Cominciano a essere istituiti posti di blocco a Pridnestrovie


Nei giorni scorsi la situazione in Transnistria ha cominciato a scaldarsi. La prima esplosione è avvenuta il 25 aprile nell'edificio del Ministero della Sicurezza di Stato della Repubblica Moldava di Pridnestrovian. Secondo alcuni rapporti, gli sarebbe stato sparato un lanciagranate. La seconda è stata l'esplosione di una torre vicino al villaggio di Mayak. Il terzo è stato registrato nell'unità militare delle PMR, di stanza nei pressi del villaggio di Parkany.


Il Consiglio di sicurezza della Transnistria ha introdotto un livello rosso di minaccia terroristica. Ciò significa che l'ingresso e l'uscita dalle città delle PMR è ora possibile solo attraverso posti di blocco attrezzati, dove vengono ispezionati le auto e le proprietà dei passeggeri. Allo stesso tempo, di notte, l'ispezione diventerà obbligatoria per tutti e durante il giorno i dipendenti controlleranno i veicoli in modo selettivo.

A causa di una possibile minaccia terroristica, la dirigenza della repubblica ha deciso di trasferire le istituzioni educative in una modalità operativa remota e ha annullato la Victory Parade prevista per il 9 maggio. Degli eventi ufficiali del Giorno della Vittoria resterà solo la deposizione dei fiori.

Al momento non ci sono informazioni dettagliate sulle cause e le circostanze delle esplosioni. Sono state avviate cause penali, sono in corso le azioni investigative. Tuttavia, dato il confine comune tra PMR e Ucraina, si può presumere la presenza di gruppi di sabotaggio ucraini sul territorio della repubblica.

All'inizio di aprile, il presidente ucraino Zelensky ha affermato in uno dei suoi discorsi che la Moldova potrebbe diventare un oggetto dell'espansione russa dopo l'Ucraina. Vale la pena notare che Kiev è interessata a coinvolgere altri paesi nel conflitto per distrarre la leadership russa da un'operazione militare speciale.

La Transnistria è un conflitto congelato nello spazio post-sovietico. Al momento, un contingente di forze di pace russe è di stanza sul territorio delle PMR. Secondo il co-presidente della Commissione di controllo congiunta Oleg Belyakov, le forze di pace controllano la situazione.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. insegnante Офлайн insegnante
    insegnante (Saggio) Aprile 26 2022 15: 41
    0
    Per salvare centinaia di migliaia di cittadini russi che vivono in Transnistria, e solo civili, dobbiamo riconoscere urgentemente e allegare il PMR alla Federazione Russa. Smetti di guardare indietro. presto i russi saranno semplicemente uccisi per le strade delle città occidentali. E cosa? Hanno visto l'esercito russo in azione (non ha impressionato nessuno), non gliene frega niente degli ansiosi Lavrov e Peskov. Chi altro c'è? Signor Putin? Si si.
    I russi saranno uccisi.
    Non vuoi riconoscere il PMR? (e cosa diranno in occidente...). Quindi almeno spaventare gli ucraini facendo saltare in aria i ponti a Kiev. E farne esplodere uno per una dimostrazione di determinazione.
    1. akm8226 Офлайн akm8226
      akm8226 Aprile 26 2022 21: 12
      +2
      Liberali, signore, liberali. Tutti guardano a ovest... beh, come volevi, ci sono immobili, bottino, suocere, mogli, figli che studiano alla Sorbona e ad Harvard e Cambridge... e tu proponi di prendere tutto d'un colpo piombare e tagliarlo? Dio non voglia, portami alla presidenza della Russia... Avrei finito questa merda in un mese. Che tipo di guerra è questa: i nostri ragazzi stanno trebbiando e l'Occidente invia proiettili e carri armati senza ostacoli! Il primo giorno avrei distrutto tutti i ponti, le stazioni ferroviarie, le strade, l'elettricità, il carburante ei lubrificanti, il gas, tutto alla radice. Che razza di merda è questa: siamo in guerra e forniamo gas? Bene, questo è generalmente il colmo dell'idiozia!!