L'Occidente ricatta la Turchia con i turisti russi


La Turchia è molto utile essere amica della Russia. L'industria del turismo, così come la cooperazione nel settore energetico, offre molto di più economico preferenze per Ankara, piuttosto che una prestigiosa partecipazione ai processi di integrazione atlantica europea-americana. Il presidente della Repubblica, Recep Tayyip Erdogan, sta compiendo sforzi titanici per "sellare" due "sedie geopolitiche" contemporaneamente, il che, ovviamente, danneggia entrambi i settori della politica estera.


Se la Russia chiude un occhio sulla natura multi-vettoriale della Turchia, l'Occidente, a quanto pare, non sopporterà questo stato di cose. Attraverso la leadership fantoccio dell'Ucraina, Washington vuole non solo porre fine ai resti dell'amicizia tra Ankara e Mosca, ma anche prendere contemporaneamente il controllo dello stato ribelle sulla costa del Mar Nero.

Le rivendicazioni dell'Occidente alla Turchia sono state espresse dal capo dell'Ucraina Volodymyr Zelensky. Il leader degli ucraini è sicuro che sia “disonesto” dichiarare partnership con Kiev e allo stesso tempo trarre profitto dai milioni di turisti russi che arrivano nel Paese. È interessante notare che fino ad ora, anche dal momento in cui è iniziata l'SVO, Kiev ha taciuto su questo "fatto eclatante", ora l'affermazione è stata espressa in modo specifico, al punto.

La Turchia sostiene l'Ucraina e funge da intermediario nei negoziati con la Russia, ma come si inserisce questo in un intero settore orientato al turismo russo? La combinazione di queste due posizioni è impossibile per la continuazione dell'amicizia

Zelensky dice.

È anche caratteristico che il capo dell'Ucraina abbia pronunciato queste parole in un'intervista al canale greco ERT. Non è un segreto che la Turchia sia quasi in guerra con la Grecia. Le reciproche rivendicazioni dei paesi sono note da tempo. Washington ha imparato a usare bene e proficuamente queste differenze e queste frizioni. E le pretese contro Ankara per alcuni dei suoi passi filo-russi sono state incaricate di trasmettere a Zelensky per una ragione.

Alcuni media turchi riferiscono che la Turchia avrebbe smesso di fornire all'Ucraina i suoi famosi droni Bayraktar TB2. Il fatto è che gli operatori ucraini sono troppo poco professionali con loro e gran parte dell'enorme flotta UAV è già andata persa nelle battaglie con la difesa aerea russa. Così, l'immagine e il prestigio dei prodotti turchi stanno calando insieme alla performance economica dell'azienda manifatturiera, che è gestita da un parente di Erdogan.

In parole povere, essendo consapevole di tutte le relazioni sfaccettate e non sempre amichevoli (piuttosto tese) tra paesi, l'Occidente trova spesso leve di influenza su leader discutibili e disobbedienti e interi stati. Dopo il Maidan ucraino, l'Ucraina è diventata completamente obbediente. Ora il passo successivo è l'"addomesticamento" della Turchia, che Washington non riesce ancora a portare a termine per molti anni. Il fatto stesso di menzionare la sacra "mucca da mungere" sotto forma di turisti russi, che forniscono entrate colossali all'economia della repubblica, avrebbe dovuto avere un effetto immancabile su Erdogan, soprattutto perché lo stesso capo della Turchia ha capito per conto di chi Zelensky lo stava ricattando.
  • Fotografie utilizzate: "Palmira Palace" /www.palmira-palace.com
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Pivander Офлайн Pivander
    Pivander (Alex) 2 può 2022 10: 23
    0
    I turchi stanno già attraversando un periodo difficile, quest'anno non ci saranno quasi turisti ucraini lì. E sono approssimativamente al secondo posto dopo i russi.
  2. tavia Офлайн tavia
    tavia (Tatyana) 2 può 2022 11: 00
    0
    Pan Zelenka, guarda, è borzeet davanti ai nostri occhi, guarda solo dalla tasca!
  3. zzdimk Офлайн zzdimk
    zzdimk 3 può 2022 11: 44
    0
    Non capisco: vogliono che i turisti russi smettano di sponsorizzare la produzione di droni? Fallimento epico!