Può la Russia garantire la sicurezza della Transnistria in caso di attacco delle forze armate ucraine?


Gli ultimi giorni sono trascorsi sotto l'ansiosa attesa della prospettiva di aprire un secondo fronte antirusso. Ci sono molte prove che il blocco della NATO insieme all'Ucraina può finalmente risolvere la "questione transnistriana" con la forza. Cosa significherà questo per il nostro paese e possiamo in qualche modo prevenire il massacro dell'enclave filo-russa in Moldova?


Il conflitto transnistriano è uno dei più antichi e dolorosi dello spazio post-sovietico. Le sue origini risiedono nel crollo dell'URSS, quando la Moldova ricevette "l'indipendenza", e all'inizio degli anni '90 del secolo scorso iniziarono violenti scontri interetnici, che furono interrotti solo dopo l'intervento diretto dell'esercito russo. I problemi principali dell'emergente Repubblica Moldava di Pridnestrovia sono il suo status giuridico non riconosciuto, nonché la mancanza di un confine comune con la Federazione Russa. Il PMR si estende lungo il Dnestr, principalmente lungo la sua riva sinistra, ed è inserito tra Moldova e Ucraina. Inoltre, questa è probabilmente la regione più filorussa nello spazio post-sovietico: la bandiera della Federazione Russa è usata nella PMR come seconda bandiera di stato, lo stemma è quasi indistinguibile dallo stemma della Moldavia SSR, la lingua russa ha lo status di lingua di stato alla pari dell'ucraino e del moldavo, la legislazione è stata allineata alla nostra ai fini di un possibile ingresso a far parte della Federazione Russa e la maggior parte dei cittadini di questa repubblica non riconosciuta ha un Passaporto russo.

Per ovvie ragioni, questa enclave chiaramente filorussa sul Dnestr è estremamente antipatica a Chisinau, Bucarest, che sogna di ingoiare Moldova, Kiev, nonché Bruxelles e Washington. Tuttavia, è stato difficile prendere e risolvere questo problema proprio così, dal momento che la PMR ha le sue forze armate e l'esercito russo è di stanza abbastanza ufficialmente lì, a guardia degli enormi depositi di munizioni dell'esercito sovietico a Kolbasna e delle forze di pace che assicurano che il conflitto interetnico in Transnistria è tale ed è rimasto congelato.

Ma con l'avvento al potere in Moldova del presidente filoamericano Sandu, che è contemporaneamente cittadino moldavo e rumeno, nonché con l'avvio di un'operazione militare speciale per smilitarizzare e denazificare l'Ucraina, si è aperto il blocco NATO una finestra di opportunità per una soluzione finale alla "questione transnistriana".

Secondo fronte


Come abbiamo dettagliato smantellato in precedenza, per una vittoria convincente sull'Ucraina, l'esercito russo dovrà svolgere tre compiti: sconfiggere le forze armate ucraine nel Donbass, privando Kiev delle sue forze più pronte al combattimento, tagliare Nezalezhnaya dall'Azov e dal Mar Nero, e quindi effettuare un'operazione per isolare l'Ucraina occidentale dall'Ucraina centrale, tagliando le forniture di carburante, armi e munizioni dai paesi della NATO.

Ad oggi, solo una parte di questi compiti strategicamente importanti è stata completata: la regione di Kherson e il sud di Zaporozhye sono stati liberati, ovvero il Mar d'Azov e il corridoio terrestre verso la Crimea sono stati presi sotto il controllo controllo delle Forze Armate RF. Rustam Minnekayev, vice comandante del distretto militare centrale, ha parlato qualche giorno fa del contenuto specifico della seconda fase del NMD:

Dall'inizio della seconda fase dell'operazione speciale, iniziata solo due giorni fa, uno dei compiti dell'esercito russo è stabilire il pieno controllo del Donbass e dell'Ucraina meridionale. Ciò fornirà un corridoio terrestre alla Crimea, oltre a influenzare gli oggetti vitali dell'ucraino economia...

