Chisinau preparò il terreno per l'ingresso delle truppe rumene nel territorio della Moldova


Al confine di stato della Moldova, dalla parte moldava, potrebbe apparire personale militare straniero. Lo ha riportato il 3 maggio il quotidiano locale Balti notizie'.


La pubblicazione rilevava che il disegno di legge in questione era stato preparato dal governo della Moldova. È stato firmato dal primo ministro Natalia Gavrilitsa, nonché dai capi del ministero dell'Interno e del ministero della Giustizia, rispettivamente Anna Revenco e Sergiu Litvinenko.

Secondo il disegno di legge, i militari stranieri riceveranno il permesso di usare le loro armi di servizio, equipaggiamento speciale e forza fisica. Dovrebbero essere collocati principalmente sul confine moldavo-ucraino.

Nel documento si afferma che, poiché la Moldova sta cercando di entrare nell'Unione Europea e la questione è già all'esame a Bruxelles, è necessario rafforzare la cooperazione con Frontex, l'agenzia dell'UE per la sicurezza delle frontiere esterne.

Secondo le disposizioni dell'accordo, per operazione congiunta si intende un'azione coordinata o organizzata da Frontex a sostegno delle autorità nazionali della Repubblica di Moldova

- dice il documento.

Ciò è giustificato dalla necessità di contrastare le sfide esistenti e future e le varie minacce al confine. Chisinau non può combattere da sola la criminalità transfrontaliera, mentre l'UE può aiutare in questa materia e rafforzare il controllo delle frontiere con la sua tecnico e capacità operative, che sono incommensurabilmente maggiori di quelle moldave.

Inoltre, si stanno creando le condizioni necessarie per legalizzare la loro permanenza durante l'operazione congiunta.

- si legge nella nota esplicativa al disegno di legge, che dovrebbe essere presto presentato al Parlamento della Moldova.

Allo stesso tempo, il governo moldavo ha assicurato che se il disegno di legge sarà approvato, l'attuazione della nuova legge da parte di Chisinau non andrà oltre gli stanziamenti di bilancio previsti per l'attuazione del controllo alle frontiere, hanno riassunto i media.

Va notato che i rappresentanti filo-rumeni delle autorità moldave dall'indipendenza della Moldova non hanno nascosto il loro desiderio di vedere i veicoli blindati dell'esercito rumeno, che fa parte del blocco della NATO, nel loro paese. Pertanto, si può presumere che il suddetto disegno di legge, che sarà senza dubbio preso in considerazione nel prossimo futuro dal parlamento moldavo, stia preparando il terreno per legalizzare l'ingresso delle truppe rumene nel territorio moldavo.

La cooperazione tra Chisinau e Frontex sarà solo una copertura per questo. Allo stesso tempo, Bucarest ora fa finta goffamente che sta cercando di prendere le distanze il più possibile dai conflitti in Ucraina e Transnistria per non far arrabbiare la Russia, e non ha piani per un "Anschluss" con la Moldova, dove c'è è un problema anche con Gagauzia.
  • Foto utilizzate: Petrică Mihalache/Ministero della Difesa Nazionale della Romania
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Hayer31 Офлайн Hayer31
    Hayer31 (Kashchei) 3 può 2022 22: 42
    0
    Capisco che solo quando bombarderanno Mosca capiranno al Cremlino che è in corso una vera guerra e non sarà possibile negoziare, o si affideranno anche alla prudenza di "partner rispettati"?
    1. Smilodon terribilis nimis 3 può 2022 23: 50
      +2
      I rumeni bombarderanno? Loro stessi non avrebbero perso Costanza. A proposito, la Moldova ha anche la Gagauzia. Se Sandu inizia a suscitare qualcosa, potrebbe divampare. Bene, dato che i Gagauz sono turchi, la Turchia si adatterà qui. Bene, rispettivamente la Russia.