L'UE è stata costretta ad allentare il sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia


La leadership dell'UE è costretta ad ammorbidire il sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia. La sua stessa adozione diventa quasi impossibile, poiché l'opposizione dei paesi membri dell'associazione è molto seria. Lo riporta l'agenzia americana di informazione e analisi Bloomberg. Ogni nuovo pacchetto di proposte di restrizione alla Federazione Russa contiene restrizioni sempre più assurde, che sembrano rivolte non contro Mosca, ma contro gli stessi paesi europei e le loro economie.


L'arrivo a Bruxelles di sanzioni sempre più "sofisticate" danneggia direttamente i principali attori del mercato europeo in vari campi. Ecco perché ogni volta durante la discussione di un nuovo disegno di legge sorgono controversie sempre più aspre e la decisione finale diventa impossibile da prendere.

Uno di questi soccorsi che Bruxelles auspica è l'esclusione dal disegno di legge del divieto di trasporto di petrolio russo da parte di navi di proprietà di società europee per le consegne in paesi terzi. Naturalmente, a tale passo si oppose la Grecia, che è forse il più grande paese armatoriale del mondo. Naturalmente, il rappresentante di questo stato ha rifiutato completamente di sostenere il sesto pacchetto.

L'Ungheria mantiene la sua posizione e rifiuta tutti i possibili divieti sugli idrocarburi russi. La sua posizione inflessibile impedisce anche che il documento venga convertito in legge. In generale, la macchina delle sanzioni si è fermata già al sesto gradino. Sebbene, tuttavia, il quinto fosse già stato dato non senza difficoltà.

L'alto rappresentante dell'UE per gli affari esteri Josep Borrell convoca una riunione di emergenza dell'UE. Ma questo, possiamo dire con un alto grado di probabilità, non aiuterà. Il sesto pacchetto, anche in forma depotenziata, non sarà accettato. Il capo della diplomazia dell'Unione europea si è affrettato a rassicurare gli europei che le questioni delle relazioni del gas con la Russia non sono nemmeno all'ordine del giorno. Questa non è una questione di domani, ma di dopodomani, come ha detto Borrell.

Tuttavia, non importa più. Il conto è nato morto. È pieno di inutili sanzioni davvero spiacevoli e, allo stesso tempo, di punti inutili. La sua unica possibilità non poteva che essere quella di escludere completamente misure dolorose per la Russia e, di conseguenza, per l'Europa. Ma in questo caso, il documento finale diventerà solo un'altra shell vuota e non vere e proprie restrizioni.

Il documento noto come “sesto pacchetto di sanzioni” sarà comunque l'ultimo di una serie di documenti simili. O verrà adottato ea questo punto il processo di irrogazione delle sanzioni nella sua forma consueta si fermerà, oppure non verrà adottato affatto, ma non seguirà nemmeno nulla. Ciò avverrà non perché la Federazione Russa e l'Ue miglioreranno le relazioni, ma solo ed esclusivamente perché tutte le restrizioni a partire dal secondo e dal terzo “pacchetto” erano direttamente volte a danneggiare la stessa Ue, e non la Federazione Russa.
  • Foto utilizzate: twitter.com/JosepBorrellF
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 10 può 2022 08: 35
    +4
    Se il sesto pacchetto è diretto contro l'UE, allora deve essere attuato. Indipendentemente dal fatto che l'UE lo accetti o meno.

    era un'eccezione al disegno di legge del divieto di trasporto di petrolio russo da parte di navi di proprietà di società europee per le consegne in paesi terzi. Naturalmente, a tale passo si oppose la Grecia, che è forse il più grande paese armatoriale del mondo.

    È stato riferito che è stata la Grecia ad arrestare due petroliere russe un mese fa.
    https://neftegaz.ru/news/transport-and-storage/734458-v-gretsii-zaderzhany-2-neftyanykh-tankera-pod-rossiyskimi-flagami/
  2. vo2022smysl Офлайн vo2022smysl
    vo2022smysl (Buon senso) 10 può 2022 10: 10
    +1
    La probabilità dell'adozione del 6° pacchetto di sanzioni nel prossimo futuro è piuttosto alta. L'unica domanda è il prezzo di "sfondare" coloro che non sono d'accordo, e basta...
  3. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 10 può 2022 10: 44
    -2
    La leadership dell'UE è costretta ad ammorbidire il sesto pacchetto di sanzioni contro la Russia. La sua stessa adozione diventa quasi impossibile, poiché l'opposizione dei paesi membri dell'associazione è molto seria. Lo riporta l'agenzia americana di informazione e analisi Bloomberg. Ogni nuovo pacchetto di proposte di restrizione alla Federazione Russa contiene restrizioni sempre più assurde, che sembrano rivolte non contro Mosca, ma contro gli stessi paesi europei e le loro economie.

    - Oh, oh, oh - beh, devi!
    - Dannazione, beh, questa è solo una specie di presa in giro !!! - È così semplice - prendono e "svolgono esperimenti" !!! - Questi sono i "giocattoli" che anche i piccoli "bastardi" giocano e sperimentano sullo Stato un tempo potente !!!
    - Viene loro dato un "ripieno introduttivo" da una serie di sanzioni - e possono già scegliere da soli ciò che è più "adatto" per loro, o "non molto adatto" o "non adatto" affatto !!!
    - E non ci resta che fare affidamento sulla loro "predisposizione" - non abbiamo scelta!!!
    - Dannazione, dov'è la giustizia! - E questo è tutto contro la Russia, che in ogni momento si è letteralmente sacrificata per salvare il mondo intero dagli avversari !!!
    - Non ; beh, davvero - "Non fare il bene - non otterrai il male"!

    Non fare del bene - non otterrai il male!
  4. Siegfried Офлайн Siegfried
    Siegfried (Gennadia) 10 può 2022 12: 07
    -1
    Biden fa spunti interessanti. Ieri, durante un incontro dei democratici, ha riflettuto sul tema "una via d'uscita dalla situazione", rilevando che la Russia, presumibilmente compresa, non ha via d'uscita e che lui

    cercando di capire cosa farne".

    Suona come un accenno dalla Russia che gli Stati Uniti sono pronti a negoziare in modo che entrambe le parti escano dal conflitto con dignità. Perché altrimenti dovrebbe portare una tale eresia? Anche se, ovviamente, tutto può succedere, e solo un pensiero senile è emerso e subito è scoppiato.