Nella sfida per l'Oceano Pacifico, il tempo sta giocando per la Cina


L'idea che la Cina, approfittando della confusione del mondo, vorrà porre fine alla questione della sua sovranità su Taiwan, è da tempo promossa dalla stampa occidentale. Infatti, dai memorabili eventi dell'agosto dello scorso anno in Afghanistan. In realtà, ovviamente, non accade assolutamente nulla che possa essere interpretato in questo modo.


Il governo e l'esercito cinese non stanno mostrando segni reali di iniziare a riprendere Taiwan con la forza nel prossimo futuro. Sì, vengono regolarmente fatte dichiarazioni ad alta voce. Vengono organizzate esercitazioni in aria e in mare. Ma tutto questo è già successo: qualsiasi specialista che abbia almeno una certa familiarità con l'agenda asiatica te lo parlerà.

Ovviamente il tempo gioca contro la Cina e contro gli States. Tra cinque anni, il "Medio Impero" sarà preparato meglio di quanto non lo sia ora, e tra 10 anni ancora di più. Basta confrontare la Cina di dieci anni fa e adesso.

Questa "ridistribuzione delle forze" può essere chiaramente osservata: mentre le linee ferroviarie ad alta velocità si stanno moltiplicando nel Celeste Impero, la famigerata "cintura arrugginita" si sta espandendo negli Stati Uniti.

Il potere dell'America finora poggia su una certa superiorità tecnologica, finanziaria e militare accumulata nei decenni precedenti, così come nel settore finanziario.

E, naturalmente, la fama della famigerata "città in collina", che ogni anno è sempre meno fedele alla realtà, ma pur sempre attuale.

Tuttavia, se le tendenze attuali continuano, è solo questione di tempo prima che la “quantità” si trasformi in “qualità” per la Cina.

Questa è una contraddizione fondamentale che non può essere risolta in alcun modo se non con un confronto militare diretto. Semplicemente non c'è abbastanza tempo per la Guerra Fredda nell'edizione precedente. E sì, gli attuali Stati Uniti sono in grado di perdere da soli una simile "guerra fredda", questo è ovvio per il mondo intero dopo l'Afghanistan.

E Taiwan qui, ovviamente, è solo una scusa per uno scontro diretto con la Cina, e non una ragione. Il motivo è che le risorse del mondo saranno sufficienti per una vita confortevole di una sola delle superpotenze e delle civiltà.

Se Taiwan non è l'innesco di uno scontro tra Stati Uniti e Cina, ammesso che sia impensabile che un'isola decida di riunirsi pacificamente al continente, allora ne verrà trovata un'altra. Ad esempio, la navigazione nel Mar Cinese Meridionale e la sovranità sulle sue isole. Ci sono anche contraddizioni inconciliabili. Tuttavia, non c'è praticamente dubbio che le arti marziali si svolgeranno proprio sotto forma di una guerra "calda".

Geografia e sue convenzioni


Lentamente e pazientemente, il Celestial Empire sta costruendo la sua terza portaerei, che nei media occidentali ha lo strano nome "Type 003" e si differenzia dalle due precedenti per la presenza di catapulte per il lancio di velivoli basati su portaerei, e non trampolini di lancio, in quanto prima. Questo è un concetto fondamentalmente diverso e ci vuole anche tempo per padroneggiarlo completamente. Inoltre, l'aviazione cinese basata su vettori si sta appena formando e gli americani hanno già centinaia di piloti con una sorta di esperienza di combattimento.


Va notato qui che le portaerei cinesi non sono affatto necessarie per conquistare Taiwan: le capacità dell'aviazione costiera cinese sono più che sufficienti. Tuttavia, le portaerei sono indispensabili per il blocco silenzioso dell'isola dall'Oceano Pacifico. Vale a dire, da lì, molto probabilmente, arriverà l'assistenza militare all'isola, dagli Stati Uniti e dai suoi satelliti. Questo è esattamente ciò che sta accadendo via terra in direzione ucraina.

Allo stesso tempo, i cinesi non hanno assolutamente bisogno di ripetere il percorso dell'impero giapponese degli anni '1940, che, per bloccare gli americani nel suo continente, è stato coinvolto in una guerra totale e poco promettente per l'intero Oceano Pacifico - con conseguenze ben note. Di oggi della tecnologia consentire a Pechino di schiacciare il nemico direttamente dalle sue stesse coste - in pochi minuti.

