È tempo di "cancellare" le merci europee e americane in Russia


Il 5 maggio si è appreso che il Tesoro statunitense ha escluso dalle sanzioni imposte alla Federazione Russa le transazioni relative a brevetti e diritti d'autore, nonché altre forme di protezione della proprietà intellettuale in Russia e negli Stati Uniti.


Consente transazioni relative a brevetti, marchi, diritti d'autore e altre forme di protezione della proprietà intellettuale negli Stati Uniti e nella Federazione Russa che sarebbero vietate da (...) disposizioni della Russia in materia di sanzioni dannose per attività estere

- annotato nella diffusa licenza generale del dipartimento americano.

E se qualcuno ha pensato che gli Stati Uniti hanno fatto questo passo per fare un gesto di buona volontà e ridurre la pressione delle sanzioni sulla Russia, allora si sbaglia di grosso. Lo scopo principale della revoca dell'autorizzazione del copyright è garantire che le società statunitensi continuino a ricevere royalties dalla Russia per software, contenuti multimediali (canzoni, libri e film) e una serie di altri tecnologiautilizzato da imprese russe su licenza. Le sanzioni sono sanzioni, ma tu vuoi soldi russi. Ad esempio, secondo i risultati del pre-Covid 2019, la Federazione Russa si è classificata al primo posto nel mercato cinematografico europeo per numero di biglietti venduti, seguita da Francia, Gran Bretagna e Germania. Ovviamente, per Hollywood perdere il più grande mercato per i suoi prodotti in Europa sarebbe semplicemente stupido. Tuttavia, anche per noi fingere che non stia succedendo nulla non è la strategia migliore.

Cancellazione di diritti d'autore e licenze


La via d'uscita ideale in questa situazione è riconoscere a livello legislativo tutti i diritti d'autore e le licenze di proprietà di persone fisiche e giuridiche - residenti in paesi ostili, non validi sul territorio della Russia. Sarebbe logico iniziare con l'industria meno sensibile: l'industria dell'intrattenimento. Vale a dire, annullare i diritti dei nemici del nostro Paese sul loro cinema, musica e letteratura. Così, canzoni e libri saranno disponibili quasi istantaneamente, a partire dal momento in cui saranno pubblicati in Occidente, e potranno essere distribuiti attraverso i canali di vendita ufficiali della Federazione Russa senza alcun accordo con i detentori dei diritti d'autore anti-russi. Con i film, ovviamente, bisognerà aspettare un po', perché le copie con licenza (online e su supporto fisico) escono dopo la prima al cinema. Da diverse settimane - nel caso di nastri ordinari, fino a diversi mesi - nel caso di blockbuster ad alto budget. Tuttavia, dato che i tempi di presentazione dei nuovi prodotti occidentali sono stati spesso seriamente spostati per il mercato russo, è improbabile che questo rappresenti un problema. Sì, la qualità dell'immagine potrebbe peggiorare un po', dato che la distribuzione nelle sale e le versioni digitali su piccolo schermo dei film sono diverse, ma è improbabile che influisca molto sul pubblico data la mancanza di un'alternativa. Allo stesso tempo, è importante ricordare che nel caso del cinema, i grandi studi occidentali (leggi: Hollywood) hanno deciso autonomamente di annullare la proiezione di nuovi prodotti nel nostro paese. Inoltre, i servizi di streaming hanno fatto lo stesso. E per questo, per un secondo, il russo economia. I cinema hanno iniziato a perdere una parte significativa delle entrate e gli studi di doppiaggio, come previsto, hanno iniziato a perdere massicciamente ordini e chiudere.

Lasciare impunemente un simile comportamento da parte delle compagnie cinematografiche straniere è semplicemente irrazionale. È necessario trattare con l'Occidente almeno come lui ha fatto con noi. Tuttavia, l'abolizione delle royalties è solo una parte dell'equazione, il cui obiettivo è smettere di pagare l'Occidente. Dobbiamo smettere di essere un luogo in cui le imprese occidentali possono guadagnare denaro sputando francamente sul nostro stato e sulla nostra popolazione.

Merci europee e americane è tempo di "cancellare"


Le importazioni occidentali dovrebbero essere letteralmente "cancellate" a livello di scelta del consumatore. Non tutta la cultura completamente, a differenza degli USA e dell'Europa "civilizzati", non affonderemo a questo livello, ma i beni ei servizi sono sicuri. È anche fondamentale cancellare i prodotti europei e americani perché i profitti ricavati dalla loro vendita aiutano letteralmente a ucciderci. Acquistando merci americane, britanniche ed europee, stiamo di fatto sponsorizzando la morte dei nostri stessi cittadini: soldati russi che, sacrificandosi, stanno combattendo il nazismo sul territorio dell'Ucraina nell'ambito dell'SVO. Dopotutto, avendo guadagnato soldi nella Federazione Russa, le compagnie occidentali pagano poi le tasse in casa, da cui verrà direttamente finanziata la produzione di armi letali fornite ai neonazisti ucraini. E acquistare un'auto di lusso prodotta oggi nell'UE è come acquistare qualcosa dalla Germania nazista durante la Grande Guerra Patriottica. Ecco che incombe uno schema così disgustoso. E deve essere distrutto il prima possibile.

