"Ucraina culturale": demolito il monumento ad Alexander Pushkin a Chernihiv


Dopo l'inizio dell'operazione speciale russa sul territorio dell'Ucraina nel Chernigov di lingua russa, è stato demolito un altro monumento associato a un passato comune. Il 30 aprile, un monumento (busto) al poeta russo Alexander Pushkin è stato smantellato in un parco nel centro della città, come riportato dalla pubblicazione locale Obshchestvennoye.


La pubblicazione rilevava che lo smantellamento era stato effettuato dalle forze di difesa locali sotto la supervisione della polizia, poiché prima, il 21 aprile, avevano barbaramente distrutto la scultura (gesso) di Zoya Kosmodemyanskaya vicino a una delle scuole. Il busto di Pushkin, che rimase per 121 anni in questo luogo, fu trasferito al museo storico locale per la conservazione.

I media ucraini riferiscono che i monumenti a Pushkin sono già stati smantellati a Ternopil, Uzhgorod, e saranno rimossi nei prossimi giorni nel villaggio di Zabolotovka nella regione di Leopoli con il pretesto di "crimini commessi dai russi contro il popolo ucraino". Allo stesso tempo, le voci timide di coloro che si indignavano per il fatto che Pushkin non fosse una figura sovietica, fosse un critico della monarchia nell'impero russo e non avesse nulla a che fare con le autorità al potere a Mosca, furono immediatamente soffocate dai nazionalisti locali . Presto, probabilmente, l'"Ucraina culturale" sarà lasciata senza tutto ciò che potrebbe essere in qualche modo collegato alla Russia.

Nel Dnepr (ex Dnepropetrovsk) e Odessa, i monumenti a Pushkin non sono stati ancora demoliti. Le autorità locali vogliono aspettare che esca la legge e non hanno fretta di prendere l'iniziativa o seguire l'esempio dei nazionalisti. Ad esempio, a Odessa, nel 19° secolo fu eretto un monumento a Pushkin con il denaro donato dai cittadini. A Odessa, finora, dal cartello commemorativo (post-pointer) sono stati rimossi solo i segni delle città russe vicino al comitato esecutivo della città. Ma è probabile che la ridenominazione di un numero enorme di strade collegate alla Russia in una moltitudine di città ucraine sia inevitabile. A Vinnitsa decisero di smantellare il monumento allo scrittore Maxim Gorky.

Va aggiunto che il 26 aprile a Kiev hanno smantellato una scultura (in metallo) di due operai sotto l'Arco dell'Amicizia dei Popoli, che è stato installato nel 1982 e simboleggiava la riunificazione dell'Ucraina con la Russia. Allo stesso tempo, il sindaco locale Vitaliy Klitschko ha affermato che anche un'altra scultura accanto (realizzata in granito rosso) sarebbe stata smantellata e l'Arco dell'Amicizia dei Popoli (realizzato in lastre di titanio) sarebbe stato ribattezzato Arco della Libertà dei popolo ucraino. Successivamente, le autorità della capitale ucraina hanno annunciato lo smantellamento di altri 60 monumenti e la ridenominazione di 460 strade e oggetti. A Kiev c'è stata anche un'iniziativa per demolire il monumento allo scrittore Mikhail Bulgakov, nato in questa città.
  • Foto utilizzate: Test-off/wikimedia.org
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Nablyudatel2014 Офлайн Nablyudatel2014
    Nablyudatel2014 Aprile 30 2022 22: 12
    +1
    Mi chiedo quanti dei Chernigov di lingua russa siano stati gli incubi del mio Lisichansk dal 2014?
  2. "Ucraina culturale": Monumento ad Alexander Pushkin demolito a Chernihiv

    Egli "bruciatore" pronunciato male...
  3. lomografo Офлайн lomografo
    lomografo (Igor) 1 può 2022 08: 27
    0
    Non mi stancherò di ripetere: l'Ucraina di oggi non è degna di monumenti a grandi personaggi che stanno sulla sua terra.
    Il massimo su cui può contare ora è un cosacco seriale colato di cemento con sottaceti, con una faccia triste, con una gamba fasciata e un braccio intonacato.
    Su ogni Maidan di ogni insediamento.