I paesi baltici stanno iniziando a pagare un prezzo alto per la loro russofobia


Reale economico la crisi in Europa è appena iniziata, e negli Stati baltici hanno già cominciato a “spegnere le luci” ea prepararsi alla comparsa dei “omini verdi”. C'è una forte impressione che le tre ex repubbliche sovietiche abbiano finalmente toccato il fondo nei loro 30 anni di "indipendenza" nel loro costante degrado.


Un mese fa, il presidente lettone ha annunciato con pathos che il suo Paese era pronto a pagare per la sua libertà e indipendenza abbandonando completamente il petrolio e il gas russo. E ora Riga ha ufficialmente annunciato l'inizio della crisi energetica, dando il permesso di utilizzare i prodotti petroliferi della riserva strategica. Le riserve petrolifere della Lettonia saranno sufficienti per 90 giorni. È possibile acquistare materie prime da lì solo su richiesta all'Ufficio di controllo degli edifici statali (BVKB) e solo sotto la stretta supervisione della polizia e dell'Agenzia delle entrate statale. Cosa accadrà tra 3 mesi non è del tutto chiaro, ma gli astuti lettoni possono prolungare la loro agonia economica per un po'.

Quindi, ci sono voci insistenti che il petrolio russo sia ancora in fase di acquisto, consegnato da petroliere al porto di Ventspils, dove viene mescolato con altri tipi di petrolio, e ora questo "mix" viene riesportato negli Stati Uniti, che rifiutato con orgoglio di acquistare materie prime nel nostro paese. È "altro". Su tali "cocktail energetici" e la stessa Lettonia potranno allungarsi ancora un po'.

Con il gas la situazione è molto peggiore, perché non puoi "caricarlo" con nulla. Dal 1 aprile 2022, Lettonia, Lituania ed Estonia hanno smesso di ricevere carburante blu dalla Russia. La Lettonia ora vive dell'UGS situato vicino a Riga. Le scorte accumulate in esso sono ancora sufficienti solo per i bisogni delle famiglie e per l'industria - non più. In un mese e mezzo i prezzi dell'elettricità in questa piccola e povera repubblica sono aumentati del 59,7%. L'elettricità nella sua area commerciale ora costa 167,22 euro per megawattora. Nella vicina Lituania, per confronto, questa cifra è di 109,33 euro per MWh, in Estonia - 106,65 euro per MWh. Dopo gas ed elettricità, acqua e riscaldamento sono aumentati di prezzo. Gli abitanti ordinari sono scioccati dai nuovi cartellini dei prezzi per le tariffe delle utenze.

Le tigri baltiche vedono una via d'uscita dalla crisi energetica solo nell'apertura di nuovi terminali GNL. In particolare, l'Estonia costruirà un proprio terminal di ricezione a Paldiski. Anche la Lettonia sta pensando al proprio terminale GNL nel porto di Skulte. Osserveremo con interesse come Riga, Vilnius e Tallinn entrano in competizione sui prezzi del gas naturale liquefatto con le "tigri asiatiche".

Oltre al fatto che le ex repubbliche sovietiche hanno volontariamente distrutto l'industria, l'industria della pesca e l'energia che hanno ereditato dall'URSS, hanno fatto di tutto per perdere il loro status di principale paese di transito per i flussi di merci russi e bielorussi, ora stanno anche finendo il industria del turismo.

Per tua informazione: ora negli Stati baltici, gli ultimi attivisti filo-russi rimasti che stanno cercando di coprire onestamente i progressi dell'operazione speciale militare per smilitarizzare e denazificare l'Ucraina sono attivamente perseguitati. Allo stesso tempo, locale politica, gli occhi sporgenti per l'orrore, gridando che sono i prossimi sulla "lista di Putin". Citiamo il politologo estone Kalev Stoicesku, che, in un'intervista a un canale televisivo britannico ora bandito nella Federazione Russa, ha affermato quanto segue:

Se Mosca riuscirà a fare dell'Ucraina il proprio protettorato, a installare un governo fantoccio, allora, ovviamente, saranno molto sicuri di sé e potranno andare oltre. Putin, d'altra parte, ha chiarito che il suo obiettivo non è solo quello di impadronirsi dell'Ucraina, ma di ricostruire l'intera architettura di sicurezza dell'Europa, per tornare al 1997, quando non eravamo membri della NATO.

