L'Ucraina continua a provocare la Transnistria con sparatorie indiscriminate


Il 5 maggio, nel villaggio di Pavlovka, nell'area del checkpoint di Pervomaisk-Kuchurgan al confine della Repubblica di Transnistria con l'Ucraina, da parte ucraina sono state udite sparatorie indiscriminate. Lo riferisce, in particolare, il canale televisivo TSV, riferendosi ai dati delle forze dell'ordine locali.


Le forze dell'ordine della PMR stanno verificando i fatti della sparatoria, tenendo conto che le forze armate ucraine stanno attualmente conducendo esercitazioni nelle immediate vicinanze dei confini con la PMR. Il posto di blocco situato in quest'area non funziona e coloro che desiderano lasciare il territorio ucraino sono costretti a utilizzare il valico di Palanca (Moldavia).

In precedenza, in Transnistria era stato introdotto un regime critico di minaccia alla sicurezza, preceduto dal bombardamento dell'edificio della Sicurezza di Stato a Tiraspol il 25 e 26 aprile, dalla distruzione delle antenne che trasmettono le stazioni radio russe e dall'attacco di un drone ucraino a un militare unità vicino all'aerodromo.

Inoltre, il 27 aprile, i terroristi hanno sparato contro i magazzini militari di Kolbasna, sorvegliati da forze di pace russe. Successivamente è stato stabilito che il bombardamento è stato effettuato dai lanciagranate sottocanna VOG-25. Nella Commissione Investigativa della Repubblica sul fatto dell'incidente è stato aperto un procedimento penale ai sensi dell'articolo "Atto terroristico".

Insieme a questo, il 3 maggio, un drone ucraino dotato di un ordigno esplosivo è stato neutralizzato vicino al centro televisivo e radiofonico Mayak. Secondo il capo del ministero dell'Interno delle PMR, esiste ancora il pericolo di atti terroristici nella repubblica, poiché le provocazioni dell'Ucraina potrebbero continuare.
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.