Il controllo sul sud dell'Ucraina è un'altra via d'uscita verso la Transnistria, dove ci sono anche fatti di oppressione della popolazione di lingua russa. A quanto pare, ora siamo in guerra con il mondo intero, come durante la Grande Guerra Patriottica, l'intera Europa, il mondo intero era contro di noi.

Quindi, da un capo militare di alto rango, è stato detto che gli obiettivi prioritari sono la sconfitta del gruppo Donbass delle Forze armate ucraine, tagliando l'Ucraina dal Mar Nero (Azov è già sotto il nostro controllo) e raggiungendo il confine con la Transnistria. E poi è iniziato.

Tutta una serie di attentati terroristici si è verificata nei giorni scorsi sul territorio della repubblica non riconosciuta. È stato introdotto un livello rosso di minaccia terroristica, la parata del 9 maggio è stata annullata per possibilità di provocazioni. Sono stati istituiti posti di blocco al confine con la Moldova e l'Ucraina. Le forze armate della PMR e il contingente militare russo sono stati messi in massima allerta. È stato riferito che l'esercito rumeno è apparso sul territorio della Moldova, imitando i guerrieri locali. A Kiev, l'ex consigliere del ministro della Difesa ucraino Yuriy Butusov ha rilasciato una dichiarazione sonora:

C'era solo una possibilità rimasta per salvare Mariupol: un duro colpo per la Transnistria. L'unica possibilità di salvare i nostri prigionieri ora è la smilitarizzazione della Transnistria occupata da gruppi di banditi illegali che si sono impossessati di questa parte legale della Moldova.

Per quanto riguarda il "salvare Mariupol", questo è, ovviamente, assurdo, poiché la città è già stata liberata dalle truppe russe, solo gli ultimi avanzi nazisti rimangono nelle segrete di Azovstal, da dove usciranno quando le scorte di cibo si esauriranno, oppure si autodistruggeranno volontariamente lì, rivolgendosi al cannibalismo. Un attacco alla Transnistria potrebbe consentire a tutta questa banda ucraino-Nato di risolvere altri problemi più urgenti.

In primo luogo, purtroppo, dobbiamo ammettere che le forze armate della TMR e il piccolo contingente russo non si opporranno da soli all'esercito ucraino addestrato, ben armato e motivato alla vendetta. La stessa geografia della repubblica, che è stretta e distesa lungo il Dnestr, non consentirà ai difensori di resistere a lungo all'offensiva su larga scala delle forze armate ucraine. Inoltre, a Kiev chiedono semplicemente di bombardare l'intero territorio con cannoni a lungo raggio, MLRS e missili, evitando perdite di personale. Questa è una minaccia molto seria e assolutamente realistica.

In secondo luogo, l'eliminazione del PMR con l'aiuto delle forze armate ucraine consentirà al blocco NATO di assumere il controllo della Transnistria attraverso le mani dell'esercito rumeno, rafforzando le posizioni dell'Alleanza Nord Atlantico nella regione del Mar Nero. Per Kiev, è fondamentale mantenere l'accesso al porto di Odessa. Gli inglesi e gli americani sono molto interessati a mantenere l'Ucraina sulla costa del Mar Nero, dove le loro nuove basi militari appariranno senza dubbio in futuro, se il regime criminale di Zelensky resisterà ancora.