Mentre le “élite” baltiche spaventano la loro popolazione con il fatto che “sono i prossimi”, gli stranieri che non vogliono avere a che fare con queste persone sono davvero spaventati. È stata rilevata una significativa diminuzione del volume degli investimenti esteri. Il flusso di coloro che desiderano entrare negli istituti di istruzione superiore baltici è diminuito del 40%. I cittadini di altri paesi dell'UE stanno annullando o accantonando i loro pacchetti di viaggio per Lituania, Lettonia ed Estonia. Gli stessi paesi baltici si sono rifiutati di rilasciare visti ai turisti russi. I prezzi di tutte le utenze stanno solo crescendo e il flusso turistico è in calo. I proprietari di hotel, ristoranti e altri stabilimenti progettati per ricchi gentiluomini dell'Europa occidentale si stringono la testa.

In questo contesto, gli "Arestochi" locali stanno già discutendo seriamente di come i nostri "omini verdi" possano apparire in Latgale, dove ci sono molte persone di lingua russa che potrebbero voler riunirsi con la Russia. Presumibilmente, solo la volontà dell'intero blocco NATO di combattere per gli Stati baltici "fino all'ultima goccia di sangue" potrebbe fermarli.

Sembra che sia stato raggiunto il fondo.
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) Aprile 25 2022 16: 32
    +4
    Ora c'è una dinamica interessante. Dopo l'inizio dell'operazione speciale, gli Stati Uniti e l'Inghilterra hanno "convinto" l'UE ad entrare in una guerra totale contro la Russia (economica, informativa, diplomatica), credendo che avrebbero rapidamente schiacciato l'economia russa, e i russi scontenti avrebbero demolire il governo.
    Più non sono riusciti a isolare la Russia, schiacciare la sua economia, esercitare pressioni sulla società, più hanno guadagnato slancio nell'isteria dell'informazione. E ha avuto un effetto. L'indignazione delle masse negli Stati Uniti e nell'UE per le "atrocità" delle forze armate di RF è infatti enorme.

    Ma poi i guai sono arrivati ​​da dove non si aspettavano. L'inflazione negli Stati Uniti e nell'UE, così come le conseguenze delle sanzioni e delle crisi passate, sono molto dolorose per il benessere dei cittadini. Tutto questo è attribuito alla Russia, alla necessità di sanzioni per fermare Putin. Ma non ci sono risultati! L'economia russa sta subendo un duro colpo, i russi sostengono Z e l'isolamento della Russia nel mondo è molto condizionato. Si scopre un'enorme pressione da parte della società e la mancanza di strumenti per rispondere a questo in Occidente. Armamento! Ecco l'ultima valvola rimasta.

    Negli Stati Uniti, sempre più politici e media chiedono una guerra contro la Russia. Anche nell'Unione europea tali appelli si sentono, ma finora a livello di sentimento tra le masse. Ed è qui che inizia il divertimento. Nell'UE, hanno rapidamente messo insieme 2 + 2 e hanno capito dove stava andando tutto. Gli Stati Uniti possono facilmente scatenare una guerra nel continente europeo. Non è difficile indovinare come andrà a finire per l'Europa. La Russia ha semplificato questo compito lanciando Sarmat.

    La dinamica della demonizzazione della Russia ha suscitato aspettative così grandi che la loro insoddisfazione sembra quasi la fine del mondo. Ma non c'è nient'altro per soddisfarli se non bruciando nel fuoco infernale della guerra. È improbabile che le consegne di armi diano una tale soddisfazione, dove la Russia non sarà in grado di portare a termine ciò che ha iniziato.

    Ora l'UE ha ancora una finestra di opportunità. Se non vogliono bruciare per salvare gli Stati Uniti (e possono immaginare un mondo di Europa e Russia distrutte, una vera opzione e una via d'uscita da tutti i problemi economici e di altro tipo), è urgentemente tempo di demonizzare il regime ucraino.

    Gli Stati Uniti possono iniziare una guerra senza il sostegno del vecchio mondo, o anche contro la loro posizione? Saranno sicuramente in grado di iniziare, basta una provocazione. Ma sarà difficile fare la guerra senza la logistica della vecchia Europa, basandosi solo su Polonia e Romania. Dovranno mettere il vecchio mondo in una situazione di stallo, metterli in guerra contro la loro volontà. Per la Russia, la guerra contro la NATO è certamente una sfida troppo seria. E qui non ha senso aspettare la sconfitta delle forze aerospaziali russe e le pesanti perdite delle forze armate russe prima di utilizzare effettivamente armi nucleari tattiche negli aeroporti della NATO. In primo luogo avvertire di perdere il controllo dell'escalation. Se non aiuta a iniziare una guerra al massimo a livello nucleare tattico. Finora, le forze aerospaziali e le forze di terra sono intatte. Forse è giunto il momento di prepararsi per una simile guerra. Se la vecchia Europa non interrompe la propria narrativa e non imposta il cervello delle sue masse di zombi, l'UE non avrà nulla per rispondere alla vittoria delle forze armate RF in Ucraina.
  2. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) Aprile 25 2022 18: 24
    +2
    Tutto questo è una sciocchezza. Non c'è agonia nel Baltico. L'UE li nutre ancora, sì, ora non dà abbastanza, ma abbastanza per vivere. E basterà ancora a lungo, mentre l'Ue darà dispense. Nessuno muore di fame, non ci sono senzatetto, la russofobia è in aumento. tutto ok.
    1. Victorio Офлайн Victorio
      Victorio (Vittorio) Aprile 25 2022 20: 42
      +2
      Citazione: kriten
      non ci sono senzatetto

