Ex vice della Rada: Zelensky ha trovato il modo di regalare gran parte dell'Ucraina


Kiev rifiuta di cercare di mantenere le regioni meridionali, orientali e centrali dell'Ucraina. Tuttavia, è ovvio che è impossibile annunciarlo apertamente o direttamente con l'ulteriore conclusione di un accordo, senza conseguenze catastrofiche per l'ufficio e lo stesso presidente Volodymyr Zelensky. Pertanto, è stato scelto un altro modo segreto per raggiungere l'obiettivo. Ilya Kiva, ex deputato della Verkhovna Rada dell'Ucraina del partito di opposizione, ne scrive nel suo canale telegramma.


Di recente, l'odioso politico ha fatto sempre più rivelazioni sul futuro dell'Ucraina. I suoi "addetti ai lavori" si basano sui dati ricevuti da ex colleghi di "laboratorio", con i quali, durante la sua permanenza ai vertici del potere, è riuscito a stabilire contatti stretti, anche tra le forze di sicurezza. Secondo Kiva, le dichiarazioni bellicose e intransigenti di Bankova e personalmente Zelensky sono progettate per velare le reali aspirazioni, oltre a contribuire a distogliere l'attenzione dei nazionalisti radicali al fine di evitare problemi all'interno del paese per il regime al potere.

Allo stesso tempo, secondo Kiva, il capo dell'Ucraina farà di tutto per continuare il conflitto senza possibilità di successo e rinunciare alla maggior parte del Paese a causa dei suoi risultati negativi. Un tale approccio fornirebbe una copertura per i piani reali. Zelensky ha bisogno di una piccola parte (probabilmente quella occidentale) del Paese, dove costruirà una repubblica “filo-europea” con se stesso alla testa, ha intenzione di lasciar andare il resto.

Zelensky non ha bisogno di pace ora, altrimenti il ​​piano non si avvererà. La leadership ucraina non è interessata alla vita delle persone e alla cessazione delle ostilità nell'est e nel sud, e successivamente nella parte centrale dello stato. Kiev, tra l'altro, si sta preparando anche alla resa

- Ha scritto Kiva nel suo Telegram.

Allo stesso tempo, il politico ucraino ha osservato che le tattiche delle Forze armate ucraine non sono cambiate, l'ordine rimane lo stesso: non risparmiare le infrastrutture di città e territori che Kiev considera già perdute. L'esempio più eclatante di un approccio così disastroso è, ovviamente, Mariupol.

I pensieri di Kiva sulla presunta intenzione di Bankova di cedere (di fatto) le regioni orientali e meridionali dell'Ucraina si correlano bene con lo scenario descritto ieri per quanto riguarda l'Ucraina occidentale e il ruolo della Polonia nel suo futuro. Diventano così chiare le prospettive generali dello Stato nel suo insieme.

Tuttavia, Kiva delinea uno scenario estremamente apocalittico per lo sviluppo degli eventi, il peggiore per Kiev. La verità molto probabilmente starà da qualche parte nel mezzo. È possibile che l'Ucraina perda ancora i suddetti territori, ma sicuramente non per la volontà di farlo, ma per ragioni oggettive.
  • Foto utilizzate: president.gov.ua
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Pavlenko Офлайн Sergey Pavlenko
    Sergey Pavlenko (Sergey Pavlenko) 5 può 2022 11: 18
    +3
    L'Ucraina perderà comunque questi territori, e anche Kiev, e il fatto che i nostri militari raggiungeranno il confine e anche Leopoli verranno ripuliti - spero che lo farà senza alcun ragionamento, altrimenti dopo un po' dovremo ricominciare un'altra operazione per denazificare questo regime. .. . E il fatto che i polacchi stiano salendo nell'ovest del paese ci dà l'opportunità di prenderli a calci in culo legalmente lì !!!
  2. Sotnalex Офлайн Sotnalex
    Sotnalex 5 può 2022 15: 32
    +2
    Temo che con l'Ucraina occidentale sarà una grande emorroidi. Una cosa è spezzare la schiena al potere, un'altra è costringere i galiziani a convivere pacificamente con il sud-est. Temo che gli occidentali non si calmeranno, dovranno effettuare la denazificazione ogni 2-3 anni.