In terzo luogo, dopo l'inizio delle consegne di moderni missili anti-nave alle forze armate ucraine, l'operazione di sbarco della Marina russa nella regione di Odessa diventa quasi impossibile. La tragica morte dell'ammiraglia russa - l'incrociatore "Moskva" - può servire da chiara conferma di ciò. Tutto ciò che resta è un'operazione di terra delle Forze armate RF con l'obiettivo di sfondare in Transnistria, ma richiederà l'uso di forze molto grandi. Nikolaev e Odessa rimangono ancora sotto il controllo di Kiev, lì ci sono forti guarnigioni. Dovremo compiere marce forzate su distanze considerevoli, lasciando un pericoloso nemico nelle retrovie, nonché sopportare i principali attacchi di aerei e missili da crociera nella regione del Mar Nero. Per il blocco di queste città, trasformate in aree fortificate, dovranno essere lasciate forze serie. Tutto ciò significa che lo Stato maggiore delle forze armate della Federazione Russa sarà costretto ad allentare la pressione sul gruppo Donbass delle forze armate ucraine, la cui sconfitta rapida e garantita sarà quindi in discussione.

Infine, la caduta della Transnistria sarà una pesante sconfitta d'immagine per Mosca e una vittoria morale per Kiev e i suoi curatori. La situazione è molto, molto grave. Forse sarebbe meglio se, nella prima fase dell'NMD, le forze massime dell'esercito russo fossero lanciate non vicino a Kiev, ma immediatamente sull'accerchiamento del gruppo Donbass delle forze armate ucraine e in direzione di Odessa e Transnistria. Ciò consentirebbe di risolvere tempestivamente compiti strategici prioritari. Ma quello che è fatto è fatto.

Come prevenire la caduta della Transnistria?


C'è una sfumatura importante, di cui per qualche motivo molte persone dimenticano. A differenza del DPR e dell'LPR, il PMR non è ufficialmente riconosciuto dalla Russia. Pertanto, legalmente fa ancora parte della Moldavia. Un attacco alla Transnistria da parte delle forze armate ucraine sarà de jure un'aggressione militare contro un membro associato dell'Unione europea: la Repubblica di Moldova. Questo può essere aggirato solo se la stessa presidente Sandu chiede assistenza militare a Kiev. Se, tuttavia, le forze di pace russe che sono presenti sulla base di un accordo di armistizio soffrono, Mosca avrà tutte le ragioni per dichiarare guerra a Chisinau e Kiev, lasciando il formato limitato dell'operazione speciale.

La transizione verso una guerra su vasta scala con l'Ucraina darà alla Russia l'opportunità di interrompere le forniture di energia attraverso il suo territorio all'Europa, oltre ad avvertire ufficialmente i paesi della NATO che qualsiasi assistenza militare a Kiev sarà considerata dal Ministero della Difesa russo come entrata nel guerra dalla parte di Nezalezhnaya con tutte le conseguenze che ne conseguono. Inoltre, per il primissimo colpo delle forze armate ucraine in direzione della Transnistria, le forze armate RF dovranno rispondere con un attacco missilistico mirato agli edifici amministrativi della capitale ucraina. Anche la Moldova diventerà un obiettivo legittimo per gli attacchi russi.

Questo è l'unico modo in cui la Russia nella situazione attuale può garantire la sicurezza della PMR e una convincente vittoria sull'"Ukroreich" senza frettolose marce forzate verso la Transnistria.
26 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) Aprile 27 2022 13: 18
    0
    Se, tuttavia, le forze di pace russe che sono presenti sulla base di un accordo di armistizio soffrono, Mosca avrà tutte le ragioni per dichiarare guerra a Chisinau e Kiev, lasciando il formato limitato dell'operazione speciale.

    A quanto ho capito, la morte dei residenti del Donbass che hanno la cittadinanza russa, gli attacchi aerei sulle città russe, non danno motivo di uscire dal formato limitato dell'operazione speciale?
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) Aprile 27 2022 14: 30
      -3
      A quanto ho capito, la morte dei residenti del Donbass che hanno la cittadinanza russa, gli attacchi aerei sulle città russe, non danno motivo di uscire dal formato limitato dell'operazione speciale?

      Apparentemente no.
    2. Kofesan Офлайн Kofesan
      Kofesan (Valery) Aprile 27 2022 17: 22
      +1
      Se ciò accadrà, significherà un aumento del grado di confronto e l'internazionalizzazione delle Operazioni Speciali. L'Occidente lo farebbe con piacere, ma chiaramente sta pisciando.

