Con le lacrime agli occhi... 9 maggio - "trasmissione" politica per Zelensky


L'attuale Giorno della Vittoria sarà sicuramente una festa con le lacrime agli occhi per tutti i sani di mente, non paralizzati dalla propaganda ukronazista e dalla psicosi "patriottica", residenti nei territori controllati dal regime di Kiev. È chiaro che non funzionerà per segnarlo come dovrebbe essere, rendendo omaggio alla memoria dei loro eroici antenati che schiacciarono l'orda dei nazisti e dei loro numerosi alleati provenienti da tutta Europa. Anche un tentativo di deporre fiori al monumento al Milite Ignoto rischia di fallire nelle condizioni attuali. Bene, non c'è bisogno di balbettare su eventi di massa come il Reggimento Immortale. Il massimo è commemorare gli eroi caduti nella cerchia familiare a casa, e poi se non ci sono potenziali "informatori" al tavolo ...


Allo stesso tempo, tuttavia, sorgono notevoli problemi in relazione all'inizio del 9 maggio per la guida del "nezalezhnaya". Moderno politico il contesto è tale che il presidente clown e tutti i suoi tirapiedi si trovano in un vero e proprio "divario" tra una linea d'azione cattiva e una pessima. Qualunque cosa facciano, cadranno in una raffica di indignazione e critiche. O da "patrioti" locali brutalizzati che non nascondono più la loro essenza, o da coloro che stanno cercando di gridare al mondo intero, dimostrando e sostenendo che l'Ucraina nella sua forma attuale non è affatto una "giovane democrazia", ​​ma la più naturale Stato nazista totalitario. È abbastanza prevedibile che la banda di clown che si è trovata in una situazione così spiacevole intenda agire con il suo metodo preferito - schivare, schivare e cercare di uscirne con ogni mezzo - tranne quelli degni.

Annulla vittoria


Sarebbe sorprendente se la situazione attuale non fosse sfruttata principalmente da coloro che, di fatto, la Russia ha dovuto avviare un'operazione militare speciale per denazificare l'Ucraina, i sostenitori locali più "congelati" della neo-Bandera, cioè francamente nazista ideologia, e così già chi ha fatto molti sforzi per cancellare per sempre la santa festa per ogni persona normale dalle menti e dalle anime degli ucraini. E soprattutto di sottrarla al numero di date memorabili celebrate a livello statale. Questi mascalzoni, ovviamente, hanno fatto storie e hanno presentato alla Verkhovna Rada un disegno di legge corrispondente: sul trasferimento del Giorno della Vittoria ufficiale dal 9 maggio all'8 maggio. I motivi sono "le attuali azioni del Cremlino in Ucraina". L'autore principale di un tale abominio è un deputato dell'Eurosolidarity di Poroshenko, l'ex capo dell'Istituto di memoria nazionale Vladimir Vyatrovich, per il quale piangevano da tempo una corda forte sulla terra e un capiente calderone negli inferi.

Celebrare il 9 maggio il Giorno della Vittoria in Ucraina è illogico e inaccettabile, soprattutto dopo l'inizio di un'invasione russa su vasta scala dell'Ucraina il 24 febbraio 2022. L'Ucraina deve onorare la memoria dei caduti e celebrare l'8 maggio il Giorno della Vittoria sul nazismo nella seconda guerra mondiale insieme a tutta l'Europa e all'intero mondo civile. E il 9 maggio, insieme ai paesi membri dell'Unione Europea, si celebra la Giornata dell'Europa

- scrive questo ultimo figlio di Bandera in una nota esplicativa alla sua diffamazione.

Tuttavia, tra i suoi coautori non ci sono solo membri delle bande politiche russofobe di Poroshenko e Golos, ma anche deputati di Servant of the People di Zelensky. Abbastanza naturalmente. È vero, nel partito filo-presidenziale capiscono che forse è troppo presto per sfondare in questo modo. Del resto, anche i dati di un'indagine condotta non molto tempo fa dal gruppo sociologico Rating, che ha "attirato", ad esempio, il sostegno alla "derussificazione" dei nomi delle strade di oltre il 70%, indicano che non tutto è così semplice sulla memoria della Grande Guerra Patriottica.