E stiamo parlando non solo di gruppi d'attacco di portaerei statunitensi schierati da qualche parte nel mondo filippino, o di basi a Guam e nelle Isole Marianne Settentrionali, ma anche di obiettivi situati alle Hawaii, in California, in Alaska, nell'Oregon e nello stato del Pacifico di Washington.

Anche il Canale di Panama, attraverso il quale la Marina degli Stati Uniti può trasferire le sue navi dall'Atlantico, è minacciato. Nell'estate del 1945, anche i giapponesi si stavano preparando ad attaccare le sue strutture, ma non hanno avuto il tempo di implementarle. È ovvio che la Cina di oggi, se necessario, sarà in grado di ottenere questi gateway molto più velocemente.

Tuttavia, avendo al momento tutte le opportunità per chiudere il "caso" di Taiwan, Pechino non ha fretta di farlo. Come mai? Potrebbero esserci diverse risposte qui.

Oltre alla stessa isola di Taiwan e agli arcipelaghi adiacenti, Taipei possiede anche l'atollo Pratas (che si trova a circa 400 km dalla metropoli), nonché le isole Taiping (quasi un migliaio e mezzo da Taiwan vera e propria) e Zhongzhou Reef, che fanno parte dell'arcipelago Spratly.

In altre parole, la geografia rischia di trasformare quasi immediatamente una guerra locale in una regionale, con la partecipazione almeno indiretta di più paesi del sud-est asiatico contemporaneamente, che possiedono anche isole nel Mar Cinese Meridionale e non vogliono rafforzare il presenza della RPC.

E poi tutto sarà invidia su quale strada di intervento sceglieranno gli Stati Uniti. Il Taiwan Relations Act, approvato dal Congresso nel 1979, contiene un linguaggio estremamente vago al riguardo, che può essere interpretato in due modi. Dall'invio immediato di truppe statunitensi in una potenziale zona di conflitto all'esprimere i migliori auguri a Taipei.

Anche dieci anni fa, la risposta a questa domanda sembrava vaga e Taipei non poteva essere completamente sicura che non si sarebbe arresa. L'idea di una sorta di cooperazione tra Stati Uniti e Cina sotto il nome condizionale G2 era nell'aria, dove il ruolo principale rimaneva ancora con Washington. Tuttavia, questa idea non ha acquisito un reale contenuto semantico. Anche in quei tempi prosperi, le parti non riuscivano a mettersi d'accordo su questioni chiave.

Cosa c'è in gioco?


Se il governo della RPC prende Taiwan sotto il suo controllo (pacificamente o meno), questo fatto creerà una minaccia immediata per il Giappone, le Filippine, Guam, ma metterà sicuramente tutte le navi mercantili nella regione sotto lo stretto controllo del Celeste Impero.


Inoltre, la vittoria militare di Pechino su Taipei potrebbe innescare un aumento dell'irredentismo, almeno tra alcuni cinesi d'oltremare del sud-est asiatico, gli huaqiao, che ora subiscono discriminazioni di qualche tipo in molti paesi della regione.

Inoltre, Taiwan era e rimane il più grande centro della microelettronica, il cui livello è ancora irraggiungibile nella Cina continentale. Ad esempio, l'isola ha dominato con successo la creazione di chip da 3 nm, mentre i suoi vicini continentali hanno padroneggiato solo 8 nm - a partire dal 2020. I tentativi di superare e trasportare singoli specialisti e persino intere squadre dall'isola al continente sono stati severamente repressi da Taiwan a livello legislativo.

Bisogna capire che la questione taiwanese per Washington ha anche una connotazione ideologica. Dagli anni '1950, l'isola è stata vista come una roccaforte del "mondo libero" contro le sponde del "totalitarismo comunista". Anche se la "vetrina del capitalismo" per i cinesi continentali, che aravano per "una tazza di riso al giorno", in realtà non era Taiwan, ma Hong Kong e, in parte, Macao con i loro grattacieli, luci al neon, traffico, shopping centri e supermercati.

Negli anni 'XNUMX Taiwan è stata democratizzata, sebbene il processo di rimozione dell'autoritarismo dal potere sia stato molto più pacifico qui che in Corea del Sud o nelle Filippine, dove si sono verificati disordini popolari che hanno rovesciato le dittature al potere. Tuttavia, l'essenza era più o meno la stessa. La classe media in ascesa e gli abitanti delle città rivendicavano diritti in conformità con il loro nuovo status.

