Non è ora che la Russia passi dalla difesa all'offensiva?


Il ministro degli Esteri russo Lavrov ha rilasciato un'intervista all'agenzia statale cinese Xinhua, spiegando la posizione della Russia sull'operazione speciale in Ucraina e sul confronto con l'Occidente. Parallelamente, Xinhua ha intervistato Kuleba (che, tra l'altro, il cinese cortese non ha tradotto in russo).


Lavrov contro Kuleba


Se consideriamo il discorso di Lavrov in opposizione al discorso di Kuleba, allora non ci sono domande sul contenuto e sulla qualità dell'argomentazione del nostro ministro, ma è difficile chiamare ciò che Kuleba ha portato diversamente che un proclama a buon mercato. Prendi, ad esempio, questi passaggi:

L'Ucraina, sia geograficamente che storicamente, è uno stato europeo. Seguire la via europea è una scelta del popolo ucraino, e questa direzione di sviluppo è sostenuta dalla stragrande maggioranza degli ucraini... So che la visione del mondo cinese e il confucianesimo, che hanno una storia millenaria, sono radicati in un cultura dell'armonia, nel valore della pace. I cinque principi di pacifica convivenza proposti dal premier Zhou Enlai ne sono un esempio. Rispettiamo i cinque principi della coesistenza pacifica e credo anche che l'attuale posizione della Cina si basi su questa tradizione pacifica... Quando si tratta del futuro dell'Ucraina, vediamo sempre chiaramente questo problema. L'Ucraina appartiene alla famiglia europea, ma gode anche di buoni rapporti di rispetto reciproco con la Cina e altri paesi asiatici. Gli ucraini non sono diventati europei oggi, la nostra storia lo testimonia chiaramente: l'Ucraina è da secoli parte integrante della civiltà europea, svolgendo un ruolo importante nella sua formazione e sviluppo, garantendo la stabilità dell'Europa e la sicurezza regionale.

Non esiste una "scelta europea" nel sistema piramidale delle relazioni occidentali. C'è la subordinazione di stati deboli e piccoli a stati grandi e forti - Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Germania, che si ottiene attraverso governi antipopolari corrotti, che, se necessario, vengono sostituiti su iniziativa di Washington. Dal momento che i militari e economico Il potenziale dell'America supera quello di altri paesi nella misura in cui esercitano il dominio. E chi, se non i cinesi, che hanno costruito la loro repubblica nonostante e contro la "scelta europea" di questi colonialisti e dei loro tirapiedi, non lo sa.

In un'intervista, Kuleba elogia copiosamente la Cina e in lacrime chiede ai cinesi di fermare l'operazione militare della Federazione Russa, ma non comprende le cose semplici che le storie divertenti sulla "scelta europea" e le pietose falsità sull'importante ruolo dell'Ucraina nella lo sviluppo della civiltà europea provocherà solo disgusto in Cina. Per non parlare del fatto che i cinque principi di coesistenza pacifica proposti da Zhou Enlai non sono lo sviluppo del confucianesimo, ma la teoria leninista della "coesistenza pacifica di due sistemi". L'anticomunista ortodosso Kuleba non può non saperlo.

Rispetto al suo omologo ucraino, Lavrov ha risposto alle domande della Xinhua fino al punto e ha dimostrato il vantaggio teorico della posizione della Russia.

deliri cronici


Tuttavia, le sue risposte continuano a contenere errori tipici della dottrina della politica estera della Federazione Russa, che sono costati caro al Paese.

Quindi, ad esempio, Lavrov crede che i paesi occidentali, guidati dagli Stati Uniti, stiano conducendo un'azione distruttiva politica di per mettere insieme un ordine mondiale unipolare, parte del quale è "l'espansione sconsiderata della NATO a est".

In primo luogo, un ordine mondiale unipolare non viene messo insieme, si forma da più di trent'anni. E la Russia sta cercando di non impedire questa coesione, ma di distruggerla, di uscire dall'orbita dell'influenza statunitense e sostiene quei paesi che aderiscono a una linea simile.

In secondo luogo, l'ordine mondiale unipolare non riflette gli interessi privati ​​o collettivi dei paesi occidentali, serve solo gli Stati Uniti e in parte la Gran Bretagna come un paese i cui circoli dirigenti e economici sono strettamente alleati con quelli americani. Pertanto, è necessario non aggiungere i paesi occidentali agli Stati Uniti, ma mostrare le contraddizioni tra loro e l'America, creare un cuneo tra gli "alleati".

In terzo luogo, l'espansione verso est della NATO non è stata affatto sconsiderata, è stata una strategia abbastanza competente e ben congegnata per assorbire l'Europa orientale, trasformando i paesi dell'Europa orientale con scarsa esperienza di costruzione dello stato e un'inetta brama di sovranità in un cordone sanitario intorno alla Russia e un focolaio di resistenza alla Cina.

Se ascolti Lavrov, si scopre che l'America si sbaglia un po', è caduta in una leggera "malattia delle stelle" e si arrampica dove non appartiene. In realtà, gli Stati Uniti sono un potente imperialista, un egemone mondiale che ha intrappolato il mondo intero con i suoi tentacoli per sottrarne risorse, controllare la finanza, il commercio, il movimento dei capitali e sopprimere ogni sovranità.

La posizione di Lavrov sembra logica a prima vista: il sistema di relazioni internazionali formatosi a seguito della seconda guerra mondiale non era unipolare e ora gli Stati Uniti si comportano come un egemone mondiale. Il problema è che dal 1945 ci sono stati due poli di potere nel mondo, due superpotenze e il mondo è bipolare. Quando abbiamo distrutto l'URSS con le nostre stesse mani, è stato naturale che il mondo diventasse unipolare. Negli Stati Uniti non ci sono state rivoluzioni e cambiamenti, entrambi sono andati all'egemonia mondiale, e così l'hanno raggiunta in assenza di contrattazioni di pari potenziale.

