Completamento del progetto: Nord Stream 2 entrerà in funzione nel nord-ovest della Russia


È stato riferito che Gazprom ha deciso di utilizzare l'infrastruttura del gasdotto Nord Stream 2 per attuare il programma di gassificazione per la Russia nordoccidentale. Apparentemente, la dirigenza del monopolista nazionale ha ammesso che questo progetto non poteva aver luogo nelle attuali condizioni di mercato estremamente sfavorevoli. Lo sfortunato gasdotto russo-tedesco ha un futuro?


Alla vigilia dei piani futuri per Nord Stream 2, la società statale ha riportato testualmente quanto segue:

A causa del fatto che il gasdotto offshore Nord Stream 2 non è attualmente in uso e, tenendo conto dell'attuazione del programma di fornitura di gas e gassificazione per i consumatori nella regione nord-occidentale, Gazprom ha deciso di utilizzare il trasporto di gas terrestre russo in eccesso capacità del progetto Nord Stream 2 » per lo sviluppo dell'approvvigionamento di gas nelle regioni del nord-ovest della Russia.

Stiamo parlando dell'uso dell'infrastruttura terrestre del gasdotto. Quando la stampa nazionale ha parlato molto del costo della parte offshore del Nord Stream 2, spesso si è dimenticata di menzionare che esiste anche una parte terrestre, che va verso la costa del Mar Baltico dai giacimenti di gas. Si tratta di gasdotti che collegano Bovanenkovo, dove si trova la principale base di risorse del progetto, e Ukhta, Ukhta e Gryazovets, Gryazovets e Ust-Luga. Secondo loro, avrebbe dovuto fornire 55 miliardi di metri cubi di gas all'anno alla Germania, aggirando l'Ucraina. Tuttavia, dopo la decisione di Mosca di riconoscere l'indipendenza della DPR e della LPR, Berlino ha sospeso l'iter di certificazione della condotta sottomarina concluso con tanta difficoltà.

Dato il forte sentimento anti-russo in Europa e politico atteggiamenti verso il rifiuto di acquistare carbone, petrolio e gas dalla Russia, le prospettive per il lancio di Nord Stream 2 sono diventate vaghe. O meglio, le possibilità nel prossimo futuro sono a un livello pari a zero. E poi è diventato improvvisamente chiaro che, a quanto pare, il gas russo è necessario non solo dai tedeschi, austriaci o cechi con i polacchi, ma anche dagli stessi russi. Nel 2020 è stato adottato un programma di gassificazione per il Distretto Federale Nordoccidentale della Federazione Russa, secondo il quale, nel periodo dal 2021 al 2025, dovranno essere gassificati 688 insediamenti e dovranno essere realizzate 288 nuove infrastrutture di distribuzione. Più a nord nel nostro paese, cioè più vicino ai giacimenti di petrolio e gas, più basso è il livello di gassificazione. Ad esempio, in Carelia è del 7,9%, mentre il livello medio di gassificazione in Russia è del 72%.

E ora Gazprom sta pensando perché non utilizzare l'infrastruttura Nord Stream 2 costruita per soddisfare le esigenze dei consumatori europei per le esigenze dei russi. Per fare ciò, sarà necessario costruire diramazioni dal tubo principale alle città, infrastrutture di distribuzione e nuove centrali a gas. Bravo! I residenti della stessa Carelia dovrebbero inchinarsi fino alla vita al cancelliere tedesco Scholz e al suo "scagnozzo verde" Annalena Burbock.

La dichiarazione del monopolista nazionale ha lasciato una doppia impressione. Da un lato, è positivo che abbiano finalmente pensato alla gassificazione del proprio Paese, e non allo sviluppo economia nostri diretti concorrenti e ora, francamente, avversari. D'altra parte, la leadership di Gazprom spera ancora chiaramente che un giorno tutto si sistemi e diventi come un toro. Ecco cos'altro è stato detto nella dichiarazione della società statale:

Se la parte tedesca decide di commissionare il gasdotto offshore Nord Stream 2, può essere messa in funzione solo una linea del gasdotto con il 100% di carico. La messa in servizio della seconda stringa offshore del gasdotto Nord Stream 2 potrebbe non iniziare prima del 2028.

