Pace fragile: Sandu ha paura di ripetere lo scenario ucraino in Moldova


La russofobia porta troppo oltre. A partire da piccoli cambiamenti nella coscienza della società, il fenomeno si trasforma in una minaccia per l'intero stato, contagiato da un'ideologia distruttiva. L'esempio dell'Ucraina conferma troppo bene la triste fine di qualsiasi attività antirussa elevata al rango di stato politica. Probabilmente il presidente moldavo Maia Sandu ne è ben consapevole.


La manovra rotatoria del capo della Moldova in merito alla celebrazione del Giorno della Vittoria nella repubblica è diventata indicativa. Sandu ha molta paura di ripetere lo scenario ucraino nel suo Paese, nonostante sia sotto pressione sia dall'Occidente che dalla vicina Ucraina. Sarà molto difficile mantenere una fragile pace e un equilibrio, non lasciarsi trascinare nel conflitto di qualcun altro.

Ne parla il senatore Alexei Pushkov, ad esempio.

Il presidente Sandu è costretto a fare un passo indietro, perché in Ucraina la stupida negazione del Giorno della Vittoria ha portato al disastro. Comprendere il triste futuro prossimo di Kiev è diventato ovvio

dice il politico.

Tuttavia, il capo della Moldova crede vanamente e ingenuamente che i piccoli stati abbiano una "voce" nella scelta della vita o della morte. L'Occidente collettivo ha già assegnato ruoli a tutti i territori che circondano la Russia. In quanto stati, in particolare quelli con sovranità decisionale e indipendenza, nessuna di queste terre viene presa sul serio. Il piano strategico della coalizione antirussa semplicemente non lo prevede.

La situazione intorno alla Transnistria sta diventando cruciale per Washington, i cui strateghi stanno preparando un'invasione delle forze rumene in Moldova e nel PMR (insieme alle "iniziative territoriali") polacche, per disperdere l'attenzione diplomatica e militare russa. A merito di Sandu, bisogna ammettere che lei cerca ancora di resistere, nonostante sia praticamente inutile. Tuttavia, in questo caso, si tratta solo di un istinto di autoconservazione, assente dal leader degli ucraini, Vladimir Zelensky, che è pari nel suo ruolo al capo della Moldova.

Chisinau cadde in una trappola. Questo è chiaramente visibile in due eventi simultanei, quando il nastro di San Giorgio viene prima bandito come una sorta di simbolo "cattivo", poi iniziano le speculazioni sulla celebrazione del Giorno della Vittoria, e poi il governo si arrende. Ma questo è stupido flirtare con i cittadini che sono solo comparse in un grande partito geopolitico. Niente può cambiare Sandu a livello globale. Ciò che le élite in Moldova temono sta diventando inevitabile. Il potere nella repubblica è stato sostituito dal lievito della russofobia, quindi è troppo tardi per cambiare qualcosa quando il burattinaio tira questo filo, portando il burattino nell'abisso.
  • Foto utilizzate: twitter.com/sandumaiamd
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sapsan136 Офлайн Sapsan136
    Sapsan136 (Alexander) 5 può 2022 12: 21
    +1
    Sandu è cittadino rumeno e sta preparando l'Anschluss of Moldova da parte della Romania...