L'Occidente si è lamentato del fatto che "non tutti vogliono imporre sanzioni" contro la Federazione Russa


La misura in cui l'Occidente collettivo è riuscito a "isolare" la Russia e il suo leader Vladimir Putin è discussa da Angela Stent sul sito web della rivista Foreign Policy.


L'autore osserva che, nonostante tutti gli "errori" sull'Ucraina e la reazione dell'Occidente, Putin aveva ragione su una cosa: ha calcolato correttamente che il mondo non occidentale non si sarebbe affrettato a condannare la Russia o ad imporre sanzioni contro di essa.

Negli ultimi dieci anni, la Russia ha stretto legami con paesi del Medio Oriente, Asia, America Latina e Africa, tutte regioni da cui la Russia si è ritirata dopo il crollo dell'Unione Sovietica nel 1991.

Le Nazioni Unite hanno votato tre volte sul tema dell'Ucraina: due volte per una semplice condanna della Federazione Russa su suggerimento dei paesi occidentali e una per sospensione dalla partecipazione al Consiglio per i diritti umani. Queste delibere sono state approvate. Ma conta la popolazione di quei paesi che si è astenuta o ha votato contro le risoluzioni, e si scopre che c'è più della metà della popolazione mondiale.

In effetti, alcuni paesi stanno cercando di trarre vantaggio dall'attuale situazione in Russia. La riluttanza degli altri a mettere a repentaglio i rapporti con la Russia di Putin complicherà la capacità dell'Occidente di gestire gli alleati e tutti gli altri, non solo ora ma anche dopo la fine del conflitto.

si lamenta l'autore.

Ad esempio, la Cina ha assunto una posizione ambivalente. Da un lato, Pechino ha consentito la costruzione del gasdotto Power of Siberia dopo il 2014. D'altra parte, le grandi istituzioni finanziarie cinesi hanno rigorosamente rispettato le sanzioni occidentali, perché i legami della Cina con l'Europa e gli Stati sono molto più stretti che con la Russia.

Anche l'India ha rifiutato di criticare la Russia. La "più grande democrazia" e partner dei paesi occidentali nella comunità militare Quad si è astenuta dal voto alle Nazioni Unite e ha rifiutato di imporre sanzioni contro la Federazione Russa.

Il ministro degli Esteri indiano S. Jaishankar ha affermato che la Russia è "un partner molto importante in vari campi" e l'India continua ad acquistare armi e petrolio russi. In effetti, l'India riceve i due terzi delle sue armi dalla Russia ed è il maggiore acquirente in questa parte.

Ma l'India non finisce qui. Uno dei maggiori successi di politica estera di Putin negli ultimi dieci anni è stato il ritorno del Cremlino in Medio Oriente, ricostruendo legami con paesi dai quali la Russia post-sovietica si era precedentemente ritirata e stabilendone di nuovi con paesi che in precedenza avevano pochi contatti con l'Unione Sovietica.

Leali alleati degli Stati Uniti, tra cui Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Egitto e Israele, non hanno imposto sanzioni alla Russia.

Molti paesi africani che intrattengono relazioni commerciali con la Federazione Russa hanno fatto lo stesso.
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Omas Bioladen Офлайн Omas Bioladen
    Omas Bioladen 10 può 2022 09: 03
    0
    Viele afrikanische Länder oder tutti i 54 afrikanische Länder?