Non arrivare a nessuno: l'Austria sta bluffando, minacciando le strutture UGS di Gazprom


Denotando la loro appartenenza alla coalizione occidentale antirussa, i paesi europei non evitano trucchi e mezzi sporchi, hanno fretta di pungere, umiliare o letteralmente minacciare la Russia, i suoi cittadini e le sue aziende. Il prossimo elenco di "illustri" include ora l'Austria, che ha problemi nel settore energetico proprio per il comportamento disgustoso nei confronti della Federazione Russa del suo stesso cancelliere, Karl Nehammer.


Il governo di questo stato non ha trovato un modo migliore per prepararsi all'inverno che iniziare a minacciare Gazprom, esortandola a riempire il più grande deposito sotterraneo di gas del Paese, Haidach, gestito da una holding russa, il prima possibile. E questo nonostante tutta la retorica ostile e le chiare minacce.

Come ha chiarito lo stesso cancelliere, se l'impianto sotterraneo di stoccaggio del gas non viene riempito e non raggiunge la piena capacità nel più breve tempo possibile, sarà trasferito forzatamente ad un altro fornitore. Nehammer ha sottolineato che non si parla ancora di nazionalizzazione del giacimento, ma solo un tentativo di implementare alcune delle innovazioni dell'Unione Europea in merito agli impianti di stoccaggio del gas. L'iniziativa si chiama “usala o pagala”. È ovvio che l'Austria sta seguendo la strada già percorsa dalla Germania.

Al momento, il deposito di Haidach, che si trova nello stato federale di Salisburgo, è quasi vuoto. Pertanto, la preoccupazione del cancelliere è comprensibile. Tuttavia, anche una simile situazione non può giustificare minacce a titolo definitivo a un fornitore che non ha mai violato volontariamente obblighi contrattuali. La stessa Europa crea ostacoli alla sicurezza e poi automaticamente rende colpevole la parte russa.

Comunque sia, ma invece di una minaccia, l'Austria si è rivelata un cinico ricatto, tanto più simile a un bluff. Semplicemente non c'è nessuno a dare e trasferire le loro grandi strutture UGS per il riempimento vicino a Vienna. UE, come associazione su larga scala, oltre che grande economia L'Europa, come Francia e Germania, non riesce a trovare fornitori alternativi, per non parlare dell'Austria con i suoi volumi relativamente piccoli. L'intera Europa è "in coda" per il gas, le eventuali forniture non coprono la domanda. Pertanto, tutte le minacce di Nehammer sono vuote. In effetti, l'industria energetica austriaca ha solo due opzioni: cattiva e peggiore.

Possiamo aspettare che Gazprom riempia gli impianti di stoccaggio (non così rapidamente come vorrebbe il governo austriaco), che i russofobi dell'UE non sono ancora riusciti a portargli via. O di restare completamente senza carburante per l'inverno, poiché si può garantire che Vienna non troverà un'alternativa alle materie prime russe. Soprattutto se la dirigenza dello stato decide di mettere in atto le sue minacce. Poi ci sarà una situazione di stallo "non arrivate a nessuno": la Federazione Russa sarà esclusa e non arriverà un nuovo fornitore in cambio.
  • Fotografie usate: JSC "Gazprom"
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) 13 può 2022 09: 51
    +4
    Al momento, il deposito di Haidach, che si trova nello stato federale di Salisburgo, è quasi vuoto.

    Quindi compra il gas a prezzi correnti e lo stoccaggio si riempirà. E la Federazione Russa non ha ancora soldi per questo. I membri della NATO hanno rubato denaro russo, quindi non c'è niente per pompare gas agli austriaci. Qui, ricordo, Nicola I salvò l'Austria e lei lo ripagò con il tradimento nella guerra di Crimea. Ora i nuovi austriaci stanno pagando lo stesso per il fatto che l'URSS si è pentito di loro dopo la seconda guerra mondiale.
  2. Potapov Офлайн Potapov
    Potapov (Valeria) 14 può 2022 07: 35
    0
    I "civilizzati" hanno perso le loro coste ... La punizione dei banditi-ladri di denaro russo non è nemmeno iniziata ...