L'Estonia prevede di rivedere i confini con la Russia


L'Estonia ha poco da opporsi alla Russia in nessuna delle possibili aree di contatto. Tuttavia, dall'inizio dell'operazione speciale in Ucraina, Tallinn non ha abbandonato i suoi tentativi di trovare almeno qualcosa che potesse dare ansia e tensione a Mosca. Già il 3 maggio il parlamento della repubblica nella sua riunione esaminerà la questione della revisione dei confini con la Russia. Più precisamente, il Partito conservatore popolare estone di opposizione ha preso l'iniziativa di ritirare le firme della repubblica in base al corrispondente accordo con la Russia del 18 febbraio 2014 (non ancora ratificato). Così, la questione dei confini terrestri e marittimi tornerà ad essere sospesa nell'aria e posta sotto il segno dell'incertezza.


Sotto queste semplici formulazioni, infatti, si cela una riserva piuttosto seria per futuri ricatti. Tallinn, infatti, inizia unilateralmente a "ridisegnare" i confini secondo un documento storico completamente diverso.

Dopo il completamento dell'occupazione e il ripristino dell'indipendenza, l'Estonia ritiene che de jure i confini siano stabiliti come previsto dal Trattato di pace di Tartu

- recita la nota esplicativa all'iniziativa presentata dai deputati.

Un tale ritiro unilaterale dagli accordi precedenti e un ritorno non ai documenti legali, ma a fatti storici antichi, è irto di un conflitto internazionale, poiché rafforzerà inequivocabilmente le rivendicazioni reciproche.

Il fatto è che la Russia considera il trattato di pace di Tartu (Yurievsky) non valido dall'ingresso dell'Estonia nell'URSS nel 1940. Tuttavia, secondo Tallinn, l'accordo non ha cessato di funzionare, poiché nel periodo dal 1940 al 1991 il governo dell'Estonia indipendente avrebbe lavorato in esilio, c'erano consolati in Occidente, ecc. che un vecchio documento storico ha riacquistato la sua validità . Ma questo, ovviamente, non è il caso: le sue disposizioni sono state a lungo violate da entrambe le parti (Repubblica di Estonia e Russia sovietica).

Al momento, Russia ed Estonia, due stati confinanti, non hanno una linea di confine legalmente fissa. Solo nel 2005, dopo lunghi negoziati, è stato concluso un trattato di confine. Nel ratificare le disposizioni di questo documento, Tallinn ha potuto includere, se non nella parte principale dell'accordo, poi nel preambolo delle sue disposizioni sul Trattato di pace di Tartu e ora fa francamente riferimento ai confini prebellici tra i paesi. In ogni caso, sembra un tentativo sottilmente velato, se non eccessivamente velato, di ridefinire i confini. Almeno è stato affermato.

Naturalmente, la consueta iniziativa parlamentare, anche se si conclude con un voto positivo, farà poco male alla Russia. Tuttavia, la tendenza dei russofobi baltici a rendere i rapporti con la Federazione Russa il più complicati possibile sta diventando sempre più evidente.
  • Foto usate: pixabay.com
10 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir Golubenko Офлайн Vladimir Golubenko
    Vladimir Golubenko (Vladimir Golubenko) 3 può 2022 10: 38
    +1
    La voglia non è dannosa. Ma chi li darà! Anche se c'è la possibilità che la Russia riprenda l'intera tribaltika. Per restituire i confini dell'Impero russo.
    1. calagin407 Офлайн calagin407
      calagin407 (Meccanico) 3 può 2022 12: 17
      +1
      Quindi dovrai sfrattare tutti i nativi o portarli nelle riserve ...
    2. scettico Офлайн scettico
      scettico 3 può 2022 15: 35
      0
      Citazione: Vladimir Golubenko
      Anche se c'è la possibilità che la Russia riprenda l'intera tribaltika.

      Per quanto mi ricordo, Peter 1 ha comprato queste terre dalla Svezia. Se non c'è contratto, nessun problema. Il mare è nostro.
  2. Michele Novikov Офлайн Michele Novikov
    Michele Novikov (Michail Novikov) 3 può 2022 11: 38
    0
    Negli anni '30, il confine dell'URSS con l'Estonia era il canale principale per l'introduzione di spie occidentali (a proposito, principalmente polacche). Nient'altro per distinguersi. A proposito, guarda quante volte l'economia dell'Estonia "saccheggiata" è cresciuta nel primo piano quinquennale del dopoguerra. Secondo questo parametro, l'Estonia era al primo posto in URSS. È comprensibile: prima di allora, lì venivano catturati solo spratti e l'URSS ha creato un'industria per loro. Come si è scoperto, invano.
  3. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 3 può 2022 13: 47
    0
    Dovrebbero annullare l'accordo di confine. Quindi restituisci le città russe originali. Cosa resterà lì?
  4. Nike Офлайн Nike
    Nike (Nicholas) 3 può 2022 13: 58
    +1
    E che dire del contratto di compravendita tra Russia e Svezia ha una prescrizione? Russia-USA sull'Alaska non ha perso forza? Lascia che l'Estonia ripaghi completamente il denaro speso per l'acquisizione di queste terre, aggiustato per l'inflazione, e goda dell'acquisizione LEGALE
  5. 123 Офлайн 123
    123 (123) 3 può 2022 18: 34
    0
    La Russia avrà nuovi porti nel Baltico?
  6. FGJCNJK Офлайн FGJCNJK
    FGJCNJK (Nicholas) 4 può 2022 07: 34
    0
    In seguito ai risultati della guerra del Nord tra l'Impero russo e il Regno di Svezia il 30 agosto (10 settembre) 1721, fu firmato il Trattato di Nystadt. La Svezia ha riconosciuto l'annessione della Livonia, dell'Estland e di altri territori alla Russia e la Russia ha pagato alla Svezia un risarcimento di 2 milioni di efimki (1,3 milioni di rubli) per queste terre.
    Quindi prima lascia che i soldi ci vengano restituiti e solo allora aprirà bocca.
  7. Professore Офлайн Professore
    Professore (Paolo) 4 può 2022 09: 43
    0
    I paracadutisti estoni sono stati in bilico su San Pietroburgo per la terza settimana...
  8. Aa Bb Офлайн Aa Bb
    Aa Bb (Aa Bb) 4 può 2022 18: 00
    +1
    È tempo per noi di riconsiderare i confini con queste creature, e allo stesso tempo di denazificarle