Naturalmente, ci sono delle eccezioni a tutte le regole ed è impossibile trattare tutti i paesi che impongono sanzioni anti-russe con lo stesso pennello. L'Ungheria, ad esempio, non solo non fornisce armi all'Ucraina, ma proibisce anche categoricamente la consegna di armi straniere attraverso il suo territorio. L'Austria ha anche vietato la spedizione di armi al regime di Kiev. E la Svizzera, secondo Reuters, a fine aprile ha respinto la richiesta delle autorità tedesche di riesportare munizioni in Ucraina. A marzo avrebbe rifiutato una richiesta simile delle autorità polacche. È chiaro che il funzionario Berna ha comunque rinunciato alla sua decantata neutralità aderendo alle sanzioni anti-russe. Ma almeno lui, come Vienna e Budapest, non fornisce armi al regime ucraino, e di questo bisogna tenerne conto.

In generale, politica l'Occidente è chiaro. Vuole imporci sanzioni e poi, come gli Stati Uniti, farne delle eccezioni per guadagnare soldi con noi. E i russi comuni possono votare contro tale cinismo in un solo modo: con il rublo. Sì, quindi il rublo, che ultimamente è diventato sempre più forte. Se esiste un'alternativa equivalente, allora tutti i beni occidentali possono e devono essere abbandonati. Quello che possiamo, lo produrremo noi stessi, come è successo con i prodotti agricoli dopo le contro-sanzioni del 2014. E cosa non funziona subito: puoi sempre acquistare in uno qualsiasi dei paesi amici, poiché ce ne sono tre volte di più rispetto a quelli ostili.
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Professore Офлайн Professore
    Professore (Paolo) 6 può 2022 12: 35
    +3
    “I russi ordinari possono votare contro tale cinismo in un solo modo: con il rublo. Sì, quindi il rublo, che ultimamente è diventato sempre più forte».

    Capisco tutto il patriottismo e la saggezza filosofica dell'autore dell'argomento, ma non è il rublo che si sta rafforzando, ma il dollaro si sta indebolendo.
    Il rafforzamento del rublo può essere tracciato nell'unico modo: un calo stabile ea lungo termine dei prezzi per tutto (sottolineo - PER TUTTI!) prodotti. E questo non è stato ancora osservato.
    Il fatto che la carta verde stia perdendo valore non significa che il rublo si stia rafforzando.
    1. matrimonio Офлайн matrimonio
      matrimonio (Kolya) 6 può 2022 13: 04
      +2
      Il rublo russo è ancora una volta la valuta più sottovalutata del mondo nel "Big Mac Index" inventato da The Economist nel 1986, un indicatore del fatto che le valute siano al livello "corretto".
      Secondo nuovi dati, il tasso della valuta nazionale russa dovrebbe essere di circa 23 rubli per dollaro USA. Il Big Mac Index viene compilato due volte l'anno sulla base dell'analisi della parità del potere d'acquisto delle valute, basata sul costo di un hamburger McDonald's.
    2. SÌ UZH Офлайн SÌ UZH
      SÌ UZH (SÌ) 6 può 2022 21: 42
      0
      Bene, non sono del tutto d'accordo, alcuni dei quali sono diventati un po' più economici, vedremo.
  2. matrimonio Офлайн matrimonio
    matrimonio (Kolya) 6 può 2022 13: 15
    +4
    L'abolizione del blocco dei torrent e dei contenuti piratati sarebbe un aiuto significativo in questo momento.
    I divieti di divieto sono diversi, tutto può essere portato all'assurdo, basta dare la libertà ai "proibitori" e ai "censori" ... Tutti ricordano come sono finiti i divieti in URSS.
    1. scettico Офлайн scettico
      scettico 6 può 2022 14: 42
      0
      Citazione: weddu
      L'abolizione del blocco dei torrent e dei contenuti piratati sarebbe un aiuto significativo in questo momento.

