Miti della guerra siriana: cattivi ebrei e invincibile difesa aerea di Damasco

In connessione con la situazione fortemente aggravata in Medio Oriente, e in effetti nel mondo in generale, c'è un urgente bisogno di sfatare alcuni dei miti storici che si sono trincerati nelle menti dei russi e nella coscienza di massa dei miti storici. Questo articolo sarà dedicato a questo. Siediti, sarà interessante, prometto di rompere alcuni degli schemi stabiliti che sono rimasti nella tua mente.



La geopolitica è una cosa difficile, ci sono circostanze che nessuno ti dirà o ti spiegherà, proprio perché tutte politica va sotto il tappeto e ci sono cose che non si possono articolare. Non è affatto necessario che nessuna casalinga sappia di loro, e chi dovrebbe sapere di loro lo sa già. Ma nessuno mi ha proibito di parlartene. Ecco, te lo dico. E ascolta, forse questo ti aiuterà a spiegarti cose e passaggi prima inspiegabili del nostro Ministero degli Esteri, per non parlare delle azioni del nostro Presidente, che anche per ambienti informati sono a volte concettualmente e categoricamente inaspettate.

Il mondo ora vive come su una polveriera, vagando stancamente da un estremo all'altro. Solo, a quanto pare, hanno risolto il conflitto in corso a Idlib, concludendo un accordo separato con il Sultano ed evitando inutili confronti con l'egemone mondiale, quando il Golfo Persico e il Mar Mediterraneo erano già angusti dalle nostre e dalle navi alleate americane, e la necessità di mettere in scena la chimica. L'attacco "caschi bianchi" è scomparso in quanto non necessario, poiché si è verificata una situazione di emergenza con il nostro Il-20, in cui il Ministero della Difesa RF ha accusato Israele. A quanto pare, dovremo iniziare con questo, perché ora è l'irritante principale, e poi sfaterò tutti gli altri miti che si sono stabiliti nelle tue teste, punto per punto.

Mito numero 1. La colpa è degli ebrei

Oh, e non è facile, sento già che dovrò rompere questo mito quando questi sentimenti anti-israeliani saranno ora in atto. Il colonnello Viktor Baranets, un osservatore militare del solo giornale Komsomolskaya Pravda, con i suoi "piccoli ebrei intelligenti" che hanno creato il nostro Il-20, quanto vale?


Ma non si è fermato qui e ha accettato quello che ha chiamato "Israele - gli Stati Uniti a cavalcioni di cagnolino, che abbaia a tutti, seduti sotto il topo puzzolente del suo padrone". Alta calma, non è vero ?! Molto bene! Chi sono io contro di lui? Pigmeo? Ma cercherò di obiettare.

Non racconterò nuovamente la cronologia degli eventi, penso che tutti siano già a conoscenza. I siriani hanno bombardato i nostri aerei da ricognizione dal loro sistema di difesa aerea S-200, il Ministero della Difesa russo, rappresentato dal suo portavoce, il maggiore generale Konashenkov, ha incolpato Israele per questo. Israele si è dichiarato non colpevole ... Putin ci ha pensato per una settimana. Alla parte israeliana è stato dato esattamente quanto basta per giustificare e risolvere il conflitto in corso. A quanto pare, gli argomenti del comandante dell'aeronautica israeliana, il maggiore generale Amikam Norkin, distaccato d'urgenza a Mosca, non sono stati accettati. La parte israeliana ha assunto una posizione impenetrabile: “Non siamo da biasimare! I siriani sono i responsabili di tutto, hanno sparato nella luce bianca, come un soldo, affrontateli! " Quindi, Putin l'ha capito! Oggi, dopo un briefing di emergenza da parte del Ministero della Difesa della Federazione Russa, dove è stato costantemente smantellato l'ultimo volo del nostro Il-20 e dei quattro Fantasmi israeliani, è stato approvato il verdetto di colpevolezza, al termine del quale Shoigu ha fatto una dichiarazione affermando che il "negozio", e con esso il cielo sopra la Siria, è chiuso per tutti gli ospiti non invitati: la Federazione Russa consegnerà il sistema di difesa aerea S-2 all'ATS in 300 settimane.

