Come la Russia può evitare di diventare una materia prima appendice del sud-est asiatico


Il sesto e il prossimo settimo pacchetto di sanzioni dell'UE dovrebbe, secondo l'idea dei loro autori, danneggiare il russo l'economia, privandola dell'opportunità di pagare un'operazione militare speciale per smilitarizzare e denazificare l'Ucraina, nonché per resistere efficacemente al blocco della NATO. Abbiamo problemi a medio termine, anche gravi, ma con la dovuta diligenza la Russia potrà trarre grandi benefici anche dalle misure restrittive introdotte nei suoi confronti.


Non è un segreto che la dipendenza dal settore petrolifero e del gas sia il vero tallone d'Achille della Russia. Si ritiene che sia il gas il nostro tutto, ma la quota reale delle esportazioni di gas nelle entrate del bilancio federale oscilla al livello del 6-7%. Il contributo principale alla ricostituzione del bilancio del paese è dato dalle esportazioni di petrolio: si tratta del 30% del totale. Cioè, la vendita di "oro nero" all'estero per l'economia russa è ancora più importante del "carburante blu", se si guardano i numeri. Allo stesso tempo, va tenuto conto del fatto che circa il 30% del gas prodotto nel Paese viene esportato e il resto viene consumato internamente. Per petrolio greggio e prodotti petroliferi, la proporzione è diversa: circa il 50% viene esportato e la seconda metà viene utilizzata per i propri bisogni. La raffinazione del petrolio nazionale rimane finora a un livello relativamente basso, la necessità di creare un sistema di strutture di stoccaggio per la riserva nazionale di petrolio è solo in discussione.

Occorre inoltre ricordare che il consumo di gas in Europa è storicamente legato alle forniture di gasdotti provenienti dalla Russia, che rappresentano circa il 40% del totale. È impossibile sostituirli semplicemente con il GNL, poiché sul mercato non ci sono volumi liberi di gas naturale liquefatto. È necessario aumentare drasticamente i volumi di produzione e lavorazione, il che significa costruire nuovi impianti GNL, numerose nuove navi cisterna GNL per consegnare le materie prime ai consumatori. Questa è una storia molto costosa e lunga.

Con il petrolio, la situazione è leggermente diversa. Rifiutarsi di fornire "oro nero" dalla Russia e sostituirlo con altri fornitori è un problema per l'UE che non è così grandioso come quello del gas. Le difficoltà non contano, dal momento che un certo numero di paesi europei si è storicamente concentrato specificamente sul petrolio russo e chiedono eccezioni alle norme del sesto pacchetto di sanzioni. Ungheria, Slovacchia, Repubblica Ceca e Bulgaria hanno ottenuto un notevole ritardo per se stesse, sperando chiaramente che "o il padishah morirà, o l'asino morirà". Gli Stati Uniti ei paesi dell'Europa occidentale a loro fedeli hanno deciso di rifiutarsi di acquistare petrolio e prodotti petroliferi russi, colpendo Mosca nel suo punto dolente.

Sorge una domanda logica: dove dovrebbe la Russia attaccare il suo "oro nero", che è stato fondamentalmente abbandonato in Occidente? La risposta non è così semplice come sembra a prima vista.

Da un lato, il commercio del petrolio russo si è ovviamente spostato nella "zona grigia". I nostri "partner" baltici hanno iniziato a consegnare schemi per "deboss" con l'obiettivo di un'ulteriore rivendita. Quindi, le petroliere con materie prime di idrocarburi dalla Russia giungono al porto di Ventspils lettone e lì lo versano in altre petroliere, mescolandolo con petrolio di diversa origine, in un rapporto da 50 a 50. Il "cocktail" risultante non è più considerato “petrolio russo”, e può commerciare liberamente.

In Cina, le società statali continuano a consumare regolarmente materie prime russe fornite con contratti a lungo termine, ma ora evitano di stipulare nuovi contratti spot per petrolio molto più conveniente. Allo stesso tempo, le società private più piccole hanno iniziato a lavorare attivamente nella "zona grigia", osserva il Financial Times britannico:

Gli acquisti di raffinerie private cinesi mostrano come alcuni importatori stiano aggirando le rotte tradizionali verso il petrolio russo a buon mercato, aiutando Pechino a rimanere in disparte mentre l'Occidente sbatte le sanzioni su Mosca.

In generale, il nostro Paese sta seguendo con fiducia la strada dell'Iran, che da decenni vive sotto il cofano delle sanzioni occidentali.

D'altra parte, la difficile situazione in cui si trova oggi la Russia viene sfruttata senza un minimo di coscienza da tutti i nostri partner commerciali. Quindi, l'India condizionatamente amichevole ha iniziato ad acquistare materie prime di idrocarburi russi con grande piacere. Allo stesso tempo, New Delhi chiede a Mosca sconti enormi e, va detto, li riceve.

