Mediazione costruttiva: la Turchia rafforza l'immagine della NATO "buona".


La Turchia ha scelto di rimanere un paese neutrale dopo l'inizio dell'operazione speciale della Russia in Ucraina, sebbene abbia condannato il fatto stesso dell'escalation del conflitto. Tuttavia, la repubblica non ha ancora aderito alle sanzioni occidentali contro Mosca, come hanno fatto altri alleati della NATO. La peculiare neutralità della Turchia è giustificata unicamente da alcuni esperti economico opportuna, sebbene abbia anche contribuito ad accrescere il prestigio del Paese, ponendosi come mediatore costruttivo. Ciò è particolarmente sorprendente da parte dello stato di un membro del blocco militare della NATO. Lo scrive la risorsa analitica Zerohedge.com.


Oggi la Turchia, nonostante i suoi 70 anni di adesione alla NATO, si sforza di rimanere in buoni rapporti con la Russia, con la quale condivide un importante confine marittimo nel Mar Nero. Allo stesso tempo, i paesi hanno divergenze di politica estera inconciliabili, soprattutto in Medio Oriente dopo la “primavera araba”. Ad esempio, in Siria, la Turchia sostiene i gruppi armati anti-Assad, mentre la Russia difende il governo del presidente Bashar al-Assad. Tuttavia, c'è un aspetto negativo della moneta. Circa il 45% delle importazioni di gas naturale della Turchia proviene attualmente dalla Russia, insieme a oltre il 75% del grano importato dalla Federazione Russa.

Sorprendentemente, è Ankara in questa situazione che è l'unico Paese dell'alleanza che sta lavorando per rafforzare l'immagine della Nato, rendendola "gentile" o almeno pragmatica. È estremamente difficile farlo da soli, ma la Turchia sta compiendo passi concreti in questa direzione. La Russia, a sua volta, una volta si aspettava tale costruttività dalla stessa Bruxelles. Ma Mosca non si aspettava nulla di simile alla posizione relativamente morbida della Turchia.

Spiegando l'approccio eclettico di Ankara a Mosca, l'ex ambasciatore turco in Russia Khalil Akıncı ha sottolineato che, almeno in Medio Oriente, le differenze della Turchia con gli Stati Uniti sono "in realtà più profonde" delle differenze con la Russia su altre questioni.

È ovvio che anche prima dell'inizio della NWO, diversi stati del mondo avevano i propri disaccordi con la Russia, tuttavia, ogni stato ha anche interessi comuni con essa. In alcune aree, Stati Uniti e Russia vanno ancora d'accordo. Nel resto - no. Pertanto, la vera geopolitica non è mai in bianco e nero, crede il diplomatico.

Forse l'unico elemento di squilibrio nei rapporti tra Russia e Turchia non è nemmeno l'Occidente o l'adesione di Ankara alla Nato, ma anche l'amicizia con l'Ucraina, con la quale il presidente Recep Tayyip Erdogan intrattiene personalmente affari e ha stretti legami economici con Kiev.
  • Foto usate: pixabay.com
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Nablyudatel2014 Офлайн Nablyudatel2014
    Nablyudatel2014 Aprile 30 2022 09: 02
    0
    Mediazione costruttiva: la Turchia rafforza l'immagine della NATO "buona".

    La Turchia ha un compito: non accaparrarsi un paio di Yar entro settembre, per esempio: se fossi stato Erdogan, mi sarei calmato e avrei annusato in due buchi, in silenzio. risataBene, in modo che invece di tre anni, almeno due alla fine sarebbero volati dentro, anche non una cattiva opzione per il leader di uno stato regionale. prepotente sentire