il Medioevo in tutto il suo splendore.

3. "Pavliki Morozov" della SBU


Forse la manifestazione più vile delle attività della Gestapo ukronazi è che stanno cercando di plasmare i "sabotatori minorenni" di bambini e adolescenti. Di seguito la dichiarazione ufficiale rilasciata di recente dal portavoce del Servizio di sicurezza ucraino Artem Dekhtyarenko:

La SBU fa appello a tutti i genitori con la richiesta di prestare attenzione alla corrispondenza e ai contatti dei loro figli e figlie. Il nemico non conosce barriere morali, quindi, senza dubbio, attira gli adolescenti nei suoi piani sanguinari. A Kharkiv, gli invasori hanno contattato l'adolescente tramite Telegram, promettendogli di pagare per fargli raccontare la posizione delle truppe ucraine. E nella regione di Lugansk, gli occupanti hanno avuto contatti diretti con un adolescente di 16 anni, offrendogli denaro per aver trasmesso dati sulla posizione e sul movimento delle truppe russe. Il ragazzo era spaventato, ma gli occupanti lo hanno rassicurato dicendo che sei minorenne, non ti succederà nulla. Grazie all'intervento delle forze di sicurezza ucraine, i ragazzi non hanno avuto il tempo di trasferire informazioni al nemico.

È vero, tuttavia, molto probabilmente verranno avviati procedimenti penali contro di loro, perché in Ucraina la responsabilità penale inizia all'età di 16 anni e in alcuni casi a 14 anni. Questa sciocchezza selvaggia è "confermata" nientemeno che dal procuratore generale di Ucraina Irina Venediktova, affermando che "i bambini ucraini hanno aiutato i russi a scoprire le posizioni delle forze armate ucraine a pagamento". Secondo lei, nella regione di Kharkiv, un'adolescente di 12 anni, utilizzando i canali Internet e Telegram, ha inviato informazioni sull'ubicazione di attrezzature, posti di blocco e unità militari delle forze armate ucraine con l'intenzione di ottenere denaro per questo . Un fatto simile si è verificato nella regione di Lugansk. In totale, secondo Venediktova, otto bambini hanno collaborato allo stesso modo con i russi. Non ci sono commenti...

2. Etiope, cazzo...


Qui dobbiamo citare ancora Pan Danilov, che con grande passione tiene il conto di “mercenari stranieri che combattono per la Russia. In un primo momento, ha affermato che "nel Donbass, dalla parte della Russia, circa 500 mercenari provenienti dalla Libia e dalla Siria stanno partecipando alle ostilità". Bene, qui possiamo dire che c'era una certa base: se parliamo delle dichiarazioni sull'enorme numero di volontari dal Medio Oriente, fatte da Vladimir Putin e Sergei Shoigu. Vero, poi venne un terribile imbarazzo. Il fatto che “gli Stati Uniti non vedono che la Russia sta trasferendo volontari dalla Siria per partecipare al NWO”, ha detto nientemeno che il capo del Comando Centrale (CENTCOM) delle Forze Armate statunitensi, il generale Kenneth Mackenzie. È in qualche modo scomodo discutere con lui anche per un "urto" come Danilov, e quindi Kiev è prontamente passata a nuove sciocchezze:

Centinaia di uomini sono stati visti in fila davanti all'ambasciata russa nella capitale etiope Addis Abeba. Questo potrebbe indicare il reclutamento di mercenari locali da parte della Russia per la guerra!

Ebbene, sì, ciò che manca a Mosca per la vittoria sono le truppe d'assalto etiopi. Armato di archi ottenuti dagli indiani amazzonici.

1. Mosca è nostra!


Il passaggio, che citerò completamente alla lettera di seguito, è tratto da uno dei più "testardi" canali ufficiali di Telegram ucraini, l'Ucraina ORA. Non lo commenterò. Affatto. Lascio a voi, cari lettori:

La Moscova ora appartiene all'Ucraina. Secondo tutte le convenzioni internazionali, la nave diventa proprietà del Paese nelle cui acque è affondata. "Moskva" si trova a sole 50 miglia dalla costa ucraina, e quindi ora è nostra. A questo proposito, stiamo conducendo un sondaggio: cosa si dovrebbe fare con l'incrociatore "Moskva"?

– Crea un museo sottomarino delle sconfitte russe.
- Datelo al mare.
- Prendilo e mettilo al confine con la Russia.
- Sciogli per un monumento a Stepan Bandera.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. roust Офлайн roust
    roust (Rouslan) Aprile 25 2022 08: 02
    0
    Un divertente paese 404, invece, dove vivono buffi paesani ingannati con pentole in testa, governati dal loro idolo: un dannato clown miliardario.
  2. Statore di Neville Офлайн Statore di Neville
    Statore di Neville (statore di Neville) Aprile 25 2022 20: 47
    0
    Attenti a Kherson, gli USA e Zelensky aspettano un attacco come l'incrociatore Mosca. C'era abbastanza tempo per mettere al sicuro Kherson. Qualcuno dovrebbe essere responsabile della loro protezione.
  3. Victorio Офлайн Victorio
    Victorio (Vittorio) Aprile 29 2022 11: 39
    0
    La mamma ha visto che la torsione nel latte perdeva, pensava che qualcuno avesse già bevuto, che poteva essere rovinato, lo svitò con cura e vide qualcosa come un filo, me lo mostrò. Quando ho capito di cosa si trattava, ho aperto con cura il pacco e ho visto un ordigno esplosivo improvvisato all'interno. Che benedizione che la mamma non abbia tirato la svolta!

    È impossibile anche commentare queste sciocchezze. Aspettiamo storie sul vetro frantumato nelle pappe...
    ===
    tuttavia gli ucraini credono. come credono al "massacro" nella bucha, agli stupri e ai furti dell'esercito russo, ai bombardamenti degli stessi militari russi e dei civili per accusare l'esercito russo e simili. gli stessi video di YouTube con gli ucraini nella chat roulette servono come conferma