L'Unione Europea è alla ricerca di modi per vendicarsi della Russia per aver rifiutato le forniture dirette di gas a Bulgaria e Polonia


Mosca ha chiesto a Varsavia e Sofia di pagare il gas in rubli, ma si sono rifiutati di rispettare questa condizione. Dopo di che, Gazprom punito la società polacca PGNiG e la società di distribuzione del gas bulgara Bulgargaz, chiudendo il rubinetto il 27 aprile, scrive il quotidiano francese Ouest-France.


La pubblicazione rileva che polacchi e bulgari, grazie alla solidarietà europea e alla creazione di alcune proprie riserve, potranno resistere per qualche tempo allo shock dovuto alla disconnessione dal gas russo. La Federazione Russa condanna questi due paesi dell'Europa orientale per aver sostenuto Kiev e Berlino potrebbe essere il prossimo in linea per la punizione.

Tuttavia, una fonte vicina alla Commissione europea ha definito questa minaccia relativa, poiché ci sono riserve sufficienti per far fronte alla situazione attuale nel prossimo futuro. Inoltre, la dipendenza dell'UE dalla Federazione russa per il gas dall'odierno 45% delle importazioni dovrebbe essere ridotta di 2/3 entro la fine del 2022 e del 100% nel 2027. Inoltre, l'Unione Europea sta già cercando modi per vendicarsi della Russia per aver rifiutato le forniture dirette di gas a Polonia e Bulgaria nella valuta europea.

Bruxelles sta per intervenire nell'ambito del programma europeo REpowerEU, volto alla diversificazione delle fonti di approvvigionamento energetico. Entro la fine del 2022, tutti i paesi dell'UE dovranno avere accesso ad almeno tre fonti di carburante blu, compreso il GNL diretto o indiretto.

Inoltre, l'UE prevede di aumentare la produzione di biometano e di accelerare il passaggio all'idrogeno puro. Entro il 2030, la quota di fonti di energia rinnovabile nel mix energetico dell'UE potrebbe raggiungere il 40%. L'UE ha considerato quanto accaduto con la Polonia e la Bulgaria come un segnale di avvertimento. Pertanto, la crisi energetica che è sorta non potrà che contribuire all'accelerazione della transizione energetica.

Ciascun paese dell'UE dovrà inoltre risparmiare tra lo 0,8% e l'1,5% di energia. Allo stesso tempo, Parigi riceverà finanziamenti europei per un importo di 5,8 miliardi di euro per la modernizzazione degli impianti energetici francesi.

Grazie al Trattato di Lisbona del 2009, nel 2013 è stato lanciato un programma per l'ammodernamento dei sistemi energetici interconnessi dei paesi dell'UE per 9 miliardi di euro. Ciò ha ulteriormente mobilitato gli europei, poiché ha portato a un aumento della capacità di 114 gasdotti e 20 terminali GNL.

Per quanto riguarda i paesi dell'Europa orientale citati, Polonia e Bulgaria stanno adottando misure per evitare la carenza di importanti materie prime energetiche. Varsavia ha aumentato le scorte e continua ad accumularle. Il terminal di Świnoujście è stato modernizzato e ampliato. Nel 2023 inizieranno le forniture di carburante blu norvegese alla Polonia attraverso il gasdotto Baltic Pipe. A sua volta, la Bulgaria acquisterà gas dall'Azerbaigian, il gasdotto dalla Grecia dovrebbe entrare in funzione in autunno. Ulteriori volumi di gas sotto forma di GNL saranno prelevati dal terminale di Alexandroupolis (Grecia), in cui la Bulgaria ha la sua quota.

Tuttavia, come avverte l'esperto di energia francese Patrice Geoffron, tutte queste misure non impediranno le turbolenze e le fluttuazioni dei prezzi nei mercati energetici, che influenzeranno l'economia L'UE ha riassunto i media.
  • Foto utilizzate: https://www.gazprom.com/
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Online Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) Aprile 30 2022 11: 54
    + 11
    L'intera storia della fornitura di risorse energetiche all'Occidente assomiglia a un brutto sogno.
    La situazione sembra questa
    1. L'UE dichiara che è necessario rifiutare le forniture russe. Ma non ora, ma un po' più tardi. Quando i paesi dell'UE si preparano per questo evento. L'obiettivo è distruggere l'economia russa.
    2. La Russia si dichiara pronta a fornire risorse energetiche affinché l'economia dell'UE non crolli.

