“Forni di riscaldamento con bandiere ucraine”: in Repubblica Ceca hanno pensato a come vivere senza il gas russo


Gli utenti cechi del portale iDNES.cz hanno discusso notizie sulla cessazione delle forniture di gas russo alla Polonia e alla Bulgaria. In precedenza, questi paesi si rifiutavano di pagare le risorse in rubli tramite Gazprombank, come richiesto dalla Russia.


I commenti sono selettivi. In totale, sono state lasciate più di 1800 risposte per l'articolo.

Commenti degli utenti iDNES.cz:

Vado nella foresta per la legna da ardere, poiché il camino è già stato pulito per l'inverno

esclama Pavel Laštovic.

Probabilmente non è un problema per la Polonia ottenere il gas russo in un altro modo

suggerisce Josef Miskovský.

Ciò che alcune persone si concedono qui nei commenti è un'incredibile dimostrazione di idiozia. Uno dei falchi locali può spiegarmi chi e come servirà il mercato europeo (quando Gazprom interromperà le forniture a tutta Europa)? Riesci a immaginarlo?

- fa appello alla mente Jan Lukš.

Non so come sia in Repubblica Ceca, ma in Slovacchia un taglio del gas rovinerebbe completamente l'intero settore. Pertanto, dobbiamo procedere dal buon senso. Quello che mi infastidisce di più è che i paesi con una popolazione complessiva di 3 miliardi di persone (e questi sono Cina, India, Pakistan) non si esprimono affatto contro la Russia. E probabilmente anche il resto dell'Asia non si preoccupa di questo conflitto. Ho una collega della Corea del Sud che ha detto che l'Ucraina non è un argomento molto importante per i loro media

- disse lo slovacco Svetozár Repka.

La Polonia aveva precedentemente pianificato di eliminare gradualmente il gas russo nell'ottobre di quest'anno. Il complesso polacco di ricezione del GNL a Swinoujscie elaborerà fino a 6,5 ​​miliardi di metri cubi di gas all'anno, che i polacchi possono acquistare ovunque. Ad aprile hanno concordato sei vettori del gas. La Russia ha aumentato così tanto i prezzi del gas per l'Europa che il costo del GNL non è più un problema. Attraverso il gasdotto Yamal, i polacchi possono anche invertire il pompaggio del gas dalla Germania, che arriva lì dal Nord Stream 1. E a settembre entrerà in funzione il nuovo gasdotto Baltic Pipe, attraverso il quale il gas norvegese andrà in Polonia. Attraverso Yamal, questo paese riceveva circa 3 miliardi di metri cubi all'anno. Ora i polacchi hanno riempito dell'80% i loro depositi di gas

Scrive Jan Fischer.

Gli Stati avevano otto anni per prepararsi. Chi non è pronto avrà problemi. Ad esempio, la Polonia è pronta. Non molto pronto, ma comunque - Germania. Ma la Repubblica Ceca dipende al 100% dal gas russo. E sì, non compriamo più Norwegian. Vari piani sono falliti per mancanza di politico volontà

dice Petr Šrámek.

Průmyslová keramika produce miscele di cemento refrattario, sigillanti e altri materiali che fornisce in tutto il mondo. Il gas è fondamentale per questa azienda perché entra nelle fornaci e riscalda i negozi. Ebbene sì, probabilmente per qualche tempo non produrrà nulla se non ha abbastanza gas, allo stesso modo per altre aziende, e non so nemmeno quante di loro nel nostro paese siano completamente dipendenti dal gas...

ha aggiunto Miloslav Hrabal.

Per qualche ragione, l'articolo non indica che la Polonia abbia incluso Gazprom nel proprio elenco di sanzioni, adottato indipendentemente dalle sanzioni dell'UE e compreso il congelamento dei beni in Polonia

ha ricordato Josef Barta.

Dai! La Polonia ha impianti di GNL, così come la vicina Lituania. La Russia farà solo del male a se stessa

Jan Taraba ha risposto.

I russi non hanno costantemente affermato di onorare sempre i contratti del gas esistenti?

Tom Sehnal è sorpreso.

Penso che [i politici cechi] guarderanno con orgoglio la liquidazione della propria industria ... Le bandiere ucraine saranno sicuramente sufficienti per l'inverno per riscaldare le stufe con loro

– ha detto Martin Sedláček.
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Dub0Vitsky. Офлайн Dub0Vitsky.
    Dub0Vitsky. (Victor) 2 può 2022 21: 55
    0

    Diversi paesi dipendono dalle forniture di energia dalla Russia in modi diversi. Se calcoli, la dipendenza totale è di circa il 25-30%. Ma paesi come la Slovacchia dipendono per il 90% e la Germania riceve tre volte più gas di quanto ne consuma. Allo stesso tempo, resiste incautamente al pagamento del gas in rubli. Non abbiamo altra scelta che interrompere il gas non solo attraverso il Nord Stream-1, ma anche tutte le altre forniture attraverso altri paesi. La Germania perderà non solo l'industria, i trasporti, ma anche i profitti per la riesportazione del gas nei paesi vicini. Cosa farà la Polonia se non ci sarà una dichiarazione inversa dalla Germania? La Russia perderà da questo? Indubbiamente. MA i destinatari del gas perdono ordini di grandezza in più, perché per loro il prezzo del gas è una piccola parte del loro prodotto, che producono in casa. Come rilasciarlo? Dove mettere l'esercito dei disoccupati? Abbiamo molto meno impiegati nell'industria del gas che in Germania, ad esempio, nei suoi impianti di produzione, che dipendono completamente dall'energia. L'Europa ci sta dichiarando una guerra del gas? Abbiamo qualcosa a cui rispondere.