Invece del mercato perduto americano ed europeo, gli esportatori nazionali devono prendere rapidamente piede nel mercato del sud-est asiatico. I volumi in eccesso di “oro nero”, che non possono essere lavorati o immagazzinati all'interno della Russia a causa della mancanza di un sistema nazionale di stoccaggio del petrolio di riserva, devono essere drenati all'insaziabile mercato asiatico e, soprattutto, indiano. Allo stesso tempo, i nostri partner chiedono che anche gli esportatori russi paghino le spese di spedizione. E pagano!

La situazione è davvero molto difficile. Solo una riforma dell'industria nazionale del petrolio e del gas può cambiarla. Se investi nella profonda lavorazione di petrolio e gas, il nostro paese sarà in grado di esportare materie prime non banali con un centesimo di profitto, ma prodotti della sua profonda lavorazione, per soldi completamente diversi. Il serio sviluppo dell'industria petrolchimica avrà un effetto molto benefico sullo stato dell'economia interna, consentendo alla Russia di liberarsi dell'etichetta di "appendice della materia prima", ora non dell'Occidente, ma del sud-est asiatico.
19 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 10 può 2022 11: 08
    +1
    Va ricordato che parte di questo è privato e parte è pubblico.
    e siccome nessuno ha cominciato a investire molto nella lavorazione, vuol dire che non è redditizia.

    Ci sono petroliere, ma in qualche modo non ho sentito le petroliere. Il petrolio è diventato più economico: la benzina è aumentata di prezzo, il profitto è andato nelle tasche di qualcuno ...
  2. Michele L. Офлайн Michele L.
    Michele L. 10 può 2022 12: 21
    +2
    Si può essere d'accordo con l'Autore solo in parte.
    Per liberarsi dell'etichetta di "appendice della materia prima": la Federazione Russa dovrebbe riformare il complesso petrolifero e del gas solo nel contesto della completa sostituzione del sistema oligarchico senza uscita con uno praticabile.
    Ma l'élite liberale del paese non è capace di una cosa del genere!
    1. Marzhetsky Online Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 10 può 2022 14: 06
      +1
      Hm. Qual è allora il disaccordo?
      1. Michele L. Офлайн Michele L.
        Michele L. 10 può 2022 14: 43
        +2
        Dear è limitato a un settore, senza intaccare il sistema nel suo insieme.
        1. Marzhetsky Online Marzhetsky
          Marzhetsky (Sergey) 10 può 2022 19: 16
          0
          Così è il tema dell'industria del petrolio e del gas.
          1. Michele L. Офлайн Michele L.
            Michele L. 11 può 2022 07: 22
            0
            La spiegazione è data sopra.
            Se non capisci, non fa per me! ;-(
  3. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 10 può 2022 13: 16
    0
    Primo. L'Occidente vuole abbandonare gli IDROCARBURI russi. Cioè, assolutamente senza soldi. E non è solo olio. A e

    il nostro paese potrà esportare materie prime non banali con un centesimo profitto, ma prodotti della sua profonda lavorazione, per soldi completamente diversi

    La proposta di investire nella lavorazione è assolutamente corretta. L'offerta di vendere un prodotto "profondamente lavorato" è completamente sbagliata.

    Secondo. Se l'Occidente sarà in grado di rifiutare o meno il petrolio russo non è nemmeno una domanda retorica. Non può. "Olio lettone" è già apparso.

    Ho scritto cento volte e scriverò altre cento volte. Non dobbiamo pensare a come "attaccare il petrolio russo", ma a come lasciare l'Occidente senza petrolio. E questo si ottiene solo con un divieto assoluto di fornitura di idrocarburi all'Occidente. Ciò vale principalmente per petrolio, gas e carbone. E dopo, entro due mesi, accetta la resa dell'Occidente.

    Aggiunta PS per gli appassionati di sviluppo della civiltà.
    Il mondo consuma circa 100 milioni di barili di petrolio (solo petrolio) al giorno. Questo fa 2,5 litri di olio al giorno a persona. Su una popolazione di 7 miliardi. Cioè 2,5 litri di olio AL GIORNO per CIASCUNO. Da allevatore di bestiame mongolo a Elon Musk. In medicina, si dice che una persona abbia bisogno di 2,5 litri di acqua al giorno per assicurarsi la vita. L'uomo nel suo attuale modello di civiltà è da tempo diventato un uomo del petrolio. Togliete l'olio e scivoleremo subito nel 19° secolo. Questo è il prezzo che l'Occidente DEVE pagare alla Russia. Comunque, l'Europa è d'obbligo.
    1. Marzhetsky Online Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) 10 può 2022 14: 05
      +1
      La proposta di investire nella lavorazione è assolutamente corretta. L'offerta di vendere un prodotto "profondamente lavorato" è completamente sbagliata.

