La Russia dovrebbe investire nell'African Stream: una discussione sulle prospettive

La Russia dovrebbe investire nell'African Stream: una discussione sulle prospettive

Una delle principali "sensazioni" degli ultimi giorni può essere considerata un messaggio che la Russia sarebbe pronta a investire nella costruzione del gasdotto sottomarino più lungo del mondo dalla Nigeria all'Europa. Questo notizie, che proveniva dall'edizione araba di Noon Post, è stato ripreso e distribuito da tutti i media nazionali. Allora che cos'è davvero, una banale "anatra" o "insider" sulle reali intenzioni della leadership russa?


"De-russificazione" del mercato del gas



Se si guarda alla pubblicazione originale, l'osservatore del Noon Post ritiene che il motivo principale dell'Unione Europea, che sarà la principale beneficiaria della costruzione del nuovo gasdotto, sia "tagliare le fonti di finanziamento per l'operazione speciale militare in Ucraina." In realtà, questo non è ovviamente il caso.

Se il "collettivo Medinsky" non interferisce con l'esercito russo, Nezalezhnaya sarà smilitarizzato entro la fine del 2022. Il gasdotto sottomarino più lungo del mondo non sarà costruito così rapidamente, quindi i veri compiti per Bruxelles sono completamente diversi. Sotto la pressione degli Stati Uniti, la leadership dell'Unione Europea si è posta l'obiettivo di liberarsi della dipendenza dalla Russia nel settore energetico e, allo stesso tempo, di "strangolare" la Russia l'economiaprivandola del reddito derivante dall'esportazione di materie prime di idrocarburi. E la "dispensa africana" può svolgere un ruolo molto importante in questo.

Nonostante la palese povertà della maggior parte della popolazione, la Nigeria è uno dei paesi più ricchi del mondo in termini di riserve di petrolio e gas. In termini di "oro nero", la Nigeria è il più grande esportatore del "continente nero" e l'ottavo al mondo. Le esportazioni di petrolio forniscono circa il 90% dei proventi delle esportazioni del paese. Le riserve accertate di gas nigeriano sono stimate in 5,22 trilioni di metri cubi. Indubbiamente l'Europa gli avrebbe posato la zampa da tempo, ma il problema sta nella sfortunata posizione geografica di questo Paese, che si trova al largo della costa occidentale dell'Africa, tagliato fuori dal Mediterraneo da molti altri Stati con una difficile situazione interna . Per questo la Nigeria si è affidata al GNL, riuscendo ad aumentare le sue esportazioni annuali a 21,9 milioni di tonnellate. Questo però non basta all'Unione Europea, che per ragioni puramente politiche ha voluto interrompere l'importazione di gas russo. Progetti alternativi di pipeline, anche francamente folli, sono ancora una volta all'ordine del giorno.

Come abbiamo già indicato sopra, la Nigeria è tagliata fuori dal Marocco, che dovrebbe diventare il punto di uscita del gasdotto dal “continente nero”, da molti Paesi africani in difficoltà, per un totale di 11 pezzi. Nonostante ciò, nel 2016 è stato firmato un accordo preliminare per la realizzazione di un gasdotto gigante:

La Nigeria e il Marocco stanno collaborando per costruire il gasdotto sottomarino più lungo del mondo e il secondo gasdotto più lungo del mondo. Trasporterà gas dalla Nigeria al Marocco e all'Europa attraverso 11 paesi dell'Africa occidentale.

In Marocco volevano che fosse scelto un percorso diretto attraverso il deserto del Sahara, ripetendo in parte il percorso del previsto gasdotto Trans-Sahara, ma con accesso al suo territorio e non all'Algeria. La capacità di un tale gasdotto doveva essere di 30 miliardi di metri cubi all'anno, la lunghezza - poco più di 4 mila chilometri. Tuttavia, la Nigeria preferisce un'opzione più sicura, che prevede la posa di un gasdotto sott'acqua lungo la costa dell'Africa occidentale. La sua lunghezza può raggiungere i 5,66 mila chilometri, il che lo renderà il secondo più lungo al mondo e il primo tra quelli subacquei. La complessità e il costo del progetto sono dovuti ai requisiti di sicurezza, poiché il Sahara è ora un luogo molto turbolento in termini di minaccia terroristica e numerosi paesi di transito sono politicamente instabili.

In generale, questo "Stream africano", se verrà costruito, non sarà molto presto. In ogni caso, l'operazione speciale in Ucraina non durerà a lungo. La domanda principale è: perché la Russia dovrebbe essere coinvolta in questo progetto, a meno che, ovviamente, non si tratti di un banale "falso"?

"Torrente africano"



Qui stiamo aspettando il più interessante. Il Noon Post scrive che la Russia non vuole perdere la sua esperienza nella costruzione di gasdotti sottomarini, prendere piede nel continente africano e anche mantenere lo status di "re del gas" assumendo il controllo di gasdotti alternativi. A pensarci bene, queste tesi non reggono al controllo.