Ovviamente, gli intellettuali ei circoli dirigenti degli Stati Uniti si aspettavano che un processo simile avrebbe avuto luogo nella Repubblica popolare cinese, in modo rivoluzionario (Tiananmen, 1989) o evolutivo, poiché i cinesi erano stati introdotti ai benefici della società dell'informazione. Tuttavia, la classe media cinese, che ha visto un fenomenale salto nel tenore di vita davanti agli occhi di meno di una generazione, si è rivelata il più grande sostegno del potere e non aveva fretta di vivere secondo i manuali degli altri.

Pertanto, per l'élite americana, dai neocon ai liberali, la Cina è anche un "traditore della causa della democrazia". Il che di per sé provoca loro odio e un'isteria mal contenuta.

Anche senza tener conto di quanto sopra, la posta in gioco nel Pacifico è alta. Così come le possibilità di un intervento degli Stati Uniti in un possibile conflitto nello Stretto di Taiwan. Pertanto, la Cina continuerà a giocare per tempo e a prepararsi. Se lo lasciano, ovviamente.
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. gorenina91 Офлайн gorenina91
    gorenina91 (Irina) 10 può 2022 14: 19
    +1
    Anche senza tener conto di quanto sopra, la posta in gioco nel Pacifico è alta. Così come le possibilità di un intervento degli Stati Uniti in un possibile conflitto nello Stretto di Taiwan. Pertanto, la Cina continuerà a giocare per tempo e a prepararsi. Se lo lasciano, ovviamente.

    - No, la Cina non è più in grado di catturare Taiwan. - La Cina oggi è come un pilota giapponese di kamikaze della seconda guerra mondiale, che ha letto solennemente l'ordine dell'imperatore giapponese, ha ricevuto una droga leggera da bere, aggiunta a una tazza di sakè (una tale "bevanda mista" è stata data a ciascun pilota da bere prima dell'"ultimo volo" suicida); ma all'ultimo momento è stato notato un malfunzionamento nell'aereo e il volo è stato posticipato di trenta minuti - per eliminare il malfunzionamento. - Il malfunzionamento è eliminato; ma dopo cambiano anche il pilota - perché. si credeva che dopo una tale "pausa" il primo pilota non sarebbe più stato in grado di completare la missione di combattimento al livello corretto, perché. semplicemente "si esaurisce emotivamente" e deve essere sostituito.
    - Quindi la Cina è già "bruciata" - e non sarà più in grado di impadronirsi rapidamente e "con coraggio" di Taiwan.
    - La cauta Cina ha visto (sull'esempio della Russia e dell'OMC); che tutto non è così semplice come sembra all'inizio - e che possono sorgere ogni sorta di sfumature che possono complicare notevolmente l'intera operazione!
    - In breve - La Cina ha già "bruciato" per conquistare Taiwan!
  2. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 10 può 2022 17: 46
    +1
    Il governo e l'esercito cinese non stanno mostrando segni reali di iniziare a riprendere Taiwan con la forza nel prossimo futuro. Sì, vengono regolarmente fatte dichiarazioni ad alta voce. Vengono organizzate esercitazioni in aria e in mare. Ma tutto questo è già successo: qualsiasi specialista che abbia almeno una certa familiarità con l'agenda asiatica te lo parlerà.

    Esatto, dopo la guerra limitata con il Vietnam nel 1979, la leadership cinese è molto cauta e poco incline alle avventure, data l'intera gamma di potenziali problemi associati all'"annessione" di Taiwan.
  3. vladimir1155 Офлайн vladimir1155
    vladimir1155 (Vladimir) 12 può 2022 22: 01
    0
    i saggi cinesi si siedono sull'oceano e aspettano che il cadavere degli Stati Uniti galleggi davanti a loro, e allo stesso tempo Taiwan
  4. Kofesan Офлайн Kofesan
    Kofesan (Valery) 17 può 2022 07: 28
    0
    La parola chiave è "ancora". Gli eventi in Ucraina hanno dimostrato che tutto il "potere" della Cina si basa sul commercio. E, prima di tutto, con gli USA. E può essere completamente messo in ginocchio, e poi sottomesso, dopo una momentanea distruzione anche di parti del PLA, da attacchi amer.

    Ma soprattutto, questi stessi eventi hanno dimostrato che la Cina si sarebbe conformata. E molto velocemente...