      C'è una contraddizione qui all'interno di un paragrafo?

      Secondo. Se l'Occidente sarà in grado di rifiutare o meno il petrolio russo non è nemmeno una domanda retorica. Non può. "Olio lettone" è già apparso.

      Mi è sembrato che questo momento si rifletta nell'articolo?

      Ho scritto cento volte e scriverò altre cento volte. Non dobbiamo pensare a come "attaccare il petrolio russo", ma a come lasciare l'Occidente senza petrolio. E questo si ottiene solo con un divieto assoluto di fornitura di idrocarburi all'Occidente. Ciò vale principalmente per petrolio, gas e carbone. E dopo, entro due mesi, accetta la resa dell'Occidente.

      Laddove l'articolo contiene una proposta per vendere forzatamente l'Occidente è cresciuto. il petrolio?
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 10 può 2022 17: 34
        0
        Non c'è contraddizione. C'è una proposta per raffinare il nostro petrolio e non venderlo all'Occidente. Né olio né prodotti trasformati. Almeno fino alla firma della resa dell'Occidente.

        Come ha affermato il primo ministro Mossadegh, "l'Iran estrarrà tutto il petrolio di cui ha bisogno. E il resto del petrolio rimarrà sottoterra per le generazioni future". Questo è il motivo principale per cui Mossadegh è stato rovesciato.
      2. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) 10 può 2022 17: 35
        0
        La miscelazione del petrolio russo con altri gradi e l'emergere del "petrolio lettone" è il desiderio di vendere petrolio all'Occidente ad ogni costo. Oltre a vendere petrolio in India e Cina con uno sconto di $ 30.
  4. Jacques sekavar Офлайн Jacques sekavar
    Jacques sekavar (Jacques Sekavar) 10 può 2022 14: 03
    -2
    Secondo i comunisti cinesi, i benefici del confronto, del blocco della politica e della divisione del mondo in amici e nemici sono molto dubbi e sicuramente non contribuiscono alla crescita dell'economia mondiale.
    La dipendenza dal settore petrolifero e del gas è stata il risultato di un colpo di stato sotto la guida di Eltsin e del crollo dell'economia. Gli amici occidentali dei "democratici" hanno bisogno di materie prime, che la Federazione Russa ha in abbondanza, e principalmente di energia. Pertanto, la maggior parte degli investimenti non è andata nella scienza e nella produzione di mezzi di produzione, ma nelle industrie estrattive, trasformando la Federazione Russa dall'ex fondazione industriale dell'URSS in un'appendice di materie prime dell '"Occidente" - un'immagine tipica che si osserva oggi in quasi tutte le formazioni statali post-sovietiche.
    La situazione iniziò a cambiare con l'avvento di Vladimir Putin e, di conseguenza, le relazioni tra la Federazione Russa e l'Occidente collettivo iniziarono a cambiare.
    Si sta facendo molto per allontanare la Federazione Russa dalla dipendenza dalle materie prime e dalla nuova industrializzazione, ma i desideri non coincidono con le possibilità. È impossibile dirigere tutti gli sforzi verso lo sviluppo delle industrie del gruppo A senza esporre il gruppo B e quindi mettere in discussione la stabilità sociale con tutte le conseguenze che ne derivano. Non ci sono maghi, devi mantenere un equilibrio di interessi.
    Il trasferimento dei pagamenti per le risorse energetiche, e non solo per le risorse energetiche, in rubli, in primo luogo, priva "l'Occidente" dell'opportunità di rubarli, poiché ha rubato 300 miliardi di riserve auree e, in secondo luogo, non priva la Federazione Russa di un afflusso di valuta, che può essere utilizzata per acquistare in modo indiretto le attrezzature necessarie per la modernizzazione della produzione, come avvenne durante l'industrializzazione stalinista dell'URSS.
    Se l'Occidente si rifiuta di rifornire dalla Federazione Russa, il che è dubbio, allora quelli rilasciati dovrebbero ridurre i prezzi nel mercato interno con tutte le conseguenze che ne derivano, il resto può essere reindirizzato alla regione indo-pacifica e, prima di tutto, a la RPC, le cui rotte di rifornimento stanno tentando con tutti i mezzi di cavalcare gli Stati Uniti.
  5. yakisam Офлайн yakisam
    yakisam (Alexander) 10 può 2022 14: 14
    +2
    Solo la riforma dell'industria nazionale del petrolio e del gas può cambiarla