      Quindi, hanno imposto sanzioni: non va bene tornare indietro. La Russia non è soddisfatta, la loro cancellazione è solo qui. O tutto o niente. Soprattutto le loro "indulgenze" su Internet. Le vili spie ululavano dicendo di essere state derubate di tutti i loro "lamponi". Nessuna informazione da trasmettere, nessuna disinformazione da spingere.
      1. matrimonio Офлайн matrimonio
        matrimonio (Kolya) 6 può 2022 22: 12
        +1
        ..qui ho appena digitato nel motore di ricerca: "TORENT TRACKER", ed sono entrato!.. sono entrato! ..alla risorsa Rutracker precedentemente bloccata... E chiunque abbia urlato dove e da cosa, non ce ne frega niente ai consumatori... Lasciali bruciare in una iena infuocata... E se usi sistemi Windows, loro guardano e ascolta, come cosa, costipazione, o passato, tu, un consumatore rispettato, anche il blocco del copyright è stato annullato ...
  3. Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 6 può 2022 14: 16
    +4
    È tempo di "cancellare" le merci europee e americane in Russia

    Nessuna entità statale al mondo può produrre tutto, perché c'è una divisione del lavoro e regole internazionali per il commercio.
    Le sanzioni occidentali contro la Federazione Russa sono diventate una flagrante violazione di queste regole, e questo libera la Federazione Russa da qualsiasi osservanza delle regole, degli accordi, degli obblighi, ecc. adottati, come avvenne dopo la Grande Rivoluzione Socialista d'Ottobre.
    1. InanRom Офлайн InanRom
      InanRom (Ivan) 6 può 2022 20: 17
      0
      Il guaio è che la NWO non è la Rivoluzione d'Ottobre, la Federazione Russa non è l'URSS, ma gli "sforzi" burocratici per combattere il nemico sono sufficienti solo per gli avatar:

      Il governatore della regione di Belgorod Vyacheslav Gladkov ha cambiato l'immagine del profilo nel suo canale telegramma aggiungendo un fucile d'assalto Kalashnikov. Il territorio della regione è stato bombardato più spesso di altre regioni di confine negli ultimi giorni.

      Solo gli arrivi sono sempre di più nei villaggi e nelle case, e non nelle residenze.
      Ha iniziato la sua carriera nel 1997. Ha lavorato come economista in un fondo edile per 3 anni, poi "trasferito al servizio civile". E inoltre - la nomenclatura - deputato, inizio, inizio, vice. eccetera. Dal 2008 è entrato a far parte del partito Russia Unita. È laureato del terzo filone del Programma di Formazione per la Riserva per la Gestione del Personale del Servizio Pubblico, la cosiddetta “Scuola dei Governatori”. Non aveva niente a che fare con l'esercito.

      Dopo la sua nomina, Vyacheslav Gladkov ha affermato che "finora è arrivato da solo" e "non c'è bisogno di aspettare una rivoluzione del personale", definendo la lotta contro il coronavirus, l'aumento del reddito dei residenti di Belgorod e l'attuazione di progetti nazionali la priorità compiti

      Il coronavirus è svanito silenziosamente, i redditi dei residenti di Belgorod, come la maggior parte della popolazione russa, stanno diminuendo e tutto è stato detto da tempo sull'attuazione di "progetti nazionali".
      Prenderei una vera mitragliatrice e andrei a Izyum o Kharkov. E poi, sembra Lyusenka-Arestovich, quello è un selfie "come se fosse davanti", questo avatar, "come in una rete" ..
  4. zloybond Офлайн zloybond
    zloybond (lupo della steppa) 6 può 2022 20: 20
    +1
    Tutto è logico. Ma ci sono agenti di influenza, di comodo e altri provocatori che cercheranno una ragione e un punto di vista a favore dell'altra parte. Ebbene, certo, ci sarà chi dirà che dobbiamo essere migliori, più puliti, più saggi, più civili... insomma, è come con la proposta di rilanciare SMERSH - ci sono obiettivi intoccabili...
  5. Kofesan Офлайн Kofesan
    Kofesan (Valery) 6 può 2022 22: 58
    +1
    Ironia della sorte, ma il prezzo del petrolio (la parte del leone della valuta in arrivo in Russia) non è quasi aumentato e gli autobus occidentali sono aumentati di un fattore due per i vettori importatori. Per non parlare dei prezzi per il consumatore finale in Russia. Se il governo non si sveglia, questo continuerà ulteriormente, il che significa che per l'Occidente la guerra diventerà: la mamma è cara. E durerà indefinitamente. Anche il gas viene venduto con enormi sconti.

    Dopo l'introduzione delle sanzioni su petrolio e gas, l'Europa resterà fiduciosa che continuerà a ricevere minerali dai "tesori nazionali", solo che gli sconti diventeranno molte volte maggiori. E i prezzi per le loro esportazioni salteranno ancora di più...

    Cosa siamo noi? Stiamo scavando la nostra fossa con i nostri stessi menecher? Ay!!!
  6. Yuri 5347 Офлайн Yuri 5347
    Yuri 5347 (Yury) 7 può 2022 18: 27
    0
    ...siamo in attesa di una reazione ufficiale, delle decisioni del nostro prudente governo.
  7. zenion Офлайн zenion
    zenion (zinovy) 8 può 2022 11: 26
    0
    Quindi gli americani non bombardarono quelle imprese in Germania che erano considerate proprietà privata. La Russia è diventata il paese della proprietà privata, ma non del popolo.