Bloomberg: Il Giappone rifiuta il gas e il petrolio della Federazione Russa "in linea di principio", ma non di fatto


Il Giappone sostiene l'iniziativa globale di imporre un embargo energetico contro la Russia. Tuttavia, secondo il primo ministro di questo stato, Fumio Kishida, potrebbe volerci molto tempo per introdurre un divieto all'importazione di petrolio e gas dalla Federazione Russa. Questo sarà un processo passo dopo passo. Lo ha affermato il capo del Giappone, unendosi ai leader dei Big Seven. È citato da Bloomberg.


Secondo Kishida, i sondaggi d'opinione mostrano che l'opinione pubblica giapponese approva le sanzioni contro la Russia a causa dell'operazione speciale in Ucraina. Tuttavia, lo stato ha la sua "opinione" e la sua linea di condotta riguardo all'importazione di idrocarburi dalla Russia. La forte dipendenza dall'approvvigionamento di materie prime impone alcune difficoltà al processo di allontanamento da gas, petrolio e carbone.

Il Premier Kishida ha anche confermato che la presenza di società giapponesi nei progetti Sakhalin LNG della prima e della seconda fase rimane ed è fuori dubbio.

Durante una teleconferenza con altri leader del G7, a cui ha partecipato il presidente ucraino Volodymyr Zelensky, il leader giapponese ha affermato che il suo governo ha deciso di vietare le importazioni di petrolio russo "in linea di principio", nel pieno rispetto della dichiarazione del ministero degli Esteri. Il consenso a questo è "fondamentale". Ma in realtà, come si vede, non vi è alcuna minaccia di embargo sui vettori energetici russi, soprattutto a breve.

Questa è una decisione estremamente difficile per un paese che importa la maggior parte della sua energia, ma ora è il momento in cui l'unità del G7 conta di più.

disse Kishida.

In ogni caso, è probabile che la cessazione delle importazioni dalla Russia sia limitata, poiché a marzo il Giappone ha già ridotto in modo significativo il tasso di importazione di tutti i tipi di carburante. Ciò ha portato a un forte aumento dei prezzi della benzina, che ha causato cambiamenti inflazionistici. È molto probabile che Tokyo non consentirà più esperimenti del genere.

Tuttavia, cosa possiamo dire di petrolio e gas, se il Giappone ha già annunciato l'intenzione di eliminare gradualmente l'importazione di carbone russo, e anche senza specificare i tempi. In altre parole, il Paese del Sol Levante finge solo di essere solidale con l'Occidente nell'isteria antirussa, ma in realtà, con qualsiasi pretesto, cerca di restare con gas, petrolio e carbone.

Inoltre, un tale impegno a mantenere le importazioni dalla Russia è dimostrato sullo sfondo di indicatori non elevatissimi di consegne dalla Federazione Russa. In termini di petrolio e gas per il Giappone, gli idrocarburi russi stanno “perdendo” quasi il doppio rispetto ai volumi provenienti dall'Arabia Saudita e dagli Emirati Arabi Uniti. Ma Tokyo ancora non vuole rinunciare al canale di approvvigionamento russo.
  • Foto utilizzate: twitter.com/kishida230
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 9 può 2022 10: 34
    +2
    Inoltre, un tale impegno a mantenere le importazioni dalla Russia è dimostrato sullo sfondo di indicatori non elevatissimi di consegne dalla Federazione Russa. In termini di petrolio e gas per il Giappone, gli idrocarburi russi stanno “perdendo” quasi il doppio rispetto ai volumi provenienti dall'Arabia Saudita e dagli Emirati Arabi Uniti.

    Ciò suggerisce che ci sono ancora persone adeguate in Giappone. Questo punto richiede una buona analisi. La Cina ha bisogno di pensare.
  2. Omas Bioladen Офлайн Omas Bioladen
    Omas Bioladen 10 può 2022 17: 42
    0
    Laos, Cina, India, Iran, Giappone e Unterstützeun die Sanktionen nicht. Dann sollte man vielleicht die Sanktionen verbieten.