      E anche la Moldavia è buona! Un burattino.Qualunque cosa decidano a Bruxelles, Sandu interverrà, anche se non senza piacere... E chissà se la Romania è pronta a dire addio al dolce periodo dell'essere nell'UE. Tutte le chicche per lei rimarranno nel passato e inizierà un lungo, lungo dolore.

      Dopotutto, oltre per lei e la Moldova - solo in discesa ... In una parola, questo mostrerà molto ... Pertanto, è possibile un'"uscita" sul palco di un'arma più seria. Gli zingari corrono da molto tempo.
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) Aprile 27 2022 19: 53
        0
        Non sono uno stratega e non faccio parte dello stato maggiore. Ma a volte è bello guardare le mappe. Certo, è facile combattere in tutto il mondo. Ma il ponte è distrutto.

  2. 1_2 Офлайн 1_2
    1_2 (Le anatre stanno volando) Aprile 27 2022 14: 03
    -1
    in questo caso, Chisinau verrà distrutta e potrebbero essere utilizzate anche armi nucleari tattiche
  3. indifferente Офлайн indifferente
    indifferente Aprile 27 2022 14: 38
    +1
    Non sono d'accordo con l'autore! Un colpo alla Transnistria significa un riconoscimento immediato da parte della Russia con tutte le conseguenze. E questo è il supporto della difesa aerea con la distruzione delle forze armate ucraine che vivono lì. E non ce ne sono così tanti. È abbastanza paragonabile alle forze della Transnistria. Reggerà bene per un po'. E le riserve delle forze armate ucraine possono essere prese solo dal fronte. Quindi non possono farcela da soli. Tutta speranza per i moldavi. Ma non sono desiderosi di combattere. Sì, e finirà con l'occupazione della Moldova stessa da parte delle nostre forze. Sandu lo sa e non salirà a capofitto.
  4. igor.igorev Офлайн igor.igorev
    igor.igorev (Igor) Aprile 27 2022 14: 39
    +1
    autore, è a conoscenza del fatto che le truppe russe sono nella PMR per decisione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite?
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) Aprile 27 2022 14: 56
      -2
      Sì, perché me l'hai chiesto? E in che modo questo contraddice quanto scritto nell'articolo?
      1. igor.igorev Офлайн igor.igorev
        igor.igorev (Igor) Aprile 27 2022 15: 15
        0
        Inoltre, ha chiesto che l'ONU dovrebbe poi agire contro l'Ucraina. Ora, agli occhi dell'Europa e degli Stati Uniti, sembra la parte lesa. E in caso di attacco alle PMR, diventeranno un aggressore con tutte le conseguenze che ne conseguiranno. È stato davvero così difficile pensarci?
        1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
          Marzhetsky (Sergey) Aprile 27 2022 15: 29
          -1
          È stato davvero così difficile pensarci?