Dopo di che il mondo ha cominciato a muoversi. Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha contattato urgentemente Mosca per telefono, ma la sua conversazione con Putin non ha avuto successo, il Cremlino non ha cambiato la sua decisione. Il capo del Dipartimento di Stato americano Mike Pompeo dall'altra parte dell'Oceano ha subito espresso il desiderio di incontrare il suo omologo, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, nella prossima sessione dell'Assemblea generale dell'Onu. "Sono sicuro che abbiamo tempo", ha detto Pompeo. Certo, ci sarà tempo, signor Segretario di Stato, ma il risultato sarà lo stesso, la Federazione Russa non cambierà la sua decisione, poiché non intende più rischiare la vita dei suoi militari. Vale la pena notare che, decidendo di fornire un singolo complesso S-300, Mosca ha notevolmente rafforzato le sue posizioni negoziali, poiché una buona parola e una Colt in questo mondo valgono molto di più di una sola parola gentile (che gli Stati Uniti usano costantemente). Cosa succederà quando ci saranno diverse batterie S-300 in Siria, non lo so. Ma John Bolton, il consigliere del presidente degli Stati Uniti per la sicurezza nazionale, lo sa. In un'intervista a Reuters, ha affermato che i piani della Russia di fornire il complesso S-300 alla Siria significherebbero una "significativa escalation" della situazione da parte di Mosca. E la sera, concedendo un'intervista all'Associated Press, ha definito l'intenzione di Mosca di fornire i complessi S-300 in generale "il principale errore del Cremlino", ma ha espresso la speranza che la Russia riconsideri la sua decisione su questo tema. Non speri nemmeno, signor consigliere, la Russia impiega molto tempo per imbrigliare, ma viaggia veloce, anche se siamo d'accordo a discutere di questo argomento.

Putin ha confermato ancora una volta le peggiori paure dei suoi nemici. Affermando la nostra risposta che "questi saranno passaggi che tutti noteranno ...", non ha ingannato. Notato davvero da tutti! Il colonnello Barantz ha un motivo per ribaltare 100 o anche più grammi in questa occasione. E che vacanza inizierà ora per le strade degli antisemiti di tutto il mondo, non riesco nemmeno a immaginare. Daremo per scontato che non ho nulla da obiettare al Ministero della Difesa RF e ai suoi dati di controllo oggettivo, non ho motivo di non fidarmi di lui e l'IDF non ha detto nulla di intelligibile in sua difesa. Pertanto, non ho affrontato il compito di sbiancare gli ebrei in questa parte del mio discorso, cercherò di farlo nelle parti successive.

Mito numero 2. Sulle invincibili difese aeree siriane e sulla loro minaccia all'F-16 israeliano

Analizziamo ora tecnico parte del caso. Perché è successo questo? Il sistema di difesa aerea siriano, equipaggiato con i vecchi sistemi sovietici S-125, S-200, Buk-M1, Strela-10, Kvadrat, Osa, è un oggetto piuttosto che un carattere di zona, ed è oggettivamente incapace di chiudere tutto il cielo sopra la Siria. Pertanto, copre solo oggetti strategicamente importanti ed è impossibile pretendere l'impossibile da esso. Gli israeliani lo hanno capito da tempo, quindi si sentivano assolutamente calmi nei cieli della Siria, il loro compito principale era quello di avvertire i russi di non usare i loro sistemi di difesa aerea che coprivano le strutture militari nella SAR - il campo d'aviazione Khmeimim e il punto di appoggio navale a Tartus, e loro stessi sapevano come aggirare i vecchi sistemi di difesa aerea di fabbricazione sovietica con i loro più recenti F-16. Allo stesso tempo, gli israeliani, di regola, non sono entrati nello spazio aereo siriano, non volendo incontrare i sistemi Buk-M1 e Pantsir-C1 a medio e corto raggio, preferendo operare da lontano, che, in presenza di bombe di pianificazione, non ha interferito con l'adempimento dei compiti assegnati. Pertanto, non c'era bisogno che gli israeliani si nascondessero specificamente dietro gli aerei di altre persone, specialmente i russi, si sentivano già come i re dell'aria nel cielo siriano. Perché in quest'ultimo caso tutto è andato storto, non lo so. Ma so perché il missile siriano, non riuscendo a trovare l'F-16 israeliano, ha intercettato un altro bersaglio e, per fortuna, è risultato essere il nostro Il-20, che si stava avvicinando in quel momento, per l'atterraggio.