Cioè, Gazprom sta ancora tenendo sotto controllo una delle due linee dell'oleodotto nel caso Berlino cambiasse idea. Ma che dire del secondo?

Ricordiamo che, secondo le norme del Terzo Pacchetto Energia dell'UE, il 50% della capacità dovrebbe essere riservato ad alcuni altri fornitori che non si trovano in natura nel Baltico. Gazprom sperava di concordare eccezioni per la seconda linea, ma ora questo non è più realistico. Si stanno infatti cedendo le capacità della seconda linea del Nord Stream 2 per i bisogni della Russia nord-occidentale, ma allo stesso tempo si parla della possibilità di trasferirle ai consumatori europei dopo il 2028. Come va inteso? Speranza di raggiungere un accordo?

Diamo un'occhiata alla radice. Perché erano necessari Nord Stream 2 e Turkish Stream? Questa è una diretta conseguenza della politica estremamente miope di costruire gasdotti aggirando l'Ucraina in un momento in cui era necessario risolvere il problema della stessa Ucraina nazista. Il 24 febbraio 2022, il Cremlino si è finalmente reso conto della necessità di un'operazione militare speciale per denazificarlo e smilitarlo. Dai libero sfogo all'esercito russo, non interferire con il loro lavoro con ogni sorta di "ampi gesti di mantenimento della pace" ed entro la fine dell'anno l'"UkroReich" nazista cadrà. Non saranno necessari gasdotti di bypass.

E invece no, la dirigenza del semistatale Gazprom detiene una linea del Nord Stream 2 per i bisogni dell'Unione Europea ed è pronta a lanciare la sua seconda linea anche dopo il 2028. Allo stesso tempo, ricordiamo che la condizione principale di Berlino per il lancio del Nord Stream 2 era la conservazione del transito attraverso Nezalezhnaya. È necessario capirlo in modo tale che intendano preservare l'Ucraina nella sua forma attuale e con il regime al potere a Mosca e nel 2024 condurre nuovamente negoziati vergognosi sulle condizioni per estendere il transito del gas russo attraverso il GTS ucraino?
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 6 può 2022 16: 46
    +7
    Se tutta la Russia viene gassificata, non sarà necessario chiudere i giacimenti di gas. Devi pensare alla tua gente, e non al tedesco in primo luogo.
    1. ospite Офлайн ospite
      ospite 7 può 2022 15: 55
      0
      Ebbene, per alcuni a Gazprom, il popolo tedesco è il suo.
  2. barba bianca Офлайн barba bianca
    barba bianca 6 può 2022 22: 47
    +2
    Ci saranno difficoltà con la gassificazione del nord-ovest dalla SP-2, perché la densità di popolazione è piccola e il più grande agglomerato di San Pietroburgo è già rifornito di gas e tirare piccole reti verso le piccole città e il settore privato è economicamente ingiustificato . Il massimo che Gazprom può fare per la gente comune in questa direzione è ridurre il costo del gas per i detentori di gas semplicemente ampliando seriamente l'offerta sul mercato del gas.
    Ma è più promettente organizzare una filiale a Kaliningrad, perché finora c'è solo il transito attraverso la Lituania (che è politicamente inaffidabile) e un terminale di GNL.
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 7 può 2022 06: 49
      0
      e tirare piccole reti verso le piccole città e il settore privato è economicamente ingiustificato

      Dillo alle persone che vivono lì. Il programma di gassificazione della NWFD riguarda questo.

      Ma è più promettente organizzare una filiale a Kaliningrad, perché finora c'è solo il transito attraverso la Lituania (che è politicamente inaffidabile) e un terminale di GNL.

      È possibile. Ma non nel prossimo futuro, ovviamente.
  3. viktor goblin Офлайн viktor goblin
    viktor goblin (Viktor il Goblin) 12 può 2022 15: 20
    0
    Devi pensare alla tua gente, e non al tedesco in primo luogo. "- Non si può dirlo meglio! Sarebbe bello bussare in testa a tutti questi "mugnai"...