    Caro Sergey! È possibile spiegare più in dettaglio: quale settore si chiama "nazionale" ea spese di chi dovrebbe essere "riformato"?
    L'industria petrolifera e del gas della Federazione Russa è completamente privata, anche le compagnie "statali" non hanno nulla a che fare con la popolazione ("nazionale") e non hanno l'obiettivo di fornire alla popolazione, per esempio, benzina.
    L'industria petrolifera e del gas della Federazione Russa FU COMPLETAMENTE COSTRUITA come nazionale ("proprietà pubblica") e fu trasferita gratuitamente in mani private, "riformata". Cioè, sempre a spese della popolazione?
  6. cocomeri Офлайн cocomeri
    cocomeri (Ogurtsov) 10 può 2022 17: 57
    +1
    Mettere in naftalina alcuni dei pozzi. L'Europa è morta per la Russia. Se non vogliono comprare petrolio, non farlo, ne rimarrà di più per le generazioni future. Le scorte sono limitate, regalate gratuitamente
    1. Scharnhorst Офлайн Scharnhorst
      Scharnhorst (Scharnhorst) 12 può 2022 09: 41
      0
      In linea di massima sono d'accordo con te. Mi esprimo semplicemente in modo diverso. È necessario limitare legalmente il tetto della produzione di idrocarburi nella Federazione Russa con un periodo di revisione di 5-10 anni e introdurre il principio della consegna all'esportazione in base al residuo. Qualcosa come le quote per la cattura del pesce o per l'esportazione di grano...
  7. Ingvar7 Офлайн Ingvar7
    Ingvar7 (Ingvar Miller) 10 può 2022 18: 21
    0
    Putin leggerà sicuramente questo articolo?
  8. Marzhetsky Online Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 10 può 2022 19: 18
    +1
    Citazione: Ingvar7
    Putin leggerà sicuramente questo articolo?

    Assolutamente no, non lo leggerà, fa male occupato.
    Persone appositamente addestrate leggono e controllano i media e sulla base vengono prese note analitiche.
  9. Marzhetsky Online Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) 10 può 2022 19: 19
    +2
    Citazione: yakisam
    Solo la riforma dell'industria nazionale del petrolio e del gas può cambiarla
    Caro Sergey! È possibile spiegare più in dettaglio: quale settore si chiama "nazionale" ea spese di chi dovrebbe essere "riformato"?
    L'industria petrolifera e del gas della Federazione Russa è completamente privata, anche le compagnie "statali" non hanno nulla a che fare con la popolazione ("nazionale") e non hanno l'obiettivo di fornire alla popolazione, per esempio, benzina.
    L'industria petrolifera e del gas della Federazione Russa FU COMPLETAMENTE COSTRUITA come nazionale ("proprietà pubblica") e fu trasferita gratuitamente in mani private, "riformata". Cioè, sempre a spese della popolazione?

    Da persona di sinistra, vedo una via d'uscita nella nazionalizzazione di tali risorse e in una transizione graduale verso un'economia pianificata.
    Con la guerra in Ucraina e la Guerra Fredda con l'Occidente, l'alternativa è la sconfitta. A PARER MIO.
  10. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 10 può 2022 19: 37
    -2
    Come la Russia può evitare di diventare una materia prima appendice del sud-est asiatico

    - No, la Russia non dovrebbe nemmeno provare a fare qualcosa per lo "status di fornitore di gas e petrolio russi" - prova a cambiare radicalmente questo "suo status" (lo status di appendice di materia prima)! - Non funzionerà niente - in questa direzione, la Russia è già completamente in ritardo e completamente indietro! - quindi dobbiamo continuare ad esportare gas e petrolio e smetterla di preoccuparci di questo - comunque non funzionerà nulla! - Ma la Russia ha possibilità illimitate - basta "girare questa pagina del petrolio e del gas" (lasciando tutto lì come prima - è già "l'altro ieri") e cercare di "uscire nel mondo" in altre aree - nel campo della fisica quantistica e della meccanica quantistica; riprovare a sfondare nel campo dell'esplorazione spaziale; ricerca alla ricerca di nuove fonti di energia (ricerca sul plasma), ecc.
    - Perché la Russia dovrebbe cercare di cambiare il mondo "nel campo del gas e del petrolio" - tutto è vecchio quanto il mondo lì e presto cesserà di essere rilevante!
    1. Scharnhorst Офлайн Scharnhorst
      Scharnhorst (Scharnhorst) 12 può 2022 09: 56
      -1
      Irina, sono molto colpita dal tuo entusiasmo pionieristico e dal tuo bolscevismo non illuminato. Per provare qui e ora a combinare la teoria generale della relatività e la meccanica quantistica, sono necessarie grandi forze e mezzi. In Costa d'Avorio, questo è impossibile.