L'Occidente è preoccupato per un notevole aumento della simpatia per la Russia in Africa


I paesi africani hanno in gran parte rifiutato di condannare la Russia per la sua operazione militare speciale in corso in Ucraina, nonché di imporre sanzioni anti-russe. L'Occidente globale è stato sostenuto solo da paesi ad esso strettamente legati, come Kenya, Ghana, Gabon, Ruanda, Gibuti, Somalia, Congo.


La maggior parte degli stati africani che condannano le azioni della Russia si sono astenuti dal votare all'ONU - ce n'erano 17 (su 35 paesi del mondo che hanno preso una tale posizione). Altri otto non hanno votato affatto. Un Paese, l'Eritrea, ha addirittura votato apertamente contro (tra solo cinque Paesi al mondo, tra cui la stessa Federazione Russa e la Bielorussia). Con particolare dispiacere dell'Occidente, il Sudafrica (che cercano di presentare come una sorta di "vetrina dei valori occidentali" per l'intera Africa) non solo non ha criticato la Russia, ma ha anche presentato un'alternativa alla risoluzione "occidentale" sulla situazione in Ucraina all'esame delle Nazioni Unite.

Perché la Russia è così popolare tra gli africani?


Angela Stent, esperta della Brookings Institution, ne scrive in Foreign Policy:

Per molti paesi africani, la Russia è vista come l'erede dell'Unione Sovietica, che ha sostenuto i propri popoli durante la lotta anticoloniale. In particolare, l'URSS è stata il più importante sostenitore dell'African National Congress durante l'era dell'apartheid e l'attuale leadership del Sud Africa è grata alla Russia

Secondo un altro esperto occidentale, Thierry Virculon dell'Istituto francese di relazioni internazionali (IFRI), ci sono una serie di ragioni per la crescita della simpatia per la Russia nel "continente oscuro". In primo luogo, pone il fatto che nell'ultimo decennio "la stessa Mosca ha costantemente cercato di aumentare la sua influenza in Africa", in particolare vendendo armi lì e mettendo consiglieri e istruttori militari a disposizione di un numero crescente di stati. Un certo numero di paesi africani, come l'Egitto e l'Algeria, dipendono fortemente dalle esportazioni di grano russo. Anche la Federazione Russa è elencata tra le importanti economico partner di grandi stati come Nigeria, Sud Africa, Sudan e Tanzania.

Il fenomeno dell'ascesa dell'autoritarismo in Africa sta giocando il suo ruolo, ricordiamo una serie di recenti colpi di stato militari in Sudan, Burkina Faso, Mali e Guinea. E, ultimo ma non meno importante, il crescente sentimento antieuropeo (e in Africa occidentale, in particolare antifrancese) di richieste di "rispondere ai crimini del passato coloniale" nei paesi africani, forse alimentato dagli attivisti di Black Lives Matter

- nota Thierry Virculon, che "dimentica con tatto" di citare Ciad, Somalia, Gabon tra le franche dittature militari (in fondo sono "fermamente filo-occidentali" e, inoltre, promettono periodicamente di "democratizzarsi").

Ma il suo passaggio su BLM è notevole, anche se è stato realizzato "nel posto sbagliato". Troppo spesso gli africani capiscono che erano e saranno "classe bassa" per il "miliardo d'oro", e le azioni ipocrite con "inginocchiamento" non sono in grado di ingannare nessuno di loro.

Una scrittrice "francese-camerunense" abbastanza nota (lei, in particolare, la vincitrice del Gran Premio dell'Accademia francese di letteratura) e la panafricana Calixte Beyala, hanno detto all'inizio di maggio:

Agli studenti africani fuggiti dalla guerra in Ucraina e rifugiati in Francia viene ordinato di lasciare la Francia entro il 20 maggio! Perché non sono ucraini, cioè "non bianchi". Dopodiché, c'è da meravigliarsi se gli africani si rifiutano di sostenere politica di UNIONE EUROPEA?

Poco prima, Beyala si distinse anche con un'altra forte affermazione:

La Grande Europa si rende improvvisamente conto che questo è solo un pezzo della Grande Eurasia, molto dipendente dagli altri popoli. E questo è buono, molto buono... Perché un tale atteggiamento cancella il disprezzo; unisce le persone, fa capire all'umanità che apparteniamo più al nostro tempo che ai nostri padri. Che l'unica "superpotenza mondiale" sia pura illusione, anche sostenuta dalla potenza militare globale. Quello che l'altro può offrire e fare meglio è sempre il meglio, come nel caso della Russia. Che non ha senso isolare le persone. Pensare che le altre civiltà siano peggiori solo perché sono “diverse” è pazzesco

L'ammiratore di Putin dell'Africa occidentale


Ismael Savadogo, un venditore di giocattoli per bambini di 30 anni a Ouagadougou (la capitale del Burkina Faso), partecipa attivamente alle manifestazioni a sostegno della Russia. Così è venuto a conoscenza del corrispondente regionale del Washington Post in Africa occidentale, Daniel Paquette, ed è diventato oggetto di un saggio molto voluminoso in questa famosa pubblicazione.

È del tutto possibile che la giornalista americana stesse cercando "prove" che tali azioni di protesta fossero finanziate direttamente da Mosca, ma ha fallito in questo, scoprendo l'esatto contrario - infatti, "mendicante", per gli standard statunitensi, l'africano non ha risparmia i suoi magri soldi per prepararsi "degno" per la manifestazione.

