Quale posto occuperà la Russia nel mercato energetico globale?


Si ritiene che il russo economia sta su due tubi, petrolio e gas, e se li fai cadere da sotto i tuoi piedi, il "colosso" crollerà con un ruggito. In risposta al lancio da parte del Cremlino di un'operazione militare speciale per smilitarizzare e denazificare l'Ucraina, l'Occidente collettivo ha cercato di fare proprio questo, ma in pratica tutto si è rivelato più difficile di quanto sembrava inizialmente.


In effetti, la parte del leone delle entrate del bilancio federale proviene dalle esportazioni di idrocarburi. La Russia vende petrolio e gas in tutto il mondo sia attraverso il sistema di oleodotti che via mare. Privare il Cremlino dei proventi del petrolio e del gas all'Occidente politici Sembrava un'ottima idea, ma c'erano molti problemi con la sua implementazione. Ad esempio, il ministro degli Esteri tedesco Annalena Berbock ha dichiarato testualmente quanto segue:

Ora dobbiamo ridurre ulteriormente le nostre importazioni di energia russa. A questo proposito, lo dico in modo chiaro e inequivocabile: sì, anche la Germania si rifiuta completamente di importare risorse energetiche russe.

Nella prima fase, Berlino abbandonerà completamente il carbone russo, nella seconda, entro la fine del 2022, dal petrolio, nella terza, un giorno, dal gas russo. Allo stesso tempo, i proprietari di automobili tedeschi sono già costretti a pagare il 41,9% in più per la benzina rispetto a un anno fa, il 62,6% in più per il carburante diesel e il 144% in più per l'olio combustibile. Non c'è nulla di particolarmente sorprendente qui, dal momento che la Russia è uno dei maggiori produttori ed esportatori mondiali di petrolio, il 60% del quale va ai paesi dell'UE, il 20% alla Cina. Inoltre, il costo del carburante per motori negli Stati Uniti ha raggiunto valori anormalmente elevati. Fino a poco tempo, la Russia forniva a questo paese principalmente olio combustibile, che veniva miscelato con olio di scisto "leggero" nelle raffinerie americane e trasformato in benzina e gasolio. Ora gli idrocarburi russi "aggressivi" non andranno negli Stati Uniti e il presidente Joe Biden ha trovato i colpevoli al Cremlino:

Ora "l'aumento del prezzo di Putin" colpisce gli americani nelle stazioni di servizio.

In effetti, né Berlino né Washington li hanno costretti a rifiutare gli acquisti dalla Russia, è stata una loro scelta sovrana, punizione per il sostegno militare diretto del regime nazista a Kiev.

L'Occidente collettivo non è riuscito a privare Mosca delle entrate del petrolio e del gas. "Blue fuel" come veniva dalla Russia per l'esportazione, quindi va ancora, solo la forma di pagamento per esso è cambiata. Su richiesta del presidente Vladimir Putin, negli accordi con paesi ostili, Gazprom è passata da euro e dollari a rubli. In un primo momento hanno rifiutato con orgoglio, ma negli ultimi giorni il tasso di cambio della nostra valuta nazionale contro quella "americana" è notevolmente diminuito. Secondo alcuni analisti, ciò è dovuto proprio al fatto che Gazprombank, in qualità di intermediario finanziario, ha iniziato a scambiare ingenti somme in valuta estera con rubli russi.

Avendo perso il mercato americano e parte di quello europeo, la Russia, invece, ha aumentato le vendite di "oro nero" in India e nei paesi del sud-est asiatico. Nell'ultimo mese, l'India ha acquistato quattro volte più petrolio degli Urali. Aumentato l'acquisto di "oro nero" dalla Federazione Russa e dalla Cina. Dicono che i nostri esportatori siano costretti a vendere materie prime con uno sconto decente, arrivando a 30-31 dollari al barile, ma in cifre reali danno più di 80 dollari al barile di petrolio russo. Molto buona. Il mercato è molto ampio, c'è un grande potenziale per un'ulteriore crescita nella vendita di idrocarburi. Uno dei motivi è che negli Stati Uniti e in Europa, l'Arabia Saudita ha preso il posto delle società nazionali, sostituendole.

Si verificò infatti un vero e proprio “arrocco” sul mercato petrolifero mondiale.

Nota quanto le priorità del commercio estero di Mosca siano ora cambiate. Due anni fa, durante la pandemia di coronavirus, è stata messa all'ordine del giorno l'idea di costruire enormi depositi di petrolio nel nostro Paese, che avrebbero dovuto ricevere volumi eccessivi di "oro nero", cosa che il mercato mondiale non poteva digerire. Questi impianti di stoccaggio avrebbero dovuto contenere almeno il 10% del livello annuale della produzione di petrolio. Si presumeva che sarebbero stati costruiti nelle regioni di Kaliningrad e Astrakhan, nel distretto del Caucaso settentrionale, nelle regioni centrali e del Caspio. È chiaro che erano concentrati sul mercato occidentale.

