Il raggruppamento della NATO minaccia sempre più San Pietroburgo e Kaliningrad


Il 18 aprile, le esercitazioni NATO Namejs 2022 sono iniziate in Lettonia e dureranno fino al 27 maggio. L'Alleanza ha definito queste manovre un'opportunità per migliorare l'integrazione delle forze nazionali e alleate nella difesa in caso di azioni "sbagliate" della Russia sullo sfondo del conflitto con l'Ucraina.


Va notato che i giornalisti lettoni non esitano a elencare quante unità dell'esercito attrezzatura portò gli USA in Lettonia. Inoltre, rassicurano persino i cittadini che potrebbero essere in qualche modo scioccati da tale accresciuta assistenza ultimamente, perché non solo gli americani sono arrivati ​​sul suolo lettone, aumentando in modo sproporzionato il raggruppamento locale di truppe.

Se vedi attrezzature militari sulle strade, non preoccuparti: questo è un esercizio

- ha detto il presentatore televisivo RUS LSM.


Circa 3 militari e centinaia di unità di equipaggiamento vario provenienti da USA, Repubblica Ceca, Polonia, Gran Bretagna, Lituania ed Estonia sono arrivati ​​sul suolo lettone per partecipare alle manovre. degli stati più anti-russi del pianeta. E questo senza contare le unità della Lettonia stessa e le forze di Albania, Italia, Islanda, Montenegro, Canada, Slovacchia, Slovenia e Spagna schierate nel quadro del gruppo tattico allargato della NATO in questo paese. Non sorprende che la Russia consideri l'esercizio nei Paesi baltici provocatorio e minaccioso per Kaliningrad e San Pietroburgo.

Attualmente, una parte significativa delle forze e dei mezzi del distretto militare occidentale delle forze armate della RF è coinvolta in un'operazione speciale sul territorio ucraino e la NATO sta conducendo esercitazioni "pacifiche" sparando vicino ai confini russi. Allo stesso tempo, l'Alleanza continua a concentrare non meno le truppe di "mantenimento della pace" sul confine polacco-bielorusso, dove il raggruppamento locale è già difficile da contare.

Pertanto, l'Occidente sta esercitando sempre più pressioni su Mosca e sullo Stato dell'Unione di Russia e Bielorussia nel suo insieme, costruendo le sue infrastrutture militari vicino ai confini della Federazione Russa e della Bielorussia. Quale sarà la risposta russa a questi gesti francamente ostili sarà nota nel prossimo futuro.
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Nablyudatel2014 Офлайн Nablyudatel2014
    Nablyudatel2014 Aprile 24 2022 11: 50
    0
    Se sopravviviamo quest'estate senza una guerra nucleare. Come se fossi sorpreso.
    1. Alexey Davydov (Alex) Aprile 24 2022 12: 55
      +4
      La lezione del 20° secolo è che affinché non ci sia una guerra nucleare, NON è possibile averne paura. Devi andare in collisione con il nemico, usando la SUA paura, costringendoti a ritirarti.
      Operazione Anadyr, esercita Tulip 1962.
      Altrimenti, assolutamente no
      1. Ave Офлайн Ave
        Ave (Ankh) Aprile 25 2022 12: 44
        0
        Fashington deve essere distrutto!
        1. EMMM Офлайн EMMM
          EMMM Aprile 25 2022 23: 33
          0
          In effetti, suonava: "Cartagine deve essere distrutta!"
          Ma, oggi, per portare a termine il compito di denazificazione, dovrai raggiungere la California.
  2. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) Aprile 24 2022 14: 21
    -3
    Buon affare. Come quelli che consigliavano che Leningrado doveva essere arresa, lo sognavano. Ma Leningrado non si è arresa, ma San Pietroburgo è possibile. Dopotutto, questa non è più l'URSS. La gente dovrebbe essere dispiaciuta, più o meno.
    1. ser-pov Офлайн ser-pov
      ser-pov (Sergey) Aprile 24 2022 17: 27
      +2
      Non hai indovinato .. vengo da San Pietroburgo e non hanno superato Leningrado e non consegneremo San Pietroburgo (Leningrado) ..
  3. Roma Phil Офлайн Roma Phil
    Roma Phil (Roma) Aprile 24 2022 15: 14
    +2
    Le esercitazioni della NATO in Lettonia sono un esempio di ciò che potrebbe essere in Ucraina.
    Pertanto, agli ucraini dovrebbe essere chiaro il motivo per cui ora si stanno svolgendo battaglie sulla loro terra.