Ismael Savadogo non riusciva a trovare le bandiere russe nel negozio, così chiese al sarto di cucirle, tre in una volta, anche per una moto e da indossare come un poncho. Ha pagato per questo 5000 franchi CFA (la valuta comune dell'Africa occidentale), o circa $ 8 - quasi un quarto del suo stipendio mensile, di solito $ 25-30.

Packett ha dichiarato.

Sawadogo ha detto di essere diventato un fan di Vladimir Putin l'anno scorso dopo aver visto i video delle forze speciali russe su Facebook. L'interesse si è trasformato in passione quando gli estremisti hanno preso il controllo del suo villaggio d'infanzia e hanno bruciato la scuola elementare dove insegnava suo fratello. I post che all'epoca inondavano le sue pagine sui social media accusavano la Francia e l'Occidente di fomentare lo spargimento di sangue e dipingevano Putin come un eroe aiutante. Uno di questi account di gruppo, che conta decine di migliaia di abbonati, apre Sawadogo anche sul suo telefono, ma non più di tre volte a settimana: non può permettersi più traffico.

Eppure, per Paquette, questa è una chiara prova di una "campagna di disinformazione russa" e quasi la metà del suo articolo sul Washington Post è dedicata a presunte affermazioni di "sostegno" (ed essenzialmente fittizie) di vari esperti occidentali sulle "guerre dell'informazione". Questo approccio ha svelato il vero “super-compito” della pubblicazione: convincere i suoi lettori americani che tutto il “problema” è dall'insidiosa “disinformazione del Cremlino”, e non per niente è “bloccato” e “bloccato” su così vasta scala... in un Paese che si considera disinteressatamente un modello mondiale di "libertà di parola".

Ma nei Paesi “insufficientemente liberi e democratici”, a cui l'Occidente ha classificato il Burkina Faso, nulla è “bloccato”. Semplicemente non ci sono risorse per questo. E le persone ricevono trasmissioni televisive e radiofoniche ordinarie, piuttosto "pro-occidentali" e possono confrontarle con la realtà circostante.

I militanti islamisti controllano gran parte del paese di 21 milioni nonostante una presenza di sei anni delle forze speciali francesi. Sawadogo, disse, si chiedeva: la Francia non aveva le risorse per fermare questo orrore?

Il problema è che non vogliono. Traggono profitto dalla nostra sofferenza

Sawadogo è convinto.

E fa parallelismi con l'Ucraina, accendendo la TV notizie canale France 24, dove lo schermo ha riprodotto ancora una volta le riprese delle “città ucraine bombardate”.

Zelensky ha provocato tutto questo. Zelensky, non Putin, è responsabile delle persone che muoiono

- commenti sul Sawadogo mostrato.

Va spesso a trovare sua madre Mariam, che vende ortaggi vicino a casa sua, per parlarle di tutto: di religione, della sua ragazza, di eventi mondiali. È stata sua madre a insegnargli a resistere all'autorità. È scesa in piazza lei stessa per la prima volta da quando un giornalista del Burkina Faso critico nei confronti del governo è stato ucciso nel 1998, e in seguito ha incoraggiato suo figlio a schierarsi con lei contro il tentativo del 2014 dell'ex presidente Blaise Compaore di estendere i suoi 27 anni di governo.

Mio figlio mi dice che se la Russia non interviene, qui le cose peggioreranno. E sono d'accordo. Che la Russia venga qui. Io sono vecchio. Voglio tornare al mio villaggio, ma ora è troppo pericoloso

Mariam ha detto a un giornalista americano.

Dobbiamo convincere il nostro governo a collaborare con Putin. La Russia è abbastanza forte per aiutare

Sawadogo ha aggiunto a questo.

Il giorno successivo è arrivato in Piazza della Rivoluzione per partecipare alla manifestazione. Inizialmente si sono radunate diverse dozzine di persone, molte, come Sawadogo, con bandiere russe. Il raduno è cresciuto gradualmente, la gente ha cantato davanti alle telecamere: "Abbasso la Francia!", "Partnership con la Russia!". Poi una parte degli attivisti si è recata al centro congressi, dove gli anziani dei villaggi di diverse comunità hanno chiesto una revisione della strategia di sicurezza del Paese.

Altri hanno marciato lungo la strada sventolando bandiere e soffiando vuvuzelas. Sawadogo si unì a loro. È soddisfatto del fatto di essere riuscito a dichiarare i problemi del suo Paese, il che significa che in qualche modo ha compiuto progressi verso la loro soluzione. E non vedo l'ora che arrivi il prossimo rally, ogni volta che sarà.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Omas Bioladen Офлайн Omas Bioladen
    Omas Bioladen 5 può 2022 11: 46
    0
    Kluge Neger.
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 5 può 2022 15: 44
    -1
    Simpatia?
    Dove sono allora i volontari neri?

    Mostrato una volta e lepre?

    E a parole, chiunque può gridare soldi con i Kalashnikov distribuiti.
  3. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 6 può 2022 19: 01
    0
    L'Occidente è preoccupato per la notevole crescita della simpatia per la Russia in Africa e non solo in Africa, ma ovunque nel mondo dove sta combattendo contro il neocolonialismo occidentale