          Insegna a tua nonna a succhiare le uova. Metti gli Stati Uniti sul diritto internazionale. Questo è il primo.
          In secondo luogo, la stessa Sandu può chiedere aiuto a Kiev. Questo è scritto nell'articolo se lo leggi e cerchi di capire.
          1. igor.igorev Офлайн igor.igorev
            igor.igorev (Igor) Aprile 27 2022 17: 42
            -2
            Non ho dubbi sul fatto che gli Stati Uniti fossero a destra. Ma abbiamo subito un asso nelle Nazioni Unite, e gli americani non ne hanno affatto bisogno. Sono abbastanza soddisfatti della guerra fino all'ultima cresta.
            1. InanRom Офлайн InanRom
              InanRom (Ivan) Aprile 28 2022 00: 18
              +1
              .. le "carte vincenti all'ONU" hanno aiutato molto la Jugoslavia, la Libia, la Siria, l'Iraq ?! Beati i credenti nell'ONU... che è nelle tasche degli stati. Per riferimento:
              In termini di contributo al bilancio ordinario delle Nazioni Unite nel 2022, i seguenti Stati membri sono in testa:
              USA - $ 693 (417%)
              ...... e quasi alla fine della lista (sotto il Brasile, ma sopra i Paesi Bassi)
              Russia - $ 58 (814%)
              Chi morde la mano che nutre?!
              Poiché gli stati sono viola, sanno come agitare le provette e nessuno le ha assicurate alla giustizia per questo.
              e non bisogna confondere la posizione di membri del Consiglio di sicurezza come Russia e Cina con la posizione dell'ONU e degli Stati Uniti. L'ONU è stata a lungo incapace e l'intera pratica internazionale degli ultimi tre decenni lo dimostra.
              1. igor.igorev Офлайн igor.igorev
                igor.igorev (Igor) Aprile 28 2022 09: 53
                -1
                Le nostre truppe non c'erano, così come i nostri interessi. Abbiamo avuto relazioni molto tese con la Jugoslavia sin dalla sua fondazione. E non dimentichiamo che negli anni '90 avevamo tutti fratelli amici, votavamo come tutti i liberda all'Onu. Ora la situazione è completamente diversa. Ci incontrano per NWO in Ucraina, e poi otteniamo il diritto di correre negli Stati Uniti. E lo capiscono. Devi solo guardare un po' più in là del tuo naso.
      2. Il commento è stato cancellato
    2. GIS Офлайн GIS
      GIS (Ildo) Aprile 27 2022 15: 00
      0
      è consapevole - scrive PEACEKEEPERS
      https://peacekeeping.un.org/ru/principles-of-peacekeeping

      Sebbene sul campo le dure misure di mantenimento della pace possano talvolta sembrare simili alle azioni di peace-forcement come previsto nel Capitolo VII della Carta delle Nazioni Unite, le due non vanno confuse.
      - Le dure misure di mantenimento della pace comportano l'uso della forza a livello tattico, con l'autorizzazione del Consiglio di Sicurezza e con il consenso dello Stato ospitante e/o delle principali parti in conflitto.
      - Al contrario, le azioni di pace non richiedono il consenso delle parti principali e possono comportare l'uso della forza militare a livello strategico o internazionale, che è normalmente vietato agli Stati membri ai sensi dell'articolo 4, paragrafo 2, della Carta, a meno che tale uso della forza è autorizzato dal Consiglio di Sicurezza.

