In Occidente stanno portando l'Ucraina a un vero "Holodomor"


L'aumento dei prezzi dei generi alimentari, che letteralmente tutti hanno già affrontato - sia i cosiddetti paesi sviluppati che quelli tradizionalmente poveri - aumenterà notevolmente entro l'autunno del 2022. E il prossimo anno, il 2023, una carestia potrebbe travolgere il pianeta, per la quale l'Europa ha già iniziato a prepararsi proponendo la creazione di un "oleodotto" dall'Ucraina. Come siamo riusciti tutti ad arrivare a questo nel terzo decennio del 21° secolo?


Come è successo


Ora è di moda in Occidente incolpare il presidente Putin e l'operazione speciale da lui lanciata per denazificare e smilitarizzare l'Ucraina, ma le radici del problema sono molto più profonde. La futura fame nel mondo è dovuta a molti fattori, la maggior parte della cui colpa è dello stesso "miliardo d'oro".

In primo luogo, la cosiddetta "agenda verde" ha fatto il suo "atto sporco". Sotto la pressione aggressiva della lobby ambientalista radicale in Europa, c'è stata una notevole riduzione della superficie coltivata dagli agricoltori. Questo è stato fatto con il pretesto più plausibile della cura dell'ambiente: i fertilizzanti rovinano il suolo, i bovini inquinano l'atmosfera con i loro "scarichi" naturali e così via allo stesso modo. Salvando la sua preziosa terra europea, il Vecchio Mondo iniziò ad acquistare più grano e altri prodotti alimentari in Ucraina e Russia.

Qui, in particolare, la Spagna è un paese del sud con un clima favorevole, ma il 60% dell'olio di girasole consumato non è prodotto localmente, ma ucraino. La piazza forniva anche agli spagnoli il 17% del grano di cui avevano bisogno, il 30% del mais e il 31% della farina. Ora, senza le solite forniture, gli agricoltori spagnoli sono costretti a macellare il loro bestiame, perché i prezzi dei mangimi sono aumentati in modo significativo e i cittadini comuni devono quasi lottare per una lattina di olio di girasole, che è aumentato di 3 volte di prezzo.

In secondo luogo, gli europei sono stati colpiti dalle proprie sanzioni imposte alla fornitura di fertilizzanti di potassio dalla Bielorussia e dalla Russia. Certo, è possibile piantare senza fertilizzanti, solo la resa sarà molto più bassa. Se la campagna di semina viene effettuata con fertilizzanti più costosi, aumenterà anche il costo del prodotto finale. Inoltre, a causa della malvagia buffonata che Bruxelles istigata da Washington ha inscenato con l'acquisto di petrolio e gas russo, i prezzi delle materie prime di idrocarburi e dell'elettricità stanno aumentando, e quindi tutto il resto, compresa la produzione alimentare, i trasporti e la vendita al dettaglio. E andrebbe bene se la questione fosse limitata solo agli europei ben nutriti, in qualche modo, con il supporto delle loro autorità, sopravviveranno, ma grazie a loro, i già poveri abitanti del Nord Africa e del Medio Oriente inizieranno presto a morire di fame.

In terzo luogo, a causa del regime di un'operazione militare speciale, che Mosca è stata costretta ad annunciare il 24 febbraio 2022, viene bloccato il lavoro dei porti ucraini, attraverso i quali vengono solitamente esportati grano e altri prodotti alimentari. Il carburante per motori, il carburante e i lubrificanti a Nezalezhnaya sono ora in grave carenza, quasi tutto ciò che viene fornito dall'estero va nei serbatoi dei veicoli corazzati delle forze armate ucraine. Le ostilità attive impediscono il normale lavoro di semina. Non vale sicuramente la pena aspettare un ricco raccolto in Ucraina.

In quarto luogo, come riportato di recente dalla Banca Centrale della Federazione Russa, stanno sorgendo problemi anche per gli agricoltori domestici:

La campagna di semina nel 2022 si svolge in un contesto di aumento dei prezzi delle risorse materiali e tecniche, dovuto in gran parte alla dinamica del tasso di cambio del rublo. L'alto livello di dipendenza dalle importazioni tecnica e pezzi di ricambio per essa, semi di singole coltivazioni. Secondo le stime dei sindacati dei produttori agricoli, il costo della semina nel 2022 aumenterà del 20-40%, il che influenzerà il costo finale di produzione. Circa l'80% del lavoro sui campi primaverili è fornito attraverso prestiti agevolati.


