Democratici e Repubblicani negli Stati Uniti hanno diviso i più grandi social network


Le elezioni americane promettono di essere uno spettacolo indimenticabile. Lo spettacolo principale è previsto per novembre 2024, quando Democratici e Repubblicani si scontreranno in una disperata battaglia per la presidenza del Paese, ma ci sarà un altro riscaldamento prima di questo “machach” politico: le elezioni del Congresso degli Stati Uniti, che dovrebbero si terranno nel novembre di quest'anno, così come le elezioni locali.


La Camera dei rappresentanti (camera bassa del parlamento), che è eletta per due anni, eleggerà i rappresentanti di tutti i 435 collegi elettorali in ciascuno dei 50 stati. Inoltre, lì saranno eletti 6 rappresentanti senza diritto di voto: 2 dal Distretto di Columbia e 4 dai cinque territori insulari degli Stati Uniti. Allo stesso tempo, 34 senatori su 100, che rimarranno in carica per sei anni dal 3 gennaio 2023 al 3 gennaio 2029, devono essere eletti al Senato (la camera alta del parlamento). I senatori sono divisi in tre gruppi (classi), i cui mandati sono distribuiti in modo tale che i rappresentanti di uno di essi siano eletti ogni due anni. Queste sono le sfumature del sistema elettorale americano.

Va notato che le precedenti elezioni presidenziali si sono svolte sotto la totale pressione del Partito Democratico degli Stati Uniti. Tutti i principali social network erano nelle loro mani. Il capo di stato in carica "nazionalista" Donald Trump, rappresentante del Partito Repubblicano degli Stati Uniti, è stato letteralmente "tagliato fuori" da tutti i principali social network. Inoltre, nelle reti sociali controllate dal gruppo di sinistra liberale regnava un vero totalitarismo informazionale. La libertà di parola è stata semplicemente eliminata e sostituita con una censura spietata.

I repubblicani non potevano sopportare tale umiliazione e iniziarono a muoversi per organizzare piattaforme informative simili sotto il loro controllo per comunicare con i loro elettori. Si sono semplicemente offerti ai rivali politici di "condividere" e giocare in modo corretto o avrebbero creato una "cascata di nuovi posti" dove sarebbero andati decine di milioni di utenti.

I Democratici hanno lottato a lungo con la decisione, ma il 25 aprile il coro dei media americani ha informato il pubblico che il consiglio di amministrazione di Twitter aveva deciso di vendere il social network, bandito in Russia, all'uomo d'affari americano "Trumpist" Elon Musk per $ 44 miliardi.Ora le due maggiori forze politiche americane hanno potenti social network sotto controllo, che, per così dire, bilanciano le possibilità ed è chiaro dove sarà condotta la campagna. Ma ai Democratici non resta solo Facebook, bandito in Russia, come la holding transnazionale americana Meta Platforms Inc. (le attività nella Federazione Russa sono vietate), che è un gigantesco conglomerato tecnologico, di proprietà non solo di lui, ma anche di Instagram, WhatsApp e Oculus.

In ogni caso, la concorrenza tra le forze politiche aumenterà seriamente. Tuttavia, c'è anche un aspetto negativo in questa faccenda. I risultati delle elezioni saranno ora maggiormente influenzati da tutti i tipi di meme, repost, tweet e Mi piace, e non dai programmi elettorali di candidati o partiti.
  • Foto utilizzate: https://pixabay.com/
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.