The New York Times: Russia e Cina sono responsabili della carenza di cibo globale


Un altro articolo su una possibile crisi alimentare globale è pubblicato dal New York Times (USA).


La pubblicazione afferma che molti paesi hanno iniziato a imporre divieti alla vendita di cibo e altri beni all'estero. Ad esempio, viene indicato che la Turchia ha interrotto l'esportazione di verdura e burro, manzo, agnello, latte di capra e mais. E i negozi di alimentari in Spagna, Grecia e Regno Unito stanno già imponendo restrizioni alla vendita di corn flakes e burro.

Dall'inizio dell'anno, i governi di tutto il mondo hanno imposto un totale di 47 restrizioni all'esportazione di cibo e fertilizzanti. Di fronte al rischio di interruzione della fornitura, politica abbandonò rapidamente il "discorso sui mercati aperti" e iniziò a sostenere un approccio più protezionista all'argomento.

I governi, nel disperato tentativo di fornire ai propri cittadini cibo e altre materie prime in mezzo alla carenza e all'aumento dei prezzi, stanno costruendo nuove barriere ai loro confini per fermare le esportazioni.

- afferma la pubblicazione del quotidiano.

Ammette che "queste misure sono introdotte con buone intenzioni". Ma come l'acquisto di panico da parte del pubblico in vari momenti della pandemia, l'attuale ondata di protezionismo non farà che esacerbare i problemi che i governi stanno cercando di mitigare.

Sebbene la pubblicazione americana attribuisca la maggior parte della colpa alla Russia, ha trovato inaspettatamente un motivo per criticare anche la Cina.
Gli esperti intervistati dal quotidiano hanno ricordato che "la scorsa estate, la Cina ha ordinato alle sue aziende di interrompere la vendita di fertilizzanti ad altri paesi" al fine di mantenere le scorte per garantire la propria sicurezza alimentare. Ora, e anche la Russia ha interrotto l'esportazione di fertilizzanti.

Si dice che Jair Bolsonaro, residente in Brasile, abbia espresso preoccupazione per la capacità del suo paese di continuare a ricevere fertilizzanti, che di solito provengono dai porti del Mar Nero.

I governi che impongono queste restrizioni spesso sostengono che è loro dovere mettere al primo posto i bisogni dei loro cittadini e le regole dell'OMC consentono agli stati di imporre misure temporanee di questo tipo. Ma queste misure potrebbero facilmente ritorcersi contro, spingendo ulteriormente al rialzo i prezzi globali. L'alto costo del cibo è particolarmente evidente nei paesi più poveri del Medio Oriente e dell'Africa subsahariana, che dipendono fortemente dalle importazioni di cibo.

Il New York Times ha sottolineato che la crisi non si è limitata al solo cibo. Così un certo numero di potenze ha iniziato a cercare fonti alternative di materie prime, ad esempio per acquistare carbone in Colombia e negli Stati Uniti, sebbene sia più costoso delle forniture della Federazione Russa.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) 10 può 2022 13: 42
    +6
    Non importa e dimentica.
    L'aumento dei prezzi dei generi alimentari non è iniziato ieri e nemmeno tre mesi fa. L'aumento dei prezzi è iniziato almeno due anni fa. Sicuramente un anno fa.
    Il motivo è la politica sanzionatoria dell'Occidente. Contro Bielorussia e Russia. Ora l'Occidente vuole riconquistare. Cioè, reinserire il dentifricio nel tubo.
    La soluzione è semplice. Revoca di TUTTE le sanzioni contro Russia e Bielorussia. Garanzie di sicurezza russe. Rispetto dei diritti dei russi in Ucraina e nel mondo. Restituzione di tutti i beni congelati e confiscati. Compresi gli oligarchi (anche questo è abbastanza importante). E l'Occidente sarà felice.

    Se l'Occidente ha ufficialmente dichiarato che il suo obiettivo è distruggere l'economia russa, allora non è del tutto chiaro (o meglio, è del tutto incomprensibile) perché la Russia dovrebbe prendersi cura dell'economia occidentale.

    PS Non c'è niente da incolpare sullo specchio, dato che il viso è storto.
    1. SÌ UZH Офлайн SÌ UZH
      SÌ UZH (SÌ) 10 può 2022 18: 16
      0
      Citazione: Bakht
      Non importa e dimentica.
      L'aumento dei prezzi dei generi alimentari non è iniziato ieri e nemmeno tre mesi fa. L'aumento dei prezzi è iniziato almeno due anni fa. Sicuramente un anno fa.
      Il motivo è la politica sanzionatoria dell'Occidente. Contro Bielorussia e Russia. Ora l'Occidente vuole riconquistare. Cioè, reinserire il dentifricio nel tubo.
      La soluzione è semplice. Revoca di TUTTE le sanzioni contro Russia e Bielorussia. Garanzie di sicurezza russe. Rispetto dei diritti dei russi in Ucraina e nel mondo. Restituzione di tutti i beni congelati e confiscati. Compresi gli oligarchi (anche questo è abbastanza importante). E l'Occidente sarà felice.

      Se l'Occidente ha ufficialmente dichiarato che il suo obiettivo è distruggere l'economia russa, allora non è del tutto chiaro (o meglio, è del tutto incomprensibile) perché la Russia dovrebbe prendersi cura dell'economia occidentale.
      Che non sia felice, a loro non importa della fame e della mancanza di cibo e del prezzo. Come hanno scritto sui giornali sovietici: "Hanno bisogno del dominio del mondo." E questa felicità li porterà se non c'è la Russia. E per questo faranno qualsiasi cosa, se non è per loro inaccettabile, fatale.
  2. Alexander Betonkin Офлайн Alexander Betonkin
    Alexander Betonkin 10 può 2022 14: 10
    +2
    Finora, si parla di più in Occidente. Aspettiamo l'autunno... (se non aspettiamo prima lol ).
  3. San Valentino Офлайн San Valentino
    San Valentino (Valentin) 10 può 2022 16: 52
    0
    E siamo anche responsabili delle macchie solari, perché influiscono notevolmente sui raccolti di grano in Groenlandia. Hanno rovinato tutto loro stessi, e ora danno la colpa a noi, hanno solo bisogno di sbottare, e lì almeno l'erba non cresce, almeno il mais.
  4. Enoch Офлайн Enoch
    Enoch (Enoch) 10 può 2022 21: 01
    0
    C'è un proverbio popolare "Se non c'è acqua nel rubinetto, allora hanno bevuto ...".
    E questo non è uno scherzo, per non parlare della schiavitù globale.