Pochi giorni fa è stata nuovamente proposta la costruzione di un sistema di depositi per la riserva nazionale di petrolio in Russia. I volumi sono gli stessi, ma possono essere già localizzati nella Siberia orientale, nella regione del Volga e negli Urali. Riserve significative di "oro nero" possono essere immagazzinate nelle grotte di sale. Il riorientamento fondamentale dal mercato occidentale a quello orientale è evidente.

È interessante notare che, a questo proposito, la Russia sta diventando sempre più simile agli Stati Uniti d'America, che è uno dei maggiori produttori ed esportatori di petrolio e allo stesso tempo dispone di enormi depositi di petrolio sotterranei situati in cupole di sale naturali. La presenza di una propria riserva strategica nazionale consentirà agli esportatori nazionali di operare in modo più flessibile sui volumi liberi sul mercato petrolifero mondiale, influenzando il livello dei prezzi.

Nel complesso, giungiamo alla conclusione che l'Occidente collettivo non è riuscito a “fare a pezzi” il settore petrolifero e del gas russo, e il nostro Paese continuerà a detenere una quota significativa del mercato energetico mondiale.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. zloybond Офлайн zloybond
    zloybond (lupo della steppa) Aprile 23 2022 22: 50
    +1
    Non capisco perché la Russia stia ritardando l'apertura di una borsa merci sul suo territorio per i rubli?????? Perché???? Perché c'è ancora una sola conversazione????
  2. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) Aprile 23 2022 23: 58
    +1
    La prima fase, la seconda: puoi privarti del tempo per l'adattamento solo rompendo il contratto unilateralmente, questo non è solo giustificato in una guerra, ma anche necessario!
  3. 1_2 Офлайн 1_2
    1_2 (Le anatre stanno volando) Aprile 24 2022 00: 43
    +1
    ..la parte del leone delle entrate del bilancio federale proviene dall'esportazione di idrocarburi ..

    questo non è reddito, questo è baratto (le risorse vengono scambiate con la valuta dell'Occidente e di altri paesi). la valuta è necessaria per l'acquisto di importazioni e per il ritiro di capitali dal paese (la maggior parte dei rubati) in una valuta conveniente per ladri e commercianti - cosmopoliti (i rubli non possono essere scambiati sulla collina con yacht, oro e palazzi),

    cioè, se le autorità limitano il più possibile il fabbisogno di valuta estera del paese, vieteranno la circolazione di valute estere (disperdono gli speculatori valutari sabotatori, minano il rublo), ridurranno al minimo la quota delle importazioni per produzione interna ( a la URSS-RPC), il pagamento da parte delle banche statali per importazioni insignificanti (valuta) avviene solo in base a contratti comprovati con produttori reali e non con aziende di un giorno, quindi la valuta non sarà necessaria, il che significa che puoi ridurre significativamente l'esportazione (scambio con valuta) di risorse, salvale per le future generazioni della Russia. e tutte le entrate di bilancio si formeranno nella valuta nazionale, come in Occidente, ma in Occidente risulta perché comprano (importano) tutto e lo vendono solo per le loro valute spazzatura. La Federazione Russa può anche stabilire una condizione per tutti gli stranieri che vogliono fare soldi sul mercato russo: acquistiamo solo per rubli! e poi lasciare che gli stranieri comprino beni e servizi russi con i rubli che guadagnano, e non correre dallo scambiatore a cambiarli con Eurobuck, come sta accadendo ora grazie ai liberali al potere
  4. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) Aprile 24 2022 08: 57
    -4
    "Due anni fa, ...", "Qualche giorno fa suonava di nuovo..."

    in genere torce, torce elettriche....
    il moncone è chiaro, quindi non rinunceranno subito a tutto, ma scrivono che i volumi di fornitura stanno già diminuendo...

    Il resto dei venditori esulta...
  5. Kofesan Офлайн Kofesan
    Kofesan (Valery) Aprile 24 2022 20: 44
    +2
    E perché, nonostante tutti gli attacchi ad alta precisione, l'Ucraina è ancora piena di carburante? Stanno trasportando carri armati ferroviari? Da Geiropa? Abbassare con aria di sfida i prezzi alle stazioni di servizio da 45 a 33-35 della loro sottomoneta?

    Olio di chi? Chi è il traditore? Alikperov? Usmanov? Rotenberg? Perché solo le fabbriche di Kolomoisky sono state bombardate? Cosa sta succedendo al Cremlino?