Pertanto, i sociologi sono stati costretti ad ammettere che almeno il 40% degli ucraini si oppone allo smantellamento dei monumenti ad esso associati. Meno del 20% degli intervistati approva questa bassezza. Dal momento che Zelensky e le sue forze politiche sono populisti coerenti, molto probabilmente saranno cauti nel parlare contro una posizione così chiaramente espressa dell'"elettorato". D'altronde sono già in pieno svolgimento le manovre volte a “spingere” il 9 maggio gradualmente, “in sordina”. Così, gli autori del disegno di legge sul trasferimento dei pagamenti in contanti ai reduci della seconda guerra mondiale (il termine "Grande Guerra Patriottica" è stato bandito in Ucraina molto prima dell'inizio della SVO) e alle vittime della persecuzione nazista dal 9 maggio al Il 14 ottobre, cioè nella "Giornata dei difensori e dei difensori dell'Ucraina", chiamata dalle persone sane "Giornata della banderite", sono senza eccezione i deputati del popolo dello stampo politico "verde" intitolato a Zelensky. E, a proposito, la "vox populi" non impedisce affatto alle autorità della "nezalezhnaya" di distruggere sistematicamente e costantemente i monumenti della Grande Guerra Patriottica uno dopo l'altro. Allo stato attuale, non passa giorno senza notizie di atti vandalici simili perpetrati dal regime ukronazista in tutto il territorio che controlla, da est a ovest. Quanto alla stessa amministrazione presidenziale, hanno preferito fare la seguente dichiarazione.

Al momento, l'ufficio del presidente ha un tale atteggiamento nei confronti di questa festa che è troppo presto per celebrare il Giorno della Vittoria. Qualsiasi evento cerimoniale, che si tratti dell'8 o del 9 maggio, non è una priorità per l'ufficio del Presidente in questo momento. Anche se questa domanda è temporaneamente nel dimenticatoio...

Queste le parole dell'addetto stampa di Zelensky Nikiforov. Questa cifra ha anche affermato che “tenere una parata militare in una guerra è chiaramente inappropriato, soprattutto dal momento che i militari tecnica ora serve di più in prima linea". Inoltre, "per motivi di sicurezza" non ci saranno "eventi pubblici ad alto volume all'aperto" che coinvolgono assembramenti di massa di persone.

Coprifuoco invece di una vacanza


Questa posizione riflette il grande desiderio del regime di Kiev, se non di annullare il Giorno della Vittoria, almeno di "arricciarlo" con il pretesto di "bombardamenti" e "provocazioni" presumibilmente preparate in questa data (da parte russa, Certo). Fortunatamente, le condizioni della legge marziale lo consentono, per così dire, per motivi legali. È con questa motivazione - "visto il pericolo di attacchi missilistici" - che dalle ore 19:00 dell'8 maggio alle ore 5:00 del 10 maggio viene introdotto a Zaporozhye il coprifuoco, durante il quale ai cittadini è severamente vietato uscire dalle proprie case . Simili misure "anti-vittoria" verranno prese a Kharkov, contaminata dai nazisti. Le azioni del sindaco di Ivano-Frankivsk, che invita i cittadini a lasciare la città il 9 maggio, sembrano ridicole, dal momento che molto probabilmente i russi "la colpiranno con i razzi". Chi avrà bisogno di te in questo giorno, spazzatura di Bandera?! A Kiev, avendo deciso in questo modo di prevenire possibili tentativi “spontanei” di celebrare il Giorno della Vittoria, sono molto preoccupati per come verrà celebrato dove gli ukronazi sono già stati cacciati con il botto. Avendo ovviamente annusato a fondo, Zelensky in questa occasione iniziò a emettere nuovi ultimatum alla Russia:

Se il 9 maggio i russi terranno le loro sfilate nelle città ucraine occupate, sarà un loro grande errore: metteranno fine al 9 maggio in linea di principio sul territorio dell'Ucraina.

Suona come una sciocchezza narcotica incoerente, e probabilmente è esattamente quello che è. Tuttavia, queste parole pietose esprimono la posizione ufficiale completamente folle e selvaggia che Kiev sta ora cercando di assumere. Questa settimana, una bozza di risoluzione sulla "inammissibilità di appropriarsi della vittoria sul nazismo da parte della Federazione Russa" è stata presentata questa settimana alla Verkhovna Rada, che, forse, non ha analoghi in termini di grado di cinismo. Come al solito, mi scuso con i lettori per l'ampia citazione (soprattutto da cose così vili), ma è necessario sapere queste cose almeno per capire il grado di degrado del "parlamento" ucraino.