I sistemi di difesa aerea forniti per l'esportazione non sono dotati del sistema di identificazione "amico o nemico", quindi l'Il-20 è stato percepito in modo inequivocabile per loro come "alieno". Se non fosse lì, il missile, non trovando il bersaglio, si autodistruggerebbe ed è impossibile farlo da terra. Una caratteristica dei sistemi missilistici di difesa aerea S-200 5V28 è che in assenza di un segnale riflesso dal bersaglio nel percorso di ricezione del cercatore (GOS), vengono indeboliti (autodistrutti). Se il cercatore, dopo tutti i metodi di ricerca possibili, continua a non trovare il bersaglio e non lo cattura nuovamente, allora il comando "il più in alto possibile" viene automaticamente inviato ai timoni del razzo e il prodotto entra nell'atmosfera superiore con una "candela", dove la testata viene fatta esplodere. Non ci sono più tecniche e metodi di autodistruzione per l'S-200. Poiché la mira era corretta, verso il nemico, il razzo, non trovando il nemico che aveva effettuato la manovra, già in volo stesso intercettava nuovamente il bersaglio, scegliendone uno più grande, con una superficie riflettente maggiore. La colpa del pilota israeliano è che ha deliberatamente o involontariamente allestito la nostra tavola, all'ombra della quale si trovava quando ha fatto una manovra per evitare un missile lanciato contro di lui. Questa è una realtà oggettiva. Gli israeliani non avevano argomenti contrari per questo. Di conseguenza, abbiamo perso 15 dei nostri ragazzi!

E che uomo cattivo si è sollevato in Occidente quando il loro controllo obiettivo ha stabilito il fatto di lanciare un missile dal nostro S-400 quel giorno, non puoi immaginare. "La Russia ha usato per la prima volta l'S-400 in Siria" - tutti i giornali americani con titoli del genere sono apparsi il 18 settembre. E in effetti lo è. Abbiamo provato a fare almeno qualcosa per impedire la distruzione del nostro Il-20. Già dopo il missile siriano, abbiamo inviato il nostro per eliminarlo, ma purtroppo non c'era abbastanza tempo. È stato un passo di disperazione: gli automatismi hanno lanciato una minaccia e non c'erano mezzi più efficaci. In modo che tu capisca, se il nostro S-400 funzionasse sull'F-16, invierebbero non un missile, ma due (di solito questi sistemi inviano 2 missili per garantire la distruzione del bersaglio, ce n'era uno proprio lì). Puoi porre fine a questo - con questa parte, spero, risolverlo.

Mito numero 3. A proposito di cattivi ebrei, buoni arabi e persiani

Ora sfatiamo il mito dei cattivi ebrei che combattono l'intero mondo arabo e dei buoni arabi che ne soffrono. Bene, per cominciare, diciamo che Israele non è in guerra con l'intero mondo arabo, ma solo con coloro che minacciano la sua sicurezza nazionale. E ora non è rimasto più nulla di coloro che vogliono occuparsene: l'Iran, che, in generale, non percepisce lo stato di Israele come tale, e lo ha dichiarato nemico numero 1, e un paio di organizzazioni terroristiche che lo combattono con atti terroristici. E se Israele ha ancora a che fare con i terroristi per lo meno, l'Iran è una vera minaccia esistenziale per esso. Ecco perché si è irrigidito quando le unità SIR (Guardia rivoluzionaria islamica), insieme all'Hezbollah filo-iraniano, sono entrate nel territorio della Siria, con cui condivide un confine. Poiché ormai nulla lo separava da questa minaccia, e dal territorio della RAS, Hezbollah ha subito iniziato il trasferimento di armi per i suoi colleghi in Libano, ed è stato su questi oggetti (magazzini e laboratori di produzione) che ha effettuato bombardamenti mirati (e anche per l'ultima volta).

E per coloro che, a volte, amano ricordare, e cosa, in generale, questi ebrei hanno il diritto di interferire negli affari di uno stato sovrano, e se sono diventati insolenti, rispondo - tra la RAS e lo Stato di Israele, un trattato di pace non è ancora stato concluso, sono in guerra dal 1967, quando Israele conquistò le alture del Golan dalla RAS a seguito della Guerra dei Sei Giorni. La guerra continua. È strano chiedere al tuo nemico, con cui sei in guerra, il permesso di bombardare il suo territorio.

