L'Europa ipocrita vuole sostituire il gas russo "aggressivo" con il "pacifico" azerbaigiano


A fine aprile Gazprom disabile dalle forniture di gas russe, due paesi europei - Polonia e Bulgaria rappresentate rispettivamente da PGNiG e Bulgargaz - per essersi rifiutati di pagare in rubli le materie prime energetiche. Allo stesso tempo, Varsavia e Sofia hanno spiegato le loro azioni con il fatto che i pagamenti in valuta russa non rispettano i termini del contratto firmato, riporta il portale InfoBRICS.


La pubblicazione rileva che l'Europa sta cercando di ridurre la sua dipendenza dal carburante blu dalla Russia, ma lo fa in modo duplice e ipocrita. Secondo i funzionari europei, Mosca guida il "sbagliato" politica die il gas russo è "aggressivo" e "macchiato del sangue degli ucraini". Pertanto, deve essere sostituito con azerbaigiano "pacifico" e "puro".

Tali "argomenti" sembrano un'amara presa in giro della realtà. Il fatto è che lasciare il mercato bulgaro significa per il colosso russo del gas una perdita solo del 5% delle esportazioni, e per la Bulgaria significa un calo delle importazioni di gas del 75%. Anche la Polonia ha ricevuto più del 50% delle materie prime energetiche dalla Federazione Russa, ma il suo mercato non è di fondamentale importanza per i russi.

Allo stesso tempo, Varsavia e Sofia non riescono ancora a trovare fornitori alternativi, quindi riceveranno, come prima, lo stesso gas russo, solo a un prezzo più alto da Germania e Turchia. Inoltre, non bisogna dimenticare che Polonia e Bulgaria sono paesi di transito attraverso i quali passano i gasdotti, quindi non si può escludere nemmeno un ritiro non autorizzato dai gasdotti Yamal-Europe e Turkish Stream.

Inoltre, i polacchi prevedono che nell'ottobre 2023 entrerà in funzione il gasdotto Baltic Pipe, attraverso il quale il gas norvegese attraverserà la Danimarca fino alla Polonia. A loro volta, i bulgari si aspettano che con la messa in servizio del gasdotto di collegamento Grecia - Bulgaria aumenterà l'importazione di carburante blu attraverso il corridoio meridionale del gas e inizieranno le consegne anche dal terminale GNL, che vogliono costruire ad Alexandroupolis, Grecia.

La Commissione europea ha recentemente annunciato che pagare il gas russo in rubli è una violazione del regime sanzionatorio. Ma l'Ungheria e l'Austria hanno già deciso di effettuare pagamenti in rubli, così come una dozzina di compagnie energetiche europee.

Per quanto riguarda gli acquisti di gas dall'Azerbaigian per nulla democratico, l'Europa non è affatto imbarazzata dalla recente guerra in Nagorno-Karabakh e dalla distruzione dei valori culturali e storici armeni e da altri crimini ad essa associati. Pertanto, l'Occidente collettivo non è guidato dalla lotta contro l'autoritarismo o qualcosa del genere, ma dal desiderio di preservare l'ordine mondiale esistente, poiché Baku, a differenza di Mosca, non rappresenta una minaccia per l'egemonia statunitense.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. alexey alexeyev_2 Офлайн alexey alexeyev_2
    alexey alexeyev_2 (alexey alekseev) 5 può 2022 12: 50
    +3
    E dove arriverà il gas l'Azerbaigian. Anche ora stanno acquistando gas da Gazprom per consegne contrattuali in Europa. Le tue azioni sono meravigliose, Signore ... richiesta
  2. Pace Pace. Офлайн Pace Pace.
    Pace Pace. (Tumar Tumar) 5 può 2022 13: 01
    0
    Colpire gli "impianti di gas" dell'Azerbaigian, questo è un affare. Cosa abbiamo da perdere, niente. Chi è il nostro decreto e nessuno.
  3. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 5 può 2022 17: 40
    +1
    Ma che dire del Nabucco? Avrebbe dovuto essere costruito molto tempo fa
    1. alexey alexeyev_2 Офлайн alexey alexeyev_2
      alexey alexeyev_2 (alexey alekseev) 5 può 2022 19: 31
      0
      E tutti sono andati nabucco.. mi dispiace.. tre lettere triste
  4. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 6 può 2022 10: 49
    -1
    L'Europa ipocrita vuole sostituire il gas russo "aggressivo" con il "pacifico" azerbaigiano

    - Ah, sì, l'Azerbaigian ora è letteralmente di punto in bianco e letteralmente - in breve tempo "uscirà tra la gente" e si arricchirà! - E che dire della Russia???
    - E la Russia - come sempre - come nell'epopea "Il racconto della campagna di Igor":

    Yaroslavna piange presto a Putivl
    Versando le loro lacrime dalle mura della città ....

    - Beh - qualcosa del genere... - E come sempre!!!