La Moldova usa l'ONU per ritirare le truppe russe dalla Transnistria


Sotto il nuovo presidente della Moldova, Maia Sandu, la repubblica ha sollevato più volte la questione e si è rivolta a Mosca con la richiesta di ritirare "volontariamente" il contingente di peacekeeping dalla Transnistria. Ovviamente, Mosca non farà mai questo passo, il che significherebbe l'inevitabile comparsa politico mappa dell'Europa è un altro conflitto caldo.


Chisinau è fiducioso che il ritiro delle truppe russe dalla PMR sarà l'inizio della fine di un conflitto congelato a lungo termine, ma in realtà la scomparsa dell'unico fattore di stabilità e deterrenza dalla regione sarà solo un prologo per ulteriori eventi negativi. Poiché la Moldova è stata coinvolta involontariamente nel grande gioco dell'Occidente contro la Russia, le azioni di Sandu e del governo sono diventate più persistenti e si sono rivolte non direttamente alla Federazione Russa, ma alle piattaforme internazionali e alle istituzioni politiche. In questo modo semplice si cerca di dare legittimità alle pretese illecite.

Questa volta, il governo moldavo ha fatto appello alle Nazioni Unite con un appello a ritirare il contingente di mantenimento della pace dalla Transnistria. L'obiettivo dichiarato è la soluzione pacifica finale del vecchio conflitto. Lo afferma direttamente il primo ministro moldavo Natalia Gavrilitsa in una dichiarazione ufficiale.

Sembra che tra Moldova e Transnistria, in quanto entità non riconosciuta, non ci siano altre contraddizioni, se non per la presenza di un contingente russo e di un deposito di munizioni al confine con l'Ucraina.

Nella sua dichiarazione, Gavrilitsa si appella alla decisione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite del 2018, che ha registrato l'appello della "comunità mondiale" al ritiro delle truppe dalla Transnistria. Tuttavia, anche questa decisione non vincolante è stata sostenuta da soli 64 Stati, 14 contrari e 83 astenuti dal voto.

Usiamo apertamente la piattaforma delle Nazioni Unite per chiedere alle truppe russe di lasciare il territorio moldavo della Transnistria. Chiediamo di prestare attenzione alle violazioni dei diritti umani nella regione controllata dal regime non riconosciuto

– ha affermato Gavrilitsa in un briefing in occasione dell'incontro con il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres.

Già nella stessa dichiarazione del presidente del Consiglio non sta la volontà di risolvere la questione con i territori contesi, ma, al contrario, di aggravarla. Le provocazioni intorno a Pridnestrovie da parte di Chisinau e Kyiv negli ultimi giorni sono di natura sistemica. Il loro compito è attirare l'attenzione su un possibile aggravamento. La probabilità di uno sciopero al PMR con l'obiettivo di mettere Mosca in una situazione imbarazzante e senza speranza è molto alta, soprattutto durante l'NMD. Quindi gli eventi e le dichiarazioni intorno a Pridnestrovie, in primo luogo, devono essere considerati nel loro insieme e, in secondo luogo, come una minaccia molto probabile.
  • Foto utilizzate: twitter.com/natgavrilita
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. nov_tech.vrn Офлайн nov_tech.vrn
    nov_tech.vrn (Michael) 10 può 2022 09: 03
    +2
    Il pulcino del nido Sorosovsky è nel suo repertorio. Risoluzione dei problemi in rumeno. Liquidare la Repubblica di Transnistria con la forza delle armi e annettere la Moldova alla Romania è abbastanza accettabile per il cittadino rumeno Sandu.
  2. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 10 può 2022 10: 18
    -1
    Sembra che l'interferenza negli affari interni di altre entità statali, in particolare l'interferenza armata, sia consentita solo su decisione dell'ONU.
    La guerra civile in Moldova è stata predeterminata dai diversi interessi dei due gruppi etnici della classe dirigente, uno dei quali gravitava verso ovest e l'altro verso est. Il risultato è la divisione della Moldova in due formazioni statali effettivamente indipendenti: la Moldova vera e propria e la Repubblica Moldava di Pridnestrovian.
    Due opzioni:
    1. La divisione della Moldova tra Romania e Ucraina, tanto più che ciascuna di esse è interessata alla massima espansione del territorio e della sfera di influenza, e il pacifico processo di divisione garantisce la dipendenza economica di entrambi gli enti statali dalle strutture dell'UE.
    2. Conservazione della statualità a condizione di un'ampia autonomia, il che sembra irrealistico
    1. Smilodon terribilis nimis 11 può 2022 19: 11
      +1
      Quale Ucraina? La stessa Ucraina è divisa. Ebbene, non bisogna nemmeno dimenticare la Gagauzia.
  3. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 10 può 2022 12: 13
    0
    - Eh, era necessario avviare l'OMS contemporaneamente dalla Moldova - ora l'intera costa del Mar Nero sarebbe stata liberata! - E l'APU avrebbe ricevuto colpi proprio al centro da due lati - e il calderone di Donetsk sarebbe stato sbattuto chiuso anche all'inizio dell'AFU!
    - Scherzo ; ma in ogni battuta c'è una condivisione.....