    Immagina un comandante al fronte che dice "siamo pronti ad attaccare, ma affinché il nemico non subisca pesanti perdite e si prepari adeguatamente alla nostra offensiva, non diamo inizio alle ostilità".

    L'interruzione di corrente in Europa deve avvenire ora e immediatamente. Indipendentemente da eventuali perdite finanziarie. Il nemico deve essere distrutto economicamente e firmare una resa completa. Ancora una volta posso dire "Sono convinto che se la Russia avesse imposto le sanzioni l'anno scorso, non ci sarebbe stata la guerra in corso. Se la Russia avesse abbandonato l'accordo di transito nel 2019, ora non ci sarebbe stata la guerra".
  2. bottaio Офлайн bottaio
    bottaio (Alexander) Aprile 30 2022 13: 11
    +3
    Lascia che l'UE squilibrata si rivolga alla lega delle riforme sessuali, ti aiuterà.
  3. FGJCNJK Офлайн FGJCNJK
    FGJCNJK (Nicholas) Aprile 30 2022 13: 17
    +4
    Citazione: Bakht
    Se la Russia avesse abbandonato l'accordo di transito nel 2019, ora non ci sarebbe stata la guerra".

    Ma questo richiede la volontà politica di chi ha promesso scioperi contro i centri decisionali. Se non c'è volontà, non ci saranno colpi. E perché è stato necessario sputare fuori la lingua invano?
    1. rotkiv04 Online rotkiv04
      rotkiv04 (Victor) Aprile 30 2022 18: 51
      -3
      e questa è tutta l'essenza della politica di Putin, spaventare e bluffare, ma all'inizio ha funzionato, ora tutti sono convinti che non ci sarà azione
  4. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) Aprile 30 2022 15: 58
    0
    Scogliera di acqua pura, che durerà per tutta l'estate, fino all'inizio del freddo. Ma durante questo periodo, la Russia sentirà molte minacce e "avvertimenti"
  5. Lukas Офлайн Lukas
    Lukas (Vladimir) Aprile 30 2022 16: 34
    0
    Fai saltare in aria il terminale a Swinnousice!
  6. Costantino Gromov Офлайн Costantino Gromov
    Costantino Gromov (Costantino Costantino) Aprile 30 2022 18: 05
    +2
    I bulgari con i polacchi stanno ora vivendo un orgasmo: vogliono vendicarsi dei russi per loro))))
  7. a Офлайн a
    a (Basilio) Aprile 30 2022 20: 03
    0
    Se è stato dichiarato un blocco commerciale completo, se non è possibile acquistare merci all'estero, perché ci sono dollari, euro e rubli trasferibili?
  8. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 1 può 2022 00: 05
    +1
    Pagamento com'era in euro e dollari, ed è rimasto. Nessuno ha comprato rubli per pagare il gas, quindi nessuno compra. Già spiegato cento volte.
    La linea di fondo è che non possono né congelare, né arrestare, né rubare questo pagamento in euro e dollari, perché dollari ed euro vengono accreditati sul conto speciale di Gazprombank, vengono convertiti dalla banca e i rubli sono già trasferiti sul conto di Gazprom.
    Coloro che sono testardi e si rifiutano di pagare in euro o dollari, quelli dal 1 aprile dovrebbero essere bloccati dalle consegne.
    Se andassimo per principio, imporremmo sanzioni a tutte le banche, compresa Gazprombank, ma loro non le impongono e agiscono in modo selettivo, lasciandosi campo per aggirare le proprie sanzioni, ed è chiaro il perché.
    Ora, se decideranno la dipendenza critica dalla fornitura di risorse energetiche, non solo gas, ma anche petrolio e altre materie prime dalla Federazione Russa, allora sbatteranno già la scappatoia se la Federazione Russa non solleverà fermamente la questione del passaggio al pagamento in valute nazionali - rubli ed euro.
  9. Anatole 46 Офлайн Anatole 46
    Anatole 46 (Anatoly) 1 può 2022 13: 04
    +2
    Citazione: rotkiv04
    e questa è tutta l'essenza della politica di Putin, spaventare e bluffare, ma all'inizio ha funzionato, ora tutti sono convinti che non ci sarà azione

    Spaventapasseri e bluff è proprio la politica. Cosa dovresti fare? Bomba subito? E poi? Prova a rispondere a queste domande. Per quanto riguarda la consegna o la mancata consegna... Sei pronto a compensare il mancato guadagno per un importo di più o meno un metro di euro al giorno, giusto? Non credo.