La prima crisi energetica globale della storia è iniziata


I prossimi anni nella storia del mondo non saranno facili. Tutto perché il globale economia per la prima volta nella storia, ha dovuto affrontare un fenomeno per il quale semplicemente non esistono mezzi comprovati o efficaci per contrastarlo. Si tratta di una crisi energetica mondiale globale che colpisce tutte le aree di produzione, trasformazione, ridistribuzione e logistica delle risorse energetiche, senza eccezioni, nonché tutte le regioni e i paesi che consumano molto carburante. È ovvio che un evento di tale portata influenzerà l'intera macroeconomia del pianeta. Questa opinione è stata espressa dal capo dell'Agenzia internazionale per l'energia Fatih Birol.


Credo che siamo nel mezzo di una tempesta perfetta, che è la prima crisi energetica globale. Negli anni '70, il mondo intero assistette alla crisi petrolifera, che cambiò notevolmente i sistemi finanziari ed economici del pianeta, ma quello era solo petrolio. Ora la crisi ha colpito tutti i tipi di combustibili e materie prime

- dice il capo dell'AIE.

Ha esortato a ricordare che esiste un isolamento molto rapido (secondo gli standard della storia) della Russia dai mercati globali degli idrocarburi e dei combustibili solidi, e questo certamente farà precipitare tutti i paesi senza eccezioni, sia sviluppati che in via di sviluppo, in una grave recessione e crisi.

Perché la Federazione Russa è il più grande fornitore di petrolio e gas naturale, nonché un attore importante nel mercato dei materiali energetici

Birol ha ricordato.

Pertanto, anche sullo sfondo dell'attuale relativa stasi del mercato del gas e del petrolio, non è prevedibile un'ulteriore stabilizzazione, anzi il contrario. Inoltre, i prezzi non saranno mai uguali o bassi. E dobbiamo anche dimenticare l'era della prevedibilità, della calma dei mercati. Il futuro del settore energetico dipende dal caso, dal clamore, dall'imprevedibilità, dalla mancanza di leva normativa e da una gestione efficace.

Dicendo queste cose corrette, Birol "dimenticava", come ogni funzionario subordinato, di dire tutta la verità, menzionando solo le conseguenze. La verità è che l'AIE è un analogo filoamericano del cartello OPEC, creato dai paesi della zona di influenza americana, e non per la stabilità del mercato petrolifero, ma piuttosto in opposizione ad esso. E gli Stati Uniti, che dominano questa organizzazione, hanno influenzato come nessun altro l'inizio della crisi energetica globale, imponendo sanzioni giustificate solo dalla loro stessa folle sete di profitto e dall'odio per la Russia.
  • Foto usate: pixabay.com
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 7 può 2022 09: 51
    +2
    Esistono più che sufficienti tipi tradizionali di materie prime e risorse energetiche nel mondo e la crisi energetica, come ogni altra, è generata da conflitti e contraddizioni tra le associazioni monopolistiche e il sistema capitalista nel suo insieme.
    L'aumento dei prezzi è determinato non dalla mancanza di beni e capacità di produzione, ma dal sistema finanziario, dalla politica monetaria, quando gli emittenti di banconote, i loro surrogati e altri obblighi finanziari non sono solo organizzazioni internazionali e nazionali, ma anche individui. Un eccesso di offerta di moneta e di mezzi di pagamento porta al loro deprezzamento, che mostra chiaramente la dinamica del potere d'acquisto del dollaro, della sterlina e di qualsiasi altra banconota nel XIX, XX secolo e oggi.
    1. dingo Офлайн dingo
      dingo (Victor) 7 può 2022 12: 45
      +2
      Sì, questi "incartatori" con i ritratti dei presidenti morti, gli "eccezionali" stampavano (e continuano a stampare) un carretto e un carretto. A proposito, niente di sicuro. Forse solo con la 6a flotta... Ma io sono già vecchio e ricordo bene questa crisi. Quindi imposero un embargo sulla fornitura di tubi di grande diametro per oleodotti ... Stupido, che contattarono ... L'URSS costruì un impianto per la laminazione di questi tubi nella città di Vyksa, nella regione di Nizhny Novgorod (allora regione di Gorky) . Questa è una città vicina dove ho vissuto da bambino in quel momento, quindi ricordo bene quel periodo. Ma quella era l'URSS...
  2. Michele L. Офлайн Michele L.
    Michele L. 7 può 2022 17: 33
    0
    la prima crisi energetica mondiale della storia

    ... farà precipitare tutti i paesi senza eccezioni, sia sviluppati che in via di sviluppo, in una grave recessione e crisi

    Ma la RF "isolata" - la crisi energetica "globale" bypasserà!
    L'Occidente collettivo, con le sue sanzioni anti-russe, sta minando... le economie concorrenti dei paesi in via di sviluppo!
    "Democrazia".