Per Israele, la possibilità di attacchi aerei sul territorio siriano è una questione di principio, in una certa misura anche una questione di sopravvivenza. Dal momento che Mosca e Damasco non possono o non vogliono cacciare il Sir e Hezbollah dalla Siria, Tel Aviv non può che rispondere alle loro azioni vicino al confine israeliano. Israele procede dalle minacce alla propria sicurezza. Può essere compreso. Comprendi e perdona! Il Cremlino avrebbe fatto lo stesso (e lo farà se i missili da crociera sono in Polonia o in Romania - i missili Iskander a Kaliningrad stanno già aspettando dietro le quinte!) E Washington (se i nostri missili fossero improvvisamente apparsi in Messico o Cuba). Pertanto, tutto è chiaro con la posizione di Israele su questo tema. Pertanto, farà di tutto per impedire all'Iran di prendere piede in Siria. E noi possiamo aiutarlo in questo, e perché no? (anche questo è nel nostro interesse, ma ne parleremo più avanti nel mito 4).

Mito numero 4. Dei nostri interessi in Medio Oriente

Risolvi subito la domanda di riempimento: chi sono i nostri alleati in Medio Oriente? Iran? Tacchino? Forse almeno la Siria, per la quale stiamo combattendo adesso? No! Non indovinare! Tutto oltre il botteghino! Stiamo combattendo per noi stessi, per i nostri interessi. Sia l'Iran che la Turchia sono solo ora nostri compagni di viaggio, gli interessi coincidono stupidamente, e anche allora - non in tutto. Assad è anche un alleato forzato, semplicemente non ha altra scelta, sebbene sia un uomo perbene, senza dubbio, a differenza del Sultano, dal quale ci si può aspettare un coltello alla schiena da un momento all'altro. Ma anche lui almeno ci ha chiesto scusa per l'Il-20 abbattuto? Hai sentito le scuse? Non parlo di cordoglio, ma di scuse, che non sono la stessa cosa. Ma sono stati i suoi missilieri a distinguersi. La risposta è semplice: non è responsabile delle operazioni militari sul suo territorio, in particolare delle operazioni di difesa aerea. Questo è il nostro comune! Siamo responsabili per lui, anche se le frecce vengono trasferite in Israele. Ma tutte le persone che sono minimamente consapevoli di questo problema capiscono che gli ebrei non hanno nulla a che fare con esso. Dove hanno guardato i nostri curatori sul campo? Da loro ed è necessario chiedere. E stanno già chiedendo! Credimi, tutti i responsabili della tragedia risponderanno con le spalline. Ma non puoi riportare indietro i ragazzi.

Ma sto divagando dall'argomento dei nostri interessi in BV. Ricordiamo quale era la disposizione prima dell'ingresso della Federazione Russa nella campagna siriana. Permettetemi di ricordarvi per coloro che hanno dimenticato: a quel tempo, a partire da settembre 2015, la coalizione anti-ISIS di 40 paesi guidata dagli Stati Uniti stava combattendo senza successo l'ISIS lì (un'organizzazione terroristica bandita nella Federazione Russa), ma in realtà, con il pretesto di combattere l'ISIS, ha combattuto con successo con il regime di Assad. Un tale successo che mancavano solo pochi mesi alla sua morte e tutte le parti coinvolte, dai turchi e sauditi agli americani e ai curdi, erano già carnivori schioccando i denti in previsione di una rapida preda.

L'ingresso della Russia in campagna dalla parte di Assad ha cambiato radicalmente la situazione sul tabellone: ​​una fulminea operazione è stata sufficiente a Putin per demolire il tavolo degli scacchi lì apparecchiato, disperdendo tutti i giocatori e dichiarando che la Russia sta riguadagnando le sue zone di influenza perdute. Allo stesso tempo, era ovvio che la Federazione Russa non si sarebbe fermata a questo, ma avrebbe continuato ad espandersi in zone che prima non lo erano. Cosa sta succedendo adesso. L'equilibrio del potere in Medio Oriente sta cambiando e l'influenza americana viene sostituita da quella russa lentamente ma inesorabilmente.

