Rinascita di Baikal: cosa c'è di sbagliato nel razzo riutilizzabile russo?


Hai bisogno di riutilizzabilità?


Si sono verificati missili riutilizzabili (o meglio, parzialmente riutilizzabili). Questo è un fatto concreto. SpaceX ha dimostrato negli ultimi anni che il primo stadio di un veicolo di lancio Falcon 9 non solo può effettuare uno spettacolare atterraggio verticale dopo il lancio, ma può anche essere riutilizzato per altri lanci. In teoria, questo apre opportunità inaudite per ridurre il costo del lancio di razzi spaziali. Ma questo è in teoria. Ora i punti di vista sui vantaggi dei veicoli di lancio riutilizzabili sono ora molto diversi. Così, il capo dell'European ArianeGroup Alain Charmeau in un'intervista all'edizione tedesca di Spiegel Online ha detto quanto segue:

Supponiamo di avere un razzo che può essere riutilizzato dieci volte, quindi costruiremo esattamente un razzo all'anno. Non ha senso. Non posso dire alle mie squadre: "ciao a tutti, continueremo a lavorare il prossimo anno!"


Sulla base delle sue parole, il famoso divulgatore russo della scienza Vitaly Egorov definisce il principale ostacolo sulla via della riutilizzabilità al flusso limitato di merci in orbita.

Ma qui devi esprimere una serie di sfumature. Innanzitutto, gli europei di ArianeGroup non hanno alcun razzo riutilizzabile. I designer moderni europei sono generalmente lontani dal creare un analogo del pesante Falcon 9, nonostante lo strano concetto di Adeline presentato in precedenza. L'UE non riconoscerà ufficialmente il ritardo rispetto a SpaceX: soprattutto in attesa di testare il nuovo razzo europeo Ariane 6, che non può vantare la riutilizzabilità. Almeno nella prima fase. In secondo luogo, il mercato dei lanci spaziali, come tutti gli altri, non si ferma. E cosa accadrà tra dieci o quindici anni, nessuno può prevedere con esattezza. Ma con un alto grado di probabilità, i razzi riutilizzabili saranno in grado di adattarsi bene al suo interno, anche se forniscono un risparmio del 10-15% rispetto ai lanci una tantum. Nel mondo moderno, questa è una richiesta molto seria per il successo.


Atterraggio del primo stadio del razzo americano Falcon 9

Cosa è e cosa sarà

In generale, l'idea di creare un razzo riutilizzabile russo non è nata da zero. E il punto qui non è affatto nei progetti sovietici e nemmeno nello SpaceX americano. Basti ricordare il progetto russo "Crown", il cui lavoro iniziò nel 1992. Intendono creare un veicolo di lancio riutilizzabile monostadio con decollo e atterraggio verticali: un veicolo di lancio di classe leggera in grado di lanciare fino a sette tonnellate di carico in un'orbita di riferimento bassa. La riutilizzabilità del veicolo di lancio nel suo complesso è di 100 voli, i suoi singoli elementi - almeno 25. Ora è difficile parlare delle sue prospettive, ma sembra che tutto sia nel passato. notizie su "Korona" ormai lontana, e la nuova strategia di Roscosmos chiaramente non favorisce i nuovi-vecchi (perdonatemi un simile gioco di parole) sviluppi interni. Rogozin ha delineato chiaramente diverse aree principali e più importanti e non le rivedrà ancora. Ciò include, in particolare, il longanime Angara, il nuovo razzo Soyuz-5 e, ovviamente, la Federazione (le prospettive di quest'ultima, tra l'altro, sono ancora molto vaghe). Ora sembra che questa lista sia stata riempita con un promettente razzo riutilizzabile di classe leggera.


Veicolo di lancio riutilizzabile con decollo e atterraggio verticale "Korona"

Luce del razzo

Negli ultimi mesi abbiamo sentito parlare sempre di più di un simile mezzo. L'idea stessa sembra molto ricca. Dopo tutto, ora la "moda" è chiaramente visibile non tanto per i missili riutilizzabili quanto per i lanciatori leggeri. La logica è semplice: sono economici, ma allo stesso tempo potranno lanciare in orbita parte del carico commerciale. Cioè, i veicoli di lancio leggeri / ultraleggeri hanno tutte le possibilità di ottenere una solida posizione sul mercato nei prossimi anni. Falcon 9 non li minaccia: afferma di essere una nicchia diversa. Come, tuttavia, e un promettente razzo riutilizzabile di Blue Origin chiamato New Glenn.