      non ha trovato l'attuale mandato per le forze di pace delle PMR, ma un riferimento al ministero degli Esteri russo che il mandato non è stato ancora esaurito:
      https://tass.ru/politika/10561391
      1. Alessandro Alesandrovich (Alesandro Alesandrovich) Aprile 27 2022 16: 25
        +2
        Le forze di pace nella PMR non sono con il consenso delle Nazioni Unite, ma sulla base dell '"Accordo sui principi della risoluzione pacifica del conflitto armato nella regione transnistriana della Repubblica di Moldova" del 1992. L'accordo è stato firmato dal presidente russo Eltsin e dal presidente moldavo Sinegur. Pertanto, in caso di conflitto, le nostre forze di pace possono contare solo sull'aiuto della Patria.
        1. GIS Офлайн GIS
          GIS (Ildo) 2 può 2022 07: 28
          0
          Grazie per il chiarimento
  5. FGJCNJK Офлайн FGJCNJK
    FGJCNJK (Nicholas) Aprile 27 2022 14: 43
    0
    E perché è stato necessario spifferare sugli scioperi ai centri decisionali? Tuttavia, la parola non è un passero - svolazzava - non la prenderai. Un passero può essere e può essere catturato, la parola è NO!
    1. igor.igorev Офлайн igor.igorev
      igor.igorev (Igor) Aprile 27 2022 17: 44
      -1
      Sei impaziente di scatenare la terza guerra mondiale?
  6. insegnante Офлайн insegnante
    insegnante (Saggio) Aprile 27 2022 15: 14
    -2
    Chi può dire chiaramente perché la Russia non ha riconosciuto la PMR per 32 anni, nonostante l'eccezionale natura filo-russa della regione. Perché da 32 anni (e anche adesso!) la Federazione Russa parla di indivisibilità e inviolabilità dei sacri confini della Moldova. A proposito di una sorta di status all'interno della Moldova filo-rumena.
    Ci sono personaggi al Cremlino che affermano che i cattivi Pridnestroviani interferiscono nel fare amicizia con la fraterna Moldova. C'è! Quando impongono sanzioni alla Moldova, i funzionari della Federazione Russa non distinguono Pridnestrovie e picchiano i propri.
    La sconfitta delle forze armate della repubblica delle forze di pace della Federazione Russa è inevitabile. Semplicemente non hanno nulla da combattere. Oltre alle armi leggere degli anni '80, non c'è niente. Ebbene sì, una dozzina di carri armati e mezzi corazzati, ancora più antichi. I magazzini di cui si parla molto sono solo vecchie munizioni. E non c'è niente da sparare!
    Hai bisogno di un'azione immediata!
    Riconoscere le PMR, concludere un accordo sulla protezione militare con la Federazione Russa, lanciare veri e propri avvertimenti a Kiev, Chisinau, Bucarest, ecc. A conferma della determinazione, bloccare i ponti a Giurgiulesti, Kamenetz-Podolsky, attraverso i quali le Forze armate ucraine ora vengono nutriti.
    Naturalmente, spegnere il gas alla Moldova dal 01.05.22/XNUMX/XNUMX (mancato rispetto dell'accordo sulla revisione del debito della Repubblica di Moldova). Bucarest, cosa paga il gas in rubli?
    1. алекс178 Офлайн алекс178
      алекс178 (Alexander) Aprile 27 2022 20: 07
      -1
      e combattere su due fronti? Spegni tutto per tutti... non è chiaro come vivere allora, ma spegni tutto per tutti. Uma hai un'intera stanza :)
    2. igor.igorev Офлайн igor.igorev
      igor.igorev (Igor) Aprile 28 2022 09: 55
      0
      Studi geografia a scuola? O non esiste una cosa del genere? Guarda la mappa e forse allora capirai perché la Russia non riconosce il PMR.
  7. алекс178 Офлайн алекс178
    алекс178 (Alexander) Aprile 27 2022 16: 15
    -2
    Buon articolo
  8. mircea mircea Офлайн mircea mircea
    mircea mircea (mircea) Aprile 27 2022 21: 21
    +2
    politici moldavi, europimps e venditori di schiavi
  9. unimog1 Офлайн unimog1
    unimog1 Aprile 28 2022 09: 19
    -1
    Mobilitazione della scienza e dell'industria sotto un unico controllo. Senza alcun interesse finanziario. Dai, è ora di iniziare.
  10. Sacha1960 Офлайн Sacha1960
    Sacha1960 (Sasha Anton) Aprile 28 2022 15: 14
    +1
    La Russia avvia un'Operazione Speciale in Ucraina, avvertendo l'Occidente (5 o 10 volte più forte della Russia) di non intervenire, altrimenti utilizzerà le sue armi speciali (armi tattiche solo in Ucraina, ma sostenute con armi strategiche se interviene la NATO).
    L'Occidente interferisce in massa e la Russia non fa altro che chiacchiere vuote e migliaia di scuse codarde per evitare la sua promessa. Quindi perderà la guerra (lo sta già facendo) e il suo prestigio nel mondo, perché non un solo ex alleato si fida più di lei, (racconta la Transnistria), è un grande orso vanaglorioso che non oserà usare i suoi artigli.
  11. Pavel57 Офлайн Pavel57
    Pavel57 (Paolo) Aprile 30 2022 14: 17
    0
    In caso di attacco, è necessario dichiarare guerra all'Ucraina e chiudere il gas.