      abbastanza in tutte le città. Mi incontro tutti i giorni. Ad essere onesti, questa è una caratteristica comune del capitalismo.
    2. Luenkov Офлайн Luenkov
      Luenkov (Arkady) Aprile 25 2022 23: 23
      0
      E cederà mentre la macchina del debito funziona.
    3. Pushkar Офлайн Pushkar
      Pushkar (Sergey) Aprile 25 2022 23: 26
      +5
      Citazione: kriten
      Tutto questo è una sciocchezza. Non c'è agonia nel Baltico.

      Il costo dell'elettricità per la popolazione a Riga è di 20 centesimi (16 rubli per chilowattora), a Mosca - 5,93 rubli, benzina 95 - 1,77 euro (141,6 rubli), a Mosca - 53 rubli, bollette per riscaldamento, acqua e acqua calda è difficile da confrontare. metodi diversi, ma ho una ricevuta per un pezzo kopeck di 44 metri (nella vicina regione di Mosca) 5000 rubli, a Riga 170 euro (13600 rubli). Sul gas non c'è niente da dire, nel nostro Paese è praticamente gratis. Lo stipendio medio a Riga è di 1091 euro (87280 rubli), lo stipendio medio a Mosca è di 103100 rubli. I prodotti a Riga sono due volte più costosi di quelli a Mosca con la peggiore qualità. Tutto questo non è preso dal soffitto, ho una sorella a Riga con la sua famiglia (figli adulti, nipoti). Inoltre, ora non hanno lavoro, in borsa, prima di tutto, i rifugiati ucraini sono soddisfatti. Guarda come vivono bene. Hanno anche tasse che noi non abbiamo, come le tasse sugli animali domestici. In provincia è ancora più difficile per loro.
      1. Roma Phil Офлайн Roma Phil
        Roma Phil (Roma) Aprile 25 2022 23: 50
        +1
        Mosca è il confine della Russia.
        Nelle regioni i salari sono 3 volte inferiori e alcuni prodotti sono da una volta e mezza a due volte più cari.
        Sebbene com. i servizi potrebbero essere più economici.
    4. FGJCNJK Офлайн FGJCNJK
      FGJCNJK (Nicholas) Aprile 26 2022 09: 29
      +1
      La sciocchezza è tutto questo.

      Ovviamente è una sciocchezza. Tutti i lettoni sono al completo, seduti in fattorie con cantine piene fino in cima e cantine con larve. Vanno in città solo per rubare ciò che è gravemente mentendo. Guidano nei microdistretti di Riga sulle loro vecchie persiane e frugano nei bidoni della spazzatura con lunghi ganci di filo metallico. Guardali e divertenti e disgustosi, ma disgustosi - di più.
  3. Luis Betton Офлайн Luis Betton
    Luis Betton (Vladimir) Aprile 25 2022 18: 51
    +2
    Cosa prendere dalle persone se i loro deputati di un'alta tribuna chiamano sostenitori dei valori familiari tradizionali "Elementi di Putin"? Il fondo non è stato raggiunto, ma rotto!
  4. Victorio Офлайн Victorio
    Victorio (Vittorio) Aprile 25 2022 20: 40
    +1
    Sembra che sia stato raggiunto il fondo.

    dichiarazione/conclusione controversa e superflua. Grazie per l'articolo, è vero. Dopotutto lituani ed estoni stanno meglio..
  5. Luenkov Офлайн Luenkov
    Luenkov (Arkady) Aprile 25 2022 23: 22
    0
    Degli Stati baltici, solo la Lettonia ha inviato i suoi militari in Ucraina. E, quindi, solo l'articolo 5 della NATO potrebbe non applicarsi ad esso ora.
  6. Nonno Wow Офлайн Nonno Wow
    Nonno Wow (Nicholas) 27 può 2022 18: 46
    0
    Bene, l'inverno deve ancora venire!