La Russia ha la possibilità di sostituire il mercato europeo con quello africano


L'Africa oggi, senza esagerare, è la vera dispensa delle risorse naturali. Ricche riserve di minerali di manganese, cromiti, platinoidi, rame, cobalto, petrolio, gas e altri minerali sono concentrate nel continente.


Inoltre, vale la pena aggiungere che il tasso di crescita economica in Africa oggi è uno dei più alti al mondo, il che la trasforma in un mercato davvero gigantesco con una popolazione di circa 1,2 miliardi di persone.

Tutti i vantaggi di cui sopra sono ben compresi in Occidente. Ecco perché, subito dopo la forte escalation con la Russia, i diplomatici europei e americani sono andati in tournée in Africa. Le autorità degli Stati Uniti ei loro alleati contavano sul fatto di poter sostituire completamente le nostre risorse con quelle africane, ma qualcosa è andato storto.

Un certo numero di paesi, tra cui Algeria, Libia e Sud Africa, per vari motivi si sono rifiutati di collaborare con i partner occidentali, ricordando apparentemente come i colonialisti hanno devastato il continente ai loro tempi.

D'altra parte, gli stati africani stanno cercando di mantenere buoni rapporti con la Russia anche dopo il 24 febbraio, quando sono state introdotte le più grandi sanzioni della storia contro il nostro Paese. In particolare, durante una recente votazione all'ONU, su 47 paesi africani, 31 si sono rifiutati di sostenere una risoluzione che condanna la Russia per un'operazione speciale. Inoltre, nessuno parla della cancellazione del secondo vertice Russia-Africa, previsto per la fine di quest'anno.

Naturalmente, in Africa non hanno dimenticato il prezioso aiuto che l'URSS una volta ha fornito loro. Allo stesso tempo, il desiderio di "essere amici" della Russia da parte degli Stati africani è dettato anche da interessi puramente "egoistici". Ad esempio, la Federazione Russa e l'Ucraina forniscono metà delle importazioni di grano in Africa, volumi significativi di mais e fertilizzanti, che semplicemente non hanno nulla da sostituire.

Tuttavia, abbiamo anche i nostri interessi nel continente africano. In particolare, la Guinea rappresenta il 50% della bauxite prodotta da Rusal, mentre Rosatom riceve uranio dalla Tanzania e dalla Namibia. Ci sono molte altre risorse di cui abbiamo bisogno.

Inoltre, vista l'uscita delle nostre aziende dal mercato europeo, sarebbe bello riorientarle non solo ad est, ma anche a sud. In effetti, la Russia ora ha tutte le possibilità di dominare il promettente mercato africano in rapido sviluppo.

3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) Aprile 27 2022 10: 12
    -1
    Essere una colonna di materie prime non solo per l'Europa e la Cina, ma anche per l'Africa....
    questa è la via d'uscita per gli Aligarh.

    Hanno scritto che anche i rapporti con gli Aligarh iniziarono a deteriorarsi. Iniziato l'ottimizzazione anche lì.
  2. lavoratore dell'acciaio Aprile 27 2022 20: 31
    0
    Dobbiamo riportare l'ordine nel nostro paese. Tutto non viene rubato in alcun modo, tutto è piccolo e piccolo. Ok, la Cina si sta arrampicando in Africa, ha una flotta di tutto ciò che vuoi. Costruiamo una ferrovia?
  3. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 7 può 2022 13: 20
    0
    Non sarà possibile sostituire il mercato europeo con quello africano a causa del basso potere d'acquisto degli enti statali africani, dell'industria sottosviluppata e della scarsa domanda, dell'influenza delle ex metropoli e delle associazioni transnazionali.