Dall'esterno tutto sembrava a posto. Ma poi sono iniziate le stranezze. Nell'agosto di quest'anno, al forum dell'aviazione di Ulyanovsk, il figlio di Dmitry Rogozin, direttore generale di PJSC "Il" Alexei Rogozin, ha annunciato di lavorare nel quadro di un concetto tutt'altro che nuovo, ma precedentemente non realizzato e altamente controverso, molto diverso da quello creato da Musk. Questa è una fase reversibile di tipo aeronautico.

Questa è la soluzione che stiamo implementando a livello di progetto preliminare. Abbiamo affidato questo lavoro a Roscosmos

- ha osservato Rogozin Jr.

Non abbiamo nessun posto dove atterrare sulla piattaforma del mare. Roscosmos, insieme alla Foundation for Advanced Study, ha fissato il compito di come rendere l'atterraggio di un tipo di aereo

- ha aggiunto il direttore generale di PJSC "IL".

Cioè, il ritorno del primo stadio può essere effettuato approssimativamente allo stesso modo delle navette "Space Shuttle" e "Buran" restituite.


Le formulazioni francamente errate sono immediatamente evidenti. "Non c'è nessun posto dove atterrare sulla piattaforma offshore" non può essere definito un argomento, perché l'atterraggio del primo stadio del razzo Falcon 9 è stato effettuato, anche su siti a terra, e questo non è stato un problema. Inoltre, secondo l'accademico dell'Accademia russa di cosmonautica Alexander Zheleznyakov, IL non ha sufficiente esperienza nella progettazione di tali sistemi.

Un tempo, anche Tupolev, Myasishchev e Mikoyan erano coinvolti in tali sistemi. Perché è stato affidato agli "Ilyushinites" - non è chiaro

- disse.

L'accademico ha notato che l'alto costo dell'approccio "aereo" descritto era stato compreso dagli esperti negli anni '80. Questo è probabilmente uno dei motivi per cui il progetto Baikal non è stato attivato. Ricordiamo che si trattava del booster riutilizzabile del primo stadio del veicolo di lancio Angara. L'idea principale del progetto era che il razzo, che aveva completato il compito, separato dal vettore, tornasse automaticamente al sito di lancio ed atterrasse come un aeroplano. Ha sviluppato il progetto del Centro di ricerca e produzione statale di Khrunichev.


Tuttavia, gli specialisti russi, a quanto pare, non intendono abbandonare il missile riutilizzabile di classe leggera. Già a settembre, l'Advanced Research Fund ha annunciato che nei prossimi quattro anni, i designer russi creeranno un dimostratore completamente funzionale della fase di rientro di tale vettore. I lavori direttamente sul progetto, denominato "Wing-SV", inizieranno nella prima metà del 2019.

La fonte ha osservato che la preparazione dei termini di riferimento è in pieno svolgimento. Vogliono fare passi utilizzando esclusivamente materiali russi: l'appaltatore principale è EMZ im. Myasishchev. Il palco tornerà sulla Terra a velocità ipersonica. L'FPI ha affermato che i dimostratori subsonici verranno utilizzati per praticare l'atterraggio automatico e le modalità di volo subsonico, mentre i dimostratori ipersonici verranno utilizzati rispettivamente per praticare le modalità ipersoniche.

Abbiamo intenzione di implementare il progetto in un'ampia collaborazione con un certo numero di imprese russe. La creazione del dimostratore sarà finanziata dall'Advanced Research Fund, quindi Krylo sarà incluso nel programma federale.


Il tipo proposto di sistema riutilizzabile "Baikal"

I termini più dettagliati per oggi sono sconosciuti, poiché il ruolo di Alexei Rogozin in esso è sconosciuto. La sensazione spiacevole qui può essere attenuata solo dal già citato progetto europeo Adeline, che, in linea di principio, con tutta la nebulosa tecnico la formulazione è concettualmente vicina a ciò di cui parlano ora i funzionari russi. A quanto pare, anche questo non "scalda" esperti indipendenti.

Le gambe (come il razzo Falcon 9) richiedono massa minima e raffinatezza rispetto ad altre opzioni. Puoi atterrare in aereo. Non puoi risparmiare su questo

- Ha detto di recente Vitaly Egorov.

Anche in questo caso, i progetti sono progetti, ma in pratica nessuno ha ancora implementato un razzo spaziale del tipo "aereo". E non è un dato di fatto che lo faccia. La storia dei progetti spaziali russi che sono caduti nell'oblio lo dimostra chiaramente.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: https://timeshola.ru
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.