Per quanto riguarda la costruzione di gasdotti sottomarini, qui, a quanto pare, si intende il nostro longanime Nord Stream 2, di cui Gazprom ha completato la costruzione da solo con il peccato a metà. L'esperienza è senza dubbio preziosa, ma ha dimostrato che la Russia ha enormi problemi con il materiale corrispondentetecnico base. L'unica nave posatubi a tutti gli effetti doveva essere strappata dal progetto su Sakhalin e portata in giro per l'Africa fino al Baltico. Di conseguenza, infatti, i restanti chilometri del Nord Stream 2 sono stati completati dalla chiatta Fortuna, che non dispone nemmeno di un sistema di posizionamento automatico. "Akademik Chersky" è tornato in Estremo Oriente, dove era già tornato al suo lavoro principale.

Non è chiaro come la Russia, le cui poche navi posatubi specializzate sono sotto sanzioni occidentali, possa aiutare la Nigeria a costruire il gasdotto sottomarino più lungo del mondo. È possibile in qualche modo sorpassare la chiatta Fortuna sulla costa africana, noleggiandola.

La tesi che la Russia possa assumere il controllo del gasdotto in costruzione non regge a nessuna critica. Come? Acquistandolo? Il costo del progetto, secondo le stime preliminari, è compreso tra 30 e 50 miliardi di dollari. Pagare per la costruzione del gasdotto, quindi provare a chiuderlo? Ma chi lo permetterà? Europei e nigeriani? Come mai? Il massimo su cui si può realisticamente contare è diventare un azionista di minoranza della società operativa che sarà proprietaria e gestita di African Stream. In altre parole, pagare a proprie spese la costruzione di un'alternativa al Nord Stream 2, senza poterne fermare i lavori, perché nessuno permetterà alla Russia di farlo. Quindi vale la pena essere coinvolti in tutto questo?

La cosa migliore che la nostra leadership può fare oggi è accelerare il processo di sostituzione all'importazione delle attrezzature necessarie per la liquefazione del gas e la successiva rigassificazione, nonché la costruzione di una flotta specializzata di navi cisterna. La possibilità di esportare liberamente GNL e petrolio senza essere vincolati al sistema di oleodotti in qualsiasi parte del mondo diversifica seriamente i rischi dell'economia nazionale.
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Alexey Davydov Офлайн Alexey Davydov
    Alexey Davydov (Alex) 14 può 2022 11: 03
    +2
    L'articolo non ha dato una risposta alla domanda posta all'inizio: è una "anatra"?
    Se "anatra" - nessuna domanda.
    Se non una "anatra", allora questa è la seconda, ultimamente, prova di ___________ gli interessi del Paese da parte del suo governo. Lascia che ti ricordi che il 1.05.2022 maggio 400 il Ministero delle Finanze della Federazione Russa ha trasferito mezzo miliardo di dollari (in dollari USA) all'Occidente come pagamento del debito il XNUMX maggio XNUMX. Oltre ai XNUMX miliardi di dollari delle nostre riserve rubate in precedenza dallo stesso Occidente e importi comparabili di altri beni di residenti russi.
    Nel contesto della necessità di consolidare le risorse del Paese per vincere la guerra per procura sull'Occidente collettivo e la sostituzione delle importazioni. Inserisci la tua parola
  2. colonnello Kudasov Офлайн colonnello Kudasov
    colonnello Kudasov (Boris) 14 può 2022 12: 56
    0
    È chiaro che si tratta di un falso, a meno che ovviamente il governo della Federazione Russa non sia impazzito. Ma il motivo per cui questo falso è stato rilasciato non è affatto chiaro. Forse la Nigeria o chi c'è dietro ha deciso in questo modo di "stimolare" gli investitori occidentali e mostrare una sorta di gara per la costruzione di un tubo completamente folle
  3. Vox populi Офлайн Vox populi
    Vox populi (Vox populi) 14 può 2022 17: 45
    +1
    La cosa migliore che la nostra leadership può fare oggi è accelerare il processo di sostituzione all'importazione delle attrezzature necessarie per la liquefazione del gas e la successiva rigassificazione, nonché la costruzione di una flotta specializzata di navi cisterna. La possibilità di esportare liberamente GNL e petrolio senza essere vincolati al sistema di oleodotti in qualsiasi parte del mondo diversifica seriamente i rischi dell'economia nazionale.

    È logico, ma funzionerà per "lui" ?!
  4. 1_2 Офлайн 1_2
    1_2 (Le anatre stanno volando) 15 può 2022 15: 25
    -2
    se la Nigeria avesse enormi riserve di gas, ci sarebbero state basi NATO lì per molto tempo, non c'è niente lì, gli europei si stanno strappando i capelli ... dagli alti prezzi del gas e inventano sciocchezze per ridurli, ingenui. .
  5. aslanxnumx Офлайн aslanxnumx
    aslanxnumx (Aslan) 15 può 2022 17: 56
    +3
    La Russia deve investire all'interno del Paese, non forniamo gas ovunque