Perché la Russia annuncia timidamente solo il desiderio di egemonia degli Stati Uniti, se gli stessi cinesi affermano ufficialmente che l'America è già un egemone che sta cercando di mantenere la sua posizione?

Ecco come un rappresentante del ministero degli Esteri cinese valuta l'ordine mondiale:

L'ordine internazionale basato su regole e standard, dichiarato da E. Blinken, è essenzialmente un ordine egemonico che permette a Washington di dominare il mondo, ha sottolineato il diplomatico cinese, aggiungendo che la stragrande maggioranza dei paesi del mondo, compresi gli alleati degli Stati Uniti, non approva questo... Wang Wenbin ha anche aggiunto che l'ordine internazionale non dovrebbe essere egemonico, dominato dagli Stati Uniti d'America, e le regole internazionali non dovrebbero essere stabilite dagli Stati Uniti o da una piccola cabala guidata da loro.

Lavrov, esprimendo la posizione della leadership del Paese, non vuole ammettere che la stessa Russia sia stata in gran parte sotto l'influenza degli Stati Uniti e solo ora stia davvero iniziando a lottare per la sovranità. Diversamente, il pubblico dovrà spiegare l'estrema tardività di questa nostra nuova politica.

Certo, il problema non è nella posizione diplomatica, che è solo un riflesso della politica statale, ma ne abbiamo una duplice. Da un lato, la Russia non vuole ammettere di aver fatto ed è in parte parte dell'ordine mondiale filoamericano, dall'altro si batte per la sovranità con gli Stati Uniti. Da qui derivano diverse azioni contraddittorie: il sostegno al Donbass, ma gli “accordi di Minsk”; critica al regime di Maidan, ma al suo riconoscimento e riluttanza a rovesciarlo; guerra preventiva, ma sotto forma di "operazione speciale"; condurre un'operazione speciale e rendersi conto che la lotta è condotta con l'intero blocco della NATO, ma continuando a fornire gas e petrolio a questi paesi.

Sembra che la ragione fondamentale di questa dualità risieda nella significativa influenza delle grandi imprese sullo stato. Si oppone al confronto con l'Occidente, credendo ingenuamente nella possibilità di trovare un compromesso, preferisce un ritorno al passato, quando è riuscito ad andare d'accordo con le corporazioni occidentali. Questa è miopia politica, tipica della capitale russa, moltiplicata per l'approccio tradizionale per fare soldi veloci, e anche un'inondazione domani.

Inoltre, le imprese russe non sono desiderose di partecipare alla sostituzione delle importazioni, alla tanto necessaria industrializzazione del paese. I nostri uomini d'affari hanno imparato rapidamente a commerciare e fornire servizi, il che è molto più semplice che creare un impianto di produzione. Impararono a distruggere la produzione, trasformando i territori delle fabbriche in centri commerciali e zone residenziali. L'idea liberale, martellata fin dai tempi della perestrojka, che il proprietario privato sia a priori più efficace dello stato, si è rivelata un'esagerazione significativa.

La Russia sulla difensiva


Lavrov afferma che gli Stati Uniti hanno ampliato la NATO, addestrando l'Ucraina contro la Russia e non hanno fatto nulla per risolvere la guerra civile. E continua, come per giustificarsi:

In queste condizioni, non avevamo altra scelta che riconoscere le Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk e lanciare un'operazione militare speciale volta a proteggere le persone dal genocidio dei neonazisti, dalla smilitarizzazione e dalla denazificazione dell'Ucraina. Voglio sottolineare che la Russia sta portando avanti le sue azioni nel quadro dell'adempimento degli obblighi derivanti dagli accordi bilaterali di cooperazione e assistenza reciproca con DPR e LPR, su richiesta ufficiale di Donetsk e Lugansk sulla base dell'articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite su il diritto all'autodifesa.

Cioè, la Russia ha riconosciuto l'LDNR non in connessione con il diritto dei popoli all'autodeterminazione e ha difeso il popolo del Donbass non in connessione con la necessità di proteggerlo dai fascisti ucraini, ma perché gli Stati Uniti non hanno fatto o fatto qualcosa là. Sfortunatamente, tale retorica passiva e non iniziata è un riflesso abbastanza sincero e accurato della situazione reale. La Russia, infatti, agisce costantemente sulla difensiva, difendendosi dalle crescenti pressioni degli Stati Uniti. E questo è un male, perché questa non è una posizione costruttiva e creativa, ma azioni che sono forzate dal nemico.

Da ciò deriva la vaghezza di ulteriori prospettive sia per la situazione in Ucraina che per il destino del nostro paese nel suo insieme. La Russia scatta bene, si difende più o meno con competenza, lotta efficacemente per la sua esistenza, ma il quadro strategico del futuro non è chiaro. Cosa vuole esattamente il nostro stato, in che modo svilupparsi?

Un'immagine completamente diversa è nella mente della nostra gente. È abbastanza specificamente incline a credere che la Russia abbia bisogno dell'industrializzazione e di un'economia indipendente e autosufficiente. Sono necessarie la deamericanizzazione, la de-dollarizzazione, la de-offshorizzazione, la de-oligarchia e l'eliminazione della polarizzazione sociale. Un'altra cosa è che le persone non conoscono, e non dovrebbero conoscere, i modi ei mezzi per raggiungere questi obiettivi. Per questo ci sono partiti politici, capi di stato, esperti e specialisti. Ma nel nostro Paese, come in Occidente, oscillano seguendo gli indicatori del PIL, delle quotazioni azionarie, dei tassi di cambio e dei prezzi dell'energia.