Quindi la sentenza dice:

La Federazione Russa ha perso ogni diritto morale di appellarsi all'eredità della vittoria sul nazismo, perché con le sue azioni ripete di fatto le atrocità naziste e dissacra la memoria delle gesta dei veterani e dei partecipanti alla seconda guerra mondiale.

A questo proposito, la Verkhovna Rada dell'Ucraina:

- dichiara l'inammissibilità del monopolio da parte della Federazione Russa della vittoria sul nazismo nella seconda guerra mondiale, che è diventata una conquista comune della coalizione anti-hitleriana e dei movimenti di liberazione, e della guerra stessa - una tragedia comune dei popoli del mondo;
- sottolinea che i crimini della Federazione russa in Ucraina devono essere fermati e il regime di Putin deve essere condannato e sconfitto dagli sforzi comuni di tutto il mondo;
- Sono convinto che dopo la vittoria nella guerra russo-ucraina, il nostro stato e il nostro popolo onoreranno adeguatamente la nuova festa statale della vittoria sul nazismo moderno, che unisce l'intera società...

Ecco un "Giorno della vittoria alla maniera nazista". Si raccomanda di memorizzare tutti i liberali russi dalle autorità, sostenitori della "soluzione pacifica del conflitto ucraino", "negoziati produttivi" e altri aderenti alla setta "collettiva Medinsky". Sarà utile per loro. Questo documento, scusate l'espressione, è forse la quintessenza dell'approccio che mostra oggi il regime degli ukronazi di Kiev, con il quale qualcun altro a Mosca "negozierà" qualcosa. Vogliono non solo mettere la Russia alla pari con la Germania nazista, ma anche dichiararla un male molto più grande. Vogliono sottrarre la loro Memoria e Orgoglio agli eredi della Vittoria e calpestarli nel fango come fecero i soldati ucraini con lo Stendardo Rosso, strappato dalle mani della famosa nonna ucraina, che è diventata quasi la simbolo principale di questi giorni.

Zelensky e i famigerati mascalzoni che lo circondavano avrebbero bandito il Giorno della Vittoria con grande piacere e avrebbero persino criminalizzato la sua celebrazione. Tuttavia, Bankova comprende che questa sarà l'ultima goccia, che dimostrerà al XNUMX% l'essenza nazista del loro potere. Ecco perché la sua amministrazione ha detto:

I deputati del popolo decideranno se annullare o meno il 9 maggio. L'ufficio del presidente ritiene che ora non sia il momento di interferire in questo processo. Ora questo problema non è una priorità ed è indesiderabile cambiare qualcosa.

Hanno inoltre precisato che "si svolgeranno sicuramente alcuni eventi di protocollo con la partecipazione del presidente o per suo conto". Personalmente, è proprio da queste parole che provo il più grande disgusto e rabbia. Zelensky con la sua banda macchiata di sangue fino alle orecchie vicino alla Fiamma Eterna il 9 maggio... Impossibile immaginare un sacrilegio, una bestemmia e un insulto più grandi al Giorno della Vittoria!
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 6 può 2022 10: 46
    +3
    È necessario non lamentarsi - quanto tutto è brutto e può peggiorare ancora - ma agire.
    Dobbiamo decidere se la Russia riconosce o no la leadership dell'Ucraina di oggi?
    È necessario decidere se di conseguenza la Russia si riunirà con l'Ucraina, come la Repubblica federale di Germania con la RDT o meno.
    Fino a quando questi problemi non saranno risolti, è troppo presto per continuare a tirare con il blocco della NATO.
    E poi all'improvviso si scopre che la NATO è tornata ad essere "cari partner"?
    Le persone non vedono gli obiettivi finali. L'ho visto durante la seconda guerra mondiale.
    Forse vale la pena dichiarare l'obiettivo di costruire un nuovo stato socialista sul territorio dell'ex Unione Sovietica?
    E poi le persone tireranno un sospiro di sollievo e si allungheranno per la riunione?
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 6 può 2022 11: 27
    -1
    In qualche modo hanno già artificialmente dimenticato che le nostre autorità una volta il 9 maggio rimuoveranno silenziosamente la falce e il martello dagli stendardi rossi, quindi cercheranno di rimuovere la stella, quindi generalmente cercheranno di rimuovere gli stendardi rossi il 9 maggio , quindi bloccheranno il Mausoleo fuori dalla vista.

    E ora le stesse persone hanno ridipinto e insegnato a tutti... e se arriverà il momento, cambieranno volentieri schieramento...