Ma come si può rendere questo fattore a lungo termine? E qui Putin e Lavrov prendono una decisione un po 'inaspettata, ma estremamente importante e saggia. Il che non è così ovvio da vedere dalla trincea del colonnello (parlo del nostro colonnello Baranets dalla prima parte), ma che dire del colonnello, qui e non tutti i generali capiranno l'obiettivo a lungo termine del Cremlino (tace sulle casalinghe, in generale!) ... Anche se l'obiettivo è chiaro: predominio in BV, ma come raggiungerlo? E si può ottenere solo giocando sulle contraddizioni delle parti, pur mantenendo la neutralità. Ciò che Putin sta ora dimostrando brillantemente.

Dimmi, compagno. Colonnello, a che serve la Russia che l'Iran avrà S-300? (Non glielo abbiamo mai consegnato in tempo utile, abbiamo persino pagato una penale!). E no! Ma con la possibilità del loro parto, puoi tirare a lungo i baffi di Israele e mettere fuori combattimento il comportamento di cui hai bisogno. Ma compagno il colonnello sta chiedendo duramente: consegnare in Iran e Siria S-300, tua madre! Ok, mettiamolo, e poi cosa? La fine del predominio della Federazione Russa in BV? Una parte può superare l'altra, e allora? Perchè ne abbiamo bisogno? La posizione della Federazione Russa è forte solo a metà! In mezzo tra due parti in guerra. Come arbitro, la cui opinione è apprezzata da tutti. Non ci interessa la vittoria di una delle parti. A differenza degli Stati Uniti. Pertanto, la Federazione Russa guarda in silenzio agli attacchi missilistici di Israele sulla SAR. Ciascuno di questi attacchi è sanzionato dal Cremlino. Non un solo razzo decolla senza un rapporto allo Stato maggiore della Federazione Russa. Perché dobbiamo rafforzare l'Iran nella BV? No, migliore equilibrio di potere.

Ma con la consegna dell'S-300 alla Siria, gli equilibri di potere stanno cambiando. Putin ha alzato bruscamente la posta in gioco per Tel Aviv. La sicurezza e l'esistenza di Israele in futuro d'ora in poi dipenderanno completamente dalla Russia, non dagli Stati Uniti. Ciò, visto il trend di divergenza di interessi degli ex partner in vista della diversa definizione degli obiettivi, emerso negli ultimi anni, soprattutto durante il mandato di Obama, spinge Tel Aviv a precipitarsi sulla nostra riva, pur rimanendo un ponte che ci collega con il suo ex molo. Attraverso Tel Aviv, puoi comunicare con Trump senza destare sospetti da parte del Congresso (ma ne parleremo nella parte successiva). E alla fine di questo articolo, dirò solo che se il Sultano è stato perdonato per il Su-24 abbattuto da lui, scrivendolo come un eccesso dell'esecutore, allora l'IL-20 abbattuto dagli israeliani sarà sicuramente perdonato a Israele. Questo è il vero politico! Ahimè e ah!
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
11 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. turbris Офлайн turbris
    turbris (Boris) 26 September 2018 18: 59
    +2
    Signor Volkonsky! Capisco il tuo desiderio di rendere Israele una pecora innocente, ma non dovresti farlo in modo così esplicito. Il fatto che Israele abbia spinto fuori, come lei dice, le alture del Golan, ovviamente non è niente in confronto alla minaccia dell'Iran. E cosa ha fatto l'Iran nello specifico, a parte le minacce verbali, contro Israele? Perché l'Iran non può aiutare la Siria? Hai dimenticato che questo è uno stato sovrano? E cosa ha a che fare Israele con il bombardamento di oggetti in Siria? L'Iran è ancora una minaccia virtuale per Israele e loro lo capiscono bene, perché stanno bombardando? Tutto è molto semplice, soddisfano le richieste del loro potente alleato e lavorano con i soldi degli Stati Uniti, che hanno deciso di punire l'Iran. Certo, l'Il-20 è stato abbattuto dalla difesa aerea siriana, ma se non fosse stato per gli attacchi dell'F-16 su Latakia - questo non sarebbe successo, guarda a che distanza si trova Latakia dalla base aerea di Khmeimim - questa è semplicemente maleducazione dell'aeronautica israeliana e dovrebbe essere punita.
    1. master2 Офлайн master2
      master2 (Zhora) 26 September 2018 22: 21
      -4
      se non fosse stato per gli attacchi dell'F-16 a Latakia, questo non sarebbe successo

      Se la Russia non fosse salita lì, questo non sarebbe certamente accaduto. E Israele c'era prima, e questa è la sua guerra - una guerra per la sua sicurezza e il suo territorio, e nessuno ha invitato la Russia, che si nasconde dietro la lotta al terrorismo. Israele è stato dichiarato colpevole di coprire l'insolvenza dei militari russi e se l'aereo fosse stato abbattuto nella giungla, la colpa sarebbe stata dei papuani, ma non dei generali russi.
      1. gorbunov.vladisl Офлайн gorbunov.vladisl
        gorbunov.vladisl (Vlad Dudnik) 27 September 2018 05: 16
        +2
        ... se la Russia non fosse salita lì, sicuramente non sarebbe successo. E Israele era lì ...