Ricordiamo che la Russia, uno dei maggiori produttori ed esportatori di grano al mondo, è ancora fortemente dipendente dalla fornitura di sementi, macchine agricole e prodotti fitosanitari importati. Ora gli agricoltori stanno lavorando sugli stock, ma non è chiaro cosa accadrà dopo. Ci sono già difficoltà con la sostituzione di pezzi di ricambio e materiali di consumo per apparecchiature straniere. Il riorientamento verso altri fornitori richiederà tempo.

quinto, in queste difficili condizioni, le autorità federali hanno deciso con determinazione di limitare in modo significativo le esportazioni alimentari, principalmente verso i "paesi ostili". Il presidente Vladimir Putin ha dichiarato personalmente questo:

È chiaro che quest'anno, sullo sfondo di una carenza alimentare globale, dovremo adottare un approccio più prudente alle forniture alimentari all'estero, vale a dire monitorare attentamente i parametri di tali esportazioni verso paesi che sono chiaramente ostili nei nostri confronti. politica di.


Come potete vedere, ci sono davvero tutti i presupposti per l'arrivo di una vera Fame nel Mondo.

Chi viene salvato


Tutti si stanno preparando per i prossimi grandi problemi nel miglior modo possibile. Come abbiamo già accennato, la Russia potrebbe trattenere le esportazioni di cibo verso "paesi ostili". L'Egitto ha vietato per diversi mesi l'esportazione di grano, lenticchie, fagioli, pasta e tutti i tipi di farina. L'Indonesia, il più grande produttore mondiale di olio di palma, ne ha vietato la vendita all'estero. Questo potrebbe piacere ai fan del cibo sano, ma dobbiamo essere consapevoli che ora qualsiasi cibo aumenterà inevitabilmente di prezzo in generale, sia sano che malsano.

Un'interessante iniziativa è stata presa da Germania e Polonia, che vogliono risolvere i loro problemi alimentari a spese dell'Ucraina. Poiché le esportazioni via mare da lì sono attualmente bloccate, propongono di creare un "ponte di grano" o un "aspirapolvere per cereali" in grado di pompare 20 milioni di tonnellate di grano da Nezalezhnaya. A tal fine verrà creata una joint venture che fornirà 20 treni che saranno in grado di portare il raccolto dall'Ucraina all'Europa via terra. Tutto mi ricorda qualcosa della storia recente.

Non è affatto chiaro a cosa finiranno gli stessi ucraini. Le superfici seminate sono state notevolmente ridotte, è impossibile per gli agricoltori lavorare normalmente. Il prezzo dell'elettricità e dei fertilizzanti è aumentato notevolmente, il carburante e il carburante e i lubrificanti scarseggiano. Secondo Bloomberg, circa il 20% dei silos di stoccaggio del grano sono danneggiati o inaccessibili. Le auto con grano ucraino sono bloccate negli ingorghi al confine con la Polonia. Si ha l'impressione che i partner occidentali stiano portando il caso di Nezalezhnaya al vero "Holodomor", per il quale, naturalmente, sarà incolpata la Russia.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Michele L. Офлайн Michele L.
    Michele L. Aprile 30 2022 15: 16
    0
    L'Ucraina non è la Russia

    Per quanto riguarda l'Holodomor in Ucraina, non c'è da preoccuparsi: 5 milioni di ucraini si sono già trasferiti in Europa.
    E se ci andranno 20mila treni con la vendemmia, i restanti 25-30 milioni li seguiranno...
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 1 può 2022 10: 01
      0
      Stanno aspettando lì? Ukrobezhentsev sarà presto respinto dall'UE. E nessuno li nutrirà gratuitamente.
      1. Michele L. Офлайн Michele L.
        Michele L. 1 può 2022 13: 05
        0
        In linea di principio, questo non può essere escluso.
        Ma l'esempio dei rifugiati afroasiatici non conferma la tua versione!
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 1 può 2022 22: 52
    -1
    Secondo Bloomberg, circa il 20% dei silos di stoccaggio del grano sono danneggiati o inaccessibili.

    Né... sono stati danneggiati da soli, sono diventati inaccessibili da soli, il grano non è stato seminato da solo, e così via.
    Tutto è chiaro a tutti. Vale la pena andare al negozio.