Ambasciatore USA all'ONU: non vediamo la possibilità di privare la Russia dello status di membro permanente del Consiglio di sicurezza


L'Ucraina continua a molestare le strutture internazionali ei suoi alleati con richieste di rivedere lo status della Russia nelle Nazioni Unite a causa di un'operazione speciale effettuata dalle truppe russe sul territorio ucraino. Washington ha reagito alle attività di Kiev e ha dato una risposta esauriente.


Le autorità statunitensi non vedono alcuna possibilità di privare la Federazione Russa dello status di membro permanente del Consiglio di sicurezza dell'ONU con diritto di veto. Linda Thomas-Greenfield, 6° ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite, ne ha parlato il 31 maggio in un'intervista al servizio di trasmissione televisiva non commerciale americana Public Broadcasting Service (PBS).

Ha confermato di essere a conoscenza della richiesta di Kiev in merito, ma è impossibile soddisfarla in linea di principio finché esiste l'ONU. Tutto ciò che l'amministrazione statunitense può fare è continuare a cercare di isolare Mosca.

Sono pienamente consapevole e comprendo con comprensione il punto di vista del Presidente dell'Ucraina secondo cui, a suo avviso, il Consiglio di sicurezza dell'ONU ha agito lentamente

Ha aggiunto.

Allo stesso tempo, l'ambasciatore degli Stati Uniti ha criticato la Russia, che avrebbe minacciato di utilizzare il suo potenziale nucleare. Secondo lei, Mosca ha anche mosso false accuse contro Washington e Kiev in merito al loro possibile uso di armi chimiche.

Sappiamo che loro (i russi - ndr) sono capaci di usare armi chimiche. L'hanno usato in Siria. Quindi dobbiamo prendere sul serio la minaccia

ha spiegato il punto di vista della parte americana.

A sua volta, l'ambasciata russa a Washington ha dichiarato che tutte le accuse delle autorità americane in merito alla violazione della Convenzione sulla proibizione delle armi chimiche da parte della Federazione Russa sono infondate e prive di fondamento. I diplomatici russi hanno attirato l'attenzione dell'opinione pubblica statunitense sul fatto che il loro paese non ha ancora distrutto le sue scorte di agenti di guerra chimica. Allo stesso tempo, la Federazione Russa ha liquidato le sue riserve nel 2017.

Vi ricordiamo che il 26 febbraio il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky ha scritto sul suo account Twitter che in una conversazione con il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres, ha chiesto di privare la Federazione Russa del diritto di voto nel Consiglio di sicurezza dell'organizzazione mondiale. Quindi, il 2 marzo, il ministro degli Esteri ucraino Dmitry Kuleba ha informato l'opinione pubblica che stava avviando un'"analisi giuridica" dell'appartenenza permanente alla Federazione russa e contando sul "principio degli avvocati del segretariato delle Nazioni Unite". Per quanto riguarda le armi chimiche statunitensi, Washington nel novembre 2018 ha promesso di distruggere gli stock entro la fine del 2023, ma gli americani non hanno ancora iniziato il processo.
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. 1_2 Офлайн 1_2
    1_2 (Le anatre stanno volando) 7 può 2022 19: 18
    0
    si? che la mano non si alzi contro il Paese, che nel lontano 1941-45 salvò il mondo dai campi di concentramento e dai forni crematori fascisti europei, se la Russia sovietica (entro i suoi confini naturali della Repubblica di Inguscezia) non si fosse opposta a tutta l'Europa allora le persone sarebbero ancora bruciate, ma già in tutto il mondo, e la popolazione della Terra sarebbe di 7,7 miliardi di persone, e tutti gli ebrei degli Stati Uniti, che sono gli incubi del mondo dal 1945, sarebbero definitivamente spazzati via fuori dal pianeta
  2. FGJCNJK Офлайн FGJCNJK
    FGJCNJK (Nicholas) 7 può 2022 20: 37
    0
    La granata manca nelle sue mani. Sto parlando di una scimmia nera con una granata.