        Se non sai perché la Russia "è salita" lì, allora non immischiarti nel tuo ragionamento infantile lol nelle conversazioni in cui non sai nulla.
    2. Volkonsky Офлайн Volkonsky
      Volkonsky (Vladimir) 27 September 2018 12: 46
      +2
      Israele "riconquistò" le alture del Golan durante la Guerra dei Sei Giorni del 1967, quando fu attaccata da cinque paesi contemporaneamente: Egitto, Siria, Giordania, Algeria e Iraq. Di diritto di un vincitore! Inoltre, non lui, ma è stato attaccato. Anche l'URSS, vincitrice di diritto nella seconda guerra mondiale, ha ampliato i propri confini. I giapponesi ancora non possono accettarlo.

      Israele ora preferisce eliminare le minacce senza attendere un attacco. Ciò vale anche per l'Iran nella RAS, sul cui territorio Hezbollah e delegati iraniani hanno avviato la produzione di armi che vengono trasferite in Libano. Sarebbe bello per la Federazione Russa adottare l'esperienza di Israele e mettere a tacere tutti gli schiamazzi dei territori circostanti.
  2. master2 Офлайн master2
    master2 (Zhora) 26 September 2018 22: 11
    +1
    Sono contento che ci siano ancora persone che pensano con la testa e non con la tv, è un peccato che siano poche. Come esempio di commenti da "turbris", una persona ha dei nemici intorno: americani assetati di sangue, inglesi astuti, israeliani corrotti, terribile Bendera, in breve, la Russia innocente e amante della pace sono nemici.
    1. gorbunov.vladisl Офлайн gorbunov.vladisl
      gorbunov.vladisl (Vlad Dudnik) 27 September 2018 05: 22
      -1
      ... una persona ha nemici tutt'intorno ... terribile Bendera, in breve, intorno alla Russia innocente e amante della pace, ci sono solo nemici ...

      Cosa, credi nella "santa" Bandera?
      Cosa sono le ghiande a Nezaležna? Sono preoccupato per te. L'inverno sta arrivando presto.
  3. gorbunov.vladisl Офлайн gorbunov.vladisl
    gorbunov.vladisl (Vlad Dudnik) 27 September 2018 05: 07
    0
    L'articolo è demagogia mista a verità. Si nota anche l'antipatia personale dell'autore per il colonnello Baranets.
    Promettono di "rompere gli schemi", ma invece non tentano nemmeno di analizzare in dettaglio la situazione con l'Il-20. Invece, a breve

    I siriani hanno sopraffatto il nostro aereo da ricognizione dal loro sistema di difesa aerea S-200

    questa è, infatti, parola per parola la posizione di Israele. E non una parola sul perché, in generale, la difesa aerea siriana è stata costretta a lanciare un missile antiaereo.

    .... tutti lo sanno ...

    Sì, tutti sanno già che Israele sta infliggendo attacchi missilistici e con bombe a uno stato vicino. Che sta solo cercando di difendersi, non rispondendo in risposta al territorio dell'aggressore. E dovrebbe esserlo.

    Dimmi, compagno. Colonnello, a che serve la Russia che l'Iran avrà S-300?

    L'autore ha dei dubbi? Ebbene, il dubbio non è un crimine. Ognuno ha il diritto di farlo. Propongo di tornare su questo problema tra un paio di mesi. E analizza l'efficacia degli attacchi aerei israeliani. A meno che, naturalmente, non lo faranno.
    1. Volkonsky Офлайн Volkonsky
      Volkonsky (Vladimir) 27 September 2018 12: 59
      0
      L'autore, infatti, ha scritto di essere completamente d'accordo con la versione del Ministero della Difesa della RF, l'IDF ha ritenuto gli argomenti poco convincenti. Ma ognuno vede quello che vuole. Suggerisco di contattare un oftalmologo, se non aiuta, allora uno psichiatra
  4. Samuil Anakoikher Офлайн Samuil Anakoikher
    Samuil Anakoikher (Yury Dobronoh) 30 September 2018 03: 41
    +1
    Mi sorride sempre quando Baranets è considerato un esperto di questioni di difesa. Il colonnello si diplomò alla scuola politico-militare ai suoi tempi e salì costantemente la scala della carriera da corrispondente della piccola tiratura / giornale / rivista distrettuale divisionale "Kommunist Armed Forces" all'assistente di Glavpur.
    Un laureato in una scuola politica conosce un po 'meno di nicromo le caratteristiche di qualsiasi arma e le caratteristiche del suo utilizzo. E non ne ha bisogno. Ecco perché i blooper più gravi, visibili a tutti coloro che hanno almeno un po 'del tema "hardware", sono visibili in quasi tutti i suoi articoli, quando ha l'imprudenza di approfondire dettagli tecnici.
    La sua nicchia è "bruciare con un verbo". E ciò che ha guidato intorno agli ebrei è molto probabilmente personale. Viene da vicino a Kharkov e ha studiato a Lvov.
    Un altro "iksperd" simile è il suo collega Korotchenko, un maggiore delle comunicazioni che è stato licenziato dall'esercito per incoerenza nel servizio. E quando lui, gonfiando in modo importante le guance, trasmette le sfumature dell'uso o del lavoro di combattimento delle forze missilistiche strategiche o delle stesse forze aerospaziali, beh, puoi anche essere tagliato fuori.
    In generale, non sparare al pianista: suona come meglio può ...
  5. Okinawa Офлайн Okinawa
    Okinawa (Andrew) 13 gennaio 2019 21: 36
    +2
    Dolce...
    Propaganda sionista frenetica. Come di solito.
    Senza entrare nei dettagli, perché non serve:
    1. Prima della prima guerra mondiale, il numero di ebrei in quella che allora era la Palestina (una colonia britannica) tendeva a zero.
    2. Sionismo. Gli ebrei hanno lanciato un'invasione della Palestina. Crescita del numero di ebrei. L'inizio del terrore contro gli arabi.
    3. Una donna inglese fa schifo e accetta la divisione della Palestina in uno stato arabo e uno ebraico. Gli arabi non sono d'accordo perché il numero di ebrei e il loro rapporto con il numero della popolazione araba chiaramente non corrisponde alla dimensione del territorio loro assegnato.
    4. Gli ebrei dichiarano unilateralmente la creazione dello Stato di Israele e iniziano a impadronirsi dei territori arabi della Palestina.
    5. Le alture del Golan sono un territorio conquistato dalla Siria.
    6. Zap. Le rive del fiume Giordano nelle terre della Giordania occupate dagli ebrei.
    7. La Striscia di Gaza è stata sottratta all'Egitto (era sotto il suo controllo, poiché avrebbe dovuto diventare parte dello Stato palestinese).
    Dolci mascalzoni di vaselina ...
  6. Yuri Nikonov Офлайн Yuri Nikonov
    Yuri Nikonov (yuri) 24 gennaio 2019 09: 54
    0
    Citazione: Wolf 1
    Israele "riconquistò" le alture del Golan durante la Guerra dei Sei Giorni del 1967, quando fu attaccata da cinque paesi contemporaneamente: Egitto, Siria, Giordania, Algeria e Iraq. Di diritto di un vincitore! Inoltre, non lui, ma è stato attaccato. Anche l'URSS, vincitrice di diritto nella seconda guerra mondiale, ha ampliato i propri confini. I giapponesi ancora non possono accettarlo.

    Israele ora preferisce eliminare le minacce senza attendere un attacco. Ciò vale anche per l'Iran nella RAS, sul cui territorio Hezbollah e delegati iraniani hanno avviato la produzione di armi che vengono trasferite in Libano. Sarebbe bello per la Federazione Russa adottare l'esperienza di Israele e mettere a tacere tutti gli schiamazzi dei territori circostanti.

    non essere furbo, perché all'inizio di questa storia un po 'prima, i ragazzi israeliani caldi stavano conducendo a questa guerra. quel territorio non era abbastanza per loro